Il dollaro fa una pausa per riprendere fiato mentre il mercato si prepara all’inflazione statunitense, test della Fed

Il dollaro fa una pausa per riprendere fiato mentre il mercato si prepara all’inflazione statunitense, test della Fed
Il dollaro fa una pausa per riprendere fiato mentre il mercato si prepara all’inflazione statunitense, test della Fed

Aggiornamenti alle 08:03 GMT

Di Samuel Indyk e Brigid Riley

LONDRA, 12 giugno (Reuters) Mercoledì il dollaro si è stabilizzato, dopo aver toccato il massimo di quattro settimane contro le altre valute il giorno prima, poiché gli operatori del mercato si aspettavano i dati chiave sull’inflazione statunitense, la decisione politica della Federal Reserve e le proiezioni economiche aggiornate nel corso della giornata.

Il dollaro americano ha registrato un rimbalzo più forte del previsto dopo venerdì rapporto sui lavori ha aumentato la prospettiva che l’inflazione rimanga vischiosa mentre la crescita rimane forte, rendendo meno probabile che la banca centrale americana tagli i tassi nei prossimi mesi.

Gli investitori avranno la possibilità di valutare la situazione dell’inflazione quando i numeri dell’indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti verranno pubblicati alle 12.30 GMT, poche ore prima che la Fed concluda la sua riunione politica di due giorni.

Gli economisti intervistati da Reuters si aspettano che l’inflazione complessiva sia aumentata dello 0,1% a maggio, un ritmo più lento rispetto all’aumento dello 0,3% del mese precedente. Si prevede che l’inflazione core a maggio sia aumentata dello 0,3% rispetto ad aprile.

La Fed è ampiamente vista mantenere i tassi al 5,25%5,5%, concentrandosi sulle proiezioni economiche aggiornate dei politici note come “dot plot” e sulla conferenza stampa del presidente Jerome Powell per ottenere indizi riguardanti i tempi e il ritmo dei tagli.

“Sembra che il consenso sia che il numero di tagli nel 2024 sarà declassato dagli attuali tre a due” nell’ultimo dot plot, ha affermato Kieran Williams, responsabile di Asia FX presso InTouch Capital Markets.

Tuttavia, è probabile che Powell assuma un tono relativamente accomodante, visti gli indicatori di crescita deludenti dall’ultima riunione della Fed, ha detto Williams.

L’indice del dollaro =USDche misura il biglietto verde rispetto a una manciata di valute principali, si è stabilizzato a 105,26, dopo aver toccato martedì il livello più forte dal 14 maggio a 105,46.

“Nelle ultime quattro riunioni il dollaro ha chiuso in ribasso, soprattutto perché Powell ha avuto un tono accomodante durante la conferenza stampa,” ha detto Chris Turner, responsabile globale dei mercati di ING.

“Potrei vedere una ripetizione di ciò oggi. Ha un po’ più di argomenti per essere accomodante oggi”, ha aggiunto Turner, citando un allentamento in alcuni dati sull’attività, un aumento del tasso di disoccupazione e un’inflazione che si avvicina al target.

L’euro EUR=EBS è rimasto poco cambiato a 1,0743 dollari dopo che un recente calo ha portato la moneta unica al minimo di quasi sei settimane di 1,07195 dollari martedì.

La valuta è stata sotto pressione dopo che i partiti di estrema destra hanno guadagnato terreno Elezioni del Parlamento europeospingendo il presidente francese Emmanuel Macron a chiamare a elezioni anticipateche si svolgerà in due turni il 30 giugno e il 7 luglio.

Sondaggi hanno il Raggruppamento Nazionale di estrema destra di Marine Le Pen come il partito più popolare, ma probabilmente lo farà non essere all’altezza di una maggioranza assoluta.

L’incertezza intorno alle elezioni sta intaccando l’attrattiva dell’euro, ha detto Turner di ING.

“Penso che sarà un lungo giugno”, ha detto Turner.

“Per oggi, se i dati statunitensi o Powell dovessero rivelarsi accomodanti, non credo che l’euro-dollaro sarà il miglior veicolo per sfruttare il dollaro più debole”, ha aggiunto.

Sterlina GBP=D3 è stato leggermente più alto a $ 1,27485 nonostante i risultati dell’economia britannica nessuna crescita ad aprile in un duro colpo per il primo ministro Rishi Sunak prima delle elezioni generali di luglio.

L’ATTO DI EQUILIBRIO DI BOXJ

IL Banca del Giappone anche incontrarsi questa settimana, dove si prevede che manterrà i tassi di interesse stabili e valuterà se offrire indicazioni più chiare su come intende ridurre i suoi tassi di interesse. bilancio enorme.

“La BOJ dovrà camminare sul filo del rasoio nel suo incontro politico di questa settimana per evitare di immagazzinare inavvertitamente i deflussi di JPY, sostenendo allo stesso tempo la crescita e prevenendo i mercati JGB disordinati”, ha affermato Wei Liang Chang, stratega valutario e creditizio presso DBS.

Lo yen è stato bloccato a 157,27 JPY=EBS per dollaro, appena fuori dal massimo settimanale di 157,40 toccato il giorno precedente.

Anche se la banca centrale del Giappone discuterà probabilmente dei tagli all’acquisto di obbligazioni per prevenire la pressione di vendita dello yen, l’incontro di mercoledì tra CPI e Fed statunitense sarà cruciale nel determinare la volatilità del dollaro/yen questa settimana, ha aggiunto Chang.

“L’ostacolo per un’altra sorpresa al rialzo per i tassi statunitensi e l’USD sembra tuttavia piuttosto alto, e non ci aspettiamo un nuovo test del livello 160 per USD/JPY”, ha detto Chang.

Il calo dello yen al minimo storico di 34 anni, pari a 160,245 per dollaro, alla fine di aprile ha innescato diversi interventi ufficiali giapponesi per un totale di 9,79 trilioni di yen (62,26 miliardi di dollari).

($1 = 157,2400 yen)

Reporting di Brigid Riley e Samuel Indyk; Montaggio di Christopher Cushing, Gerry Doyle e Christina Fincher

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Uruguay della Copa América: programma e dove vedere in TV la partita del terzo e quarto posto
NEXT Migliaia di persone voteranno in Venezuela con il desiderio di un cambiamento economico e di ricongiungimento familiare