Il vertice della pace in Svizzera è culminato: quali accordi hanno raggiunto le nazioni?

Il vertice per la pace tenutosi in Svizzera si è concluso domenica 16 giugno in Svizzera. Le nazioni hanno raggiunto diversi punti importanti, come la sicurezza nucleare, la sicurezza alimentare e il rilascio dei prigionieri di guerra.

Accordi raggiunti tra le nazioni

La giornata è iniziata il 15 giugno con il discorso del presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelenskyj: “Tutto ciò che verrà concordato al vertice farà parte del processo di instaurazione della pace. “Saremo testimoni di come viene fatta la storia”.

Al termine dell’evento, la stragrande maggioranza dei paesi ha espresso punti comuni e ha concordato di seguire una tabella di marcia su diverse questioni, principalmente sulle vie per risolvere il conflitto tra Russia e Ucraina, che dura da più di due anni.

Al Vertice per la Pace hanno partecipato 92 Stati, 57 dei quali rappresentati da capi di Stato e di governo.

Uno dei punti più importanti su cui hanno raggiunto un accordo è stata la sicurezza nucleare. In una dichiarazione, il Dipartimento federale degli affari esteri svizzero ha affermato che “qualsiasi utilizzo dell’energia nucleare e degli impianti nucleari deve essere sicuro, protetto e rispettoso dell’ambiente”.

Di pari passo con questo punto, le nazioni hanno concordato che le centrali nucleari in Ucraina devono funzionare in sicurezza sotto il pieno controllo sovrano del paese, in conformità con i principi dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA): “Qualsiasi minaccia o uso di armi nucleari in il contesto della guerra in corso contro l’Ucraina è inammissibile”.

Le nazioni che hanno firmato gli accordi

D’altro canto, i paesi hanno concluso che la sicurezza alimentare globale dipende dalla produzione e dalla fornitura ininterrotta di prodotti alimentari. In quest’ordine di idee, hanno convenuto che la navigazione commerciale deve essere libera, completa e sicura su tutti i ponti marittimi che attraversano il Mar Nero e il Mar d’Azov.

“Gli attacchi alle navi mercantili nei porti, così come ai porti civili e alle infrastrutture portuali civili, sono inaccettabili. La sicurezza alimentare non deve diventare in alcun modo un’arma. I prodotti agricoli ucraini devono essere consegnati in modo sicuro e gratuito ai paesi terzi interessati”, ha affermato il Dipartimento federale.

Il terzo punto concordato dalle nazioni era che tutti i prigionieri di guerra dovevano essere rilasciati attraverso scambi completi, principalmente minori: “Tutti i bambini ucraini illegalmente deportati e sfollati, così come tutti gli altri civili ucraini illegalmente detenuti, devono essere restituiti in Ucraina”.

Gli accordi sono stati firmati da: Albania, Andorra, Argentina, Australia, Austria, Belgio, Benin, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Capo Verde, Canada, Cile, Comore, Costa Rica, Costa d’Avorio, Consiglio d’Europa, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca , Danimarca, Repubblica Dominicana, Ecuador, Estonia, Commissione Europea, Consiglio Europeo, Parlamento Europeo, Fiji, Finlandia, Francia, Gambia, Georgia, Germania, Ghana, Grecia, Guatemala, Ungheria, Islanda, Iraq, Irlanda, Israele, Italia, Giappone , Kenya, Kosovo, Lettonia, Liberia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Moldavia, Monaco, Montenegro, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Macedonia del Nord, Norvegia, Palau, Perù, Filippine, Polonia, Portogallo, Qatar, Repubblica di Corea, Romania , Ruanda, San Marino, Sao Tomé e Principe, Serbia, Singapore, Repubblica Slovacca, Slovenia, Somalia, Spagna, Suriname, Svezia, Svizzera, Timor Est, Turchia, Ucraina, Regno Unito, Stati Uniti, Uruguay.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il lago Pátzcuaro è rinato con il salvataggio di 48 sorgenti
NEXT Migliaia di persone voteranno in Venezuela con il desiderio di un cambiamento economico e di ricongiungimento familiare