Alti e bassi e sorprese sulle bollette di luce e gas

Alti e bassi e sorprese sulle bollette di luce e gas
Alti e bassi e sorprese sulle bollette di luce e gas

Ascoltare

Prima dell’inizio dell’inverno, gli utenti di elettricità e gas naturale dell’AMBA hanno iniziato a ricevere fatture con gli adeguamenti tariffari concordati in aprile e annunciati in base al consumo medio – come è consuetudine in tutti i governi – ma che sono stati inaspettatamente sospesi a maggio per evitare il loro impatto sull’inflazione. Sebbene il Ministero dell’Economia abbia raggiunto l’obiettivo di abbassare l’indice dei prezzi al consumo di maggio al 4,2%, ora queste fatture pendenti causano spiacevoli sorprese a chi deve pagarle. In molti casi si registrano incrementi percentuali di tre o quattro cifre rispetto ai due mesi precedenti e superiori all’inflazione accumulata negli ultimi dodici mesi (276%).

Per citare un caso specifico, un utente residenziale di gas (R2) del CABA che a marzo aveva pagato – in cifre tonde – la ridicola somma di 1.600 dollari per 175 metri cubi consumati questo mese deve pagare 23.000 dollari per lo stesso consumo di aprile. Su questo incremento, di oltre il 1.300%, pesa più il forte incremento della tariffa fissa (a 10.000 dollari al mese), pari al 43% della bolletta, rispetto al rincaro del prezzo del consumo di gas (7.900 dollari). Ma La componente fissa non verrà modificata se sei andato in viaggio a maggio e hai chiuso il rubinetto.

Infatti, a differenza dell’elettricità, nel gas naturale le nuove tariffe fisse hanno sostituito da aprile il valore aggiunto della distribuzione (VAD) delle società, in cambio di impegni di investimento di 200 milioni di dollari per il mantenimento e il miglioramento della rete. Era un modo per fornire “contanti” ai distributori dopo quasi cinque anni di congelamento delle tariffe.

A sua volta, il corrispettivo variabile al consumo è diventato il prezzo all’ingrosso del gas al punto di entrata nel sistema di trasporto (PIST), che, secondo la stagionalità, aumenta nei mesi di maggiore domanda (maggio-settembre) e diminuisce nei restanti mesi. . Per la maggior parte degli utenti residenziali questo componente è senza senso; È espresso in dollari per milione di BTU (unità di misura) e rende difficile stimarne l’impatto sulle fatture in pesos.

Ciò che è rimasta invariata (o in aumento) da anni è la componente delle imposte provinciali e comunali (Reddito Lordo, aliquote, fondi specifici, ecc.), su cui viene applicata l’IVA al 21% e, nel caso preso a riferimento, completa un carico fiscale di 4000$.

Pur con importi nominali molto più elevati, gli aumenti a tre e quattro cifre delle bollette di luce e gas rispetto a tariffe praticamente congelate da metà 2019 hanno caratterizzato anche l’aggiustamento applicato dallo scorso marzo a industrie, imprese, consorzi e utenti. abitazioni residenziali ad alto reddito (N1), per le quali sono stati eliminati i sussidi statali.

Tutto questo, però, fa parte del recente passato. Meno di due settimane fa, il Governo ha ordinato nuove modifiche al sistema tariffario energetico con l’obiettivo di tagliare i sussidi e sostenere il surplus fiscale, che si ripercuoterà sulle bollette dei mesi invernali. Attraverso un decreto (465/24), ha ridotto i limiti di consumo mensile agevolato per le utenze a reddito basso (N2) e medio (N3) in cambio di bonus del 64% e del 55% rispetto al prezzo all’ingrosso dell’energia corrispondente il livello di reddito elevato (N1), le imprese e le industrie.

Nello specifico, nel caso del gas naturale, il PIST è stato fissato a 3,30 dollari per milione di BTU (con un incremento del 14,2% rispetto ad aprile) per i consumi di livello N1. Ma il bonus del 64% per N2 verrà applicato su un consumo base di 1,2 dollari MBTU (finora era illimitato), che nella categoria più bassa (R1) equivale a 41 m3, e l’eccesso verrà addebitato a 3 dollari, 30. Lo stesso accadrà con N3 se supera il consumo base di 1,5 MBTU di dollari. Una delibera dell’Enargas ha già stabilito le tabelle tariffarie per i distributori su tutto il territorio nazionale. A titolo esemplificativo, il Ministero dell’Energia ha riferito che nel mese di giugno il valore medio delle fatture finali per il livello N1 con un consumo medio di 149 m3, passerà da 25.756 dollari a 28.142 dollari (9,2%); N3 con 171 m3 da 24.465 $ a 26.865 $ (9,8%) e N2, con 159 m3 di media, da 15.638 $ a 20.797 $ (33%).

Nel caso dell’elettricità, il consumo minimo agevolato è sceso da 400 a 350 kwh al mese per gli utenti N2 (a basso reddito) e a 250 kwh per gli utenti N3 (a reddito medio), ad eccezione delle famiglie che non hanno accesso al gas attraverso le reti le quote saranno raddoppiate fino alla fine di agosto.

Gli utenti N1 (ad alto reddito, imprese e industrie) pagheranno da giugno il prezzo stagionale dell’elettricità (PEST) posticipato a maggio, fissato tra 56.019 e 59.298 dollari/MWh, con un aumento del 29% rispetto ad aprile. La N3 avrà un bonus di quasi il 56% e la N2 quasi del 72%, ma in entrambi i casi il consumo in eccesso sarà valorizzato al prezzo definito per la N1. Secondo le informazioni ufficiali, considerando un consumo residenziale medio di 260 kwh al mese, il valore della bolletta finale per il segmento N1 aumenterà da 24.710 dollari a 30.355 dollari (22,8%); per N3 da $ 6.585 a $ 16.850 (151,8%) e per N2 da $ 6.295 a $ 12.545 (99,3%).

Tuttavia, data la complessità del sistema tariffario e la diversità dei consumi residenziali di gas ed elettricità, Sarebbe opportuno che i distributori comunicassero ai propri utenti altre fasce di fatturazione per evitare nuove spiacevoli sorprese.

Allo stesso tempo, Energy ha comunicato che gli utenti che hanno già richiesto l’iscrizione nel Registro di accesso alle agevolazioni energetiche (RASE) non dovranno registrarsi nuovamente; anche se una delibera (90/24) indica che gli inseriti nella tariffa sociale tra agosto e settembre 2022 devono farlo individualmente entro un termine di 60 giorni. Invita inoltre gli enti regolatori provinciali ad aderire e ad adattare i circuiti informativi al nuovo regime di sussidi, poiché questi provengono dal Tesoro nazionale.

In un’opera intitolata “Ciò che manca è la gestione”pubblicato da Nuevos Papeles sulla rete X, lo specialista Alessandro Einstoss dettaglia la sequenza delle marce e delle contromarce del Governo in materia tariffaria.

Dopo aver ammesso che il punto di partenza dell’attuale amministrazione era molto impegnativo, con prezzi dell’energia e tariffe che coprivano meno del 10% dei costi, default virtuale nel settore, un conto di sovvenzioni elevato e un team tecnico ridotto, sottolinea che L’aggiustamento iniziale del tasso di cambio (118%) ha liquefatto i tassi già scaduti in pesos che devono pagare costi in dollari.

Aggiunge che il governo ha iniziato con l’indizione di audizioni pubbliche a gennaio per aggiornare i prezzi all’ingrosso del gas e dell’elettricità, attraverso uno schema che ridurrebbe i sussidi in tre aumenti mensili uguali e successivi del 33% ciascuno, e in tre mesi. Il problema dei sussidi verrebbe risolto. “Tuttavia il 1° febbraio sono state pubblicate le nuove tariffe elettriche (primo salto), a marzo non ci sono state novità; Solo il 1° aprile sono stati pubblicati i nuovi prezzi del gas e nessuno del team governativo ha più parlato dei tre mesi, dei tre salti o delle udienze”, spiega. Poi, a maggio, il Ministero dell’Economia ha sospeso gli aumenti per “consolidare il processo di disinflazione” e li ha spostati a giugno. Einstoss riassume che in 20 giorni tutti gli accordi tariffari e gli impegni raggiunti in sei mesi sono stati annullati.

Si sottolinea inoltre che “non esiste ancora un meccanismo federale di tasso sociale, che è decisivo per il successo di qualsiasi processo di ricomposizione dei prezzi relativi in ​​una situazione di elevata inflazione, elevata povertà e calo dei salari reali”. E mette in discussione il rinvio dell’iniziativa ufficiale di creare un Paniere Energetico di Base (CBE) con criteri multidimensionali (reddito, abitanti per abitazione, consumi, collocazione geografica, zona bioclimatica), “perché implica l’implementazione di molteplici panieri, forse tanti quante sono le famiglie risiedono nell’area del paese, attraverso un meccanismo di estrema complessità non solo per la gestione dell’informazione, ma anche per la sua implementazione, che non riconosce antecedenti regionali o globali”.

Per la sua parte, Fernando Navajas, capo economista della FIEL, sostiene che la decisione di introdurre una fascia di consumo di 350 kwh al mese, dopo la quale verranno eliminati sussidi o bonus per gli utenti più vulnerabili (N2), potrebbe avere un impatto su circa mezzo milione di famiglie AMBA con fatture di $ 60.000. Si rileva inoltre che la RASE non esige che i servizi siano a nome del proprietario, il che crea problemi di classificazione e che, tranne in alcuni stati degli Stati Uniti, non esistono spese fisse equivalenti a 10 dollari al mese sulle fatture in il mondo.

Sebbene la RASE sia stata attuata nel 2022 dall’allora ministro dell’Economia Martín Guzmán con l’obiettivo di evitare il pregiudizio “pro-rrico” della politica kirchnerista di tassi congelati e sovvenzionati indiscriminatamente, il suo successore Sergio Massa come candidato alla presidenza estremizza queste distorsioni attraverso innescando un’inflazione al 211% su base annua nel 2023, povertà superiore al 40% e sussidi statali pari all’1,5% del PIL. Su questa base, qualsiasi ripresa dei tassi in termini reali dopo quasi cinque anni di congelamento implica aggiustamenti di tre cifre superiori a quella soglia inflazionistica.

Anche così, il conto in sospeso è quello nessun segmento della popolazione paga l’intero costo dell’energia che consuma. Secondo i calcoli di Einstoss la N1 paga il 78%; N2, 22% e N3, 35%. Non è facile nemmeno promuovere un uso razionale dell’energia, quando negli ultimi 21 anni ce ne sono stati 16 con tariffe che non coprivano il costo del servizio.

Conosci il progetto Trust
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV URBA Top 12: Newman non lascia dubbi e batte il SIC 38-10 a Boulogne
NEXT Una figura di Telefé lascia il canale