Il quartiere di Serranías Puntanas si è visto aggiudicare il lavoro del gas e il Governo lo ha sospeso

Il quartiere di Serranías Puntanas si è visto aggiudicare il lavoro del gas e il Governo lo ha sospeso
Il quartiere di Serranías Puntanas si è visto aggiudicare il lavoro del gas e il Governo lo ha sospeso

Uno dei lavori fermati dalla nuova gestione di Poggi riguarda le fasi 2 e 3 del quartiere Serranías Puntanas, che si trova sulla Strada 3 all’estremità sud, prima di raggiungere l’autostrada. La prima fase è stata completata nel settembre dello scorso anno, quando sono rimasti circa 16 isolati con la possibilità di allacciarsi alla rete del gas naturale che entra nel quartiere attraverso il viale principale.

Lorena è una dei tanti abitanti del quartiere Serranías Puntanas che speravano di allacciarsi alla rete del gas naturale, “perché gli allacciamenti all’interno della mia casa per avere il gas ci sono, quello che succede è che il tubo nel mio isolato è ancora “Non Non arriverò”, spiegò la donna.

Ha anche detto che “il gasdotto attraversa alcuni settori del quartiere, ma i lavori generali non sono mai stati completati. Quello che ci dissero allora è che l’avremmo avuto nell’agosto del 2023, ma la realtà è che la prima fase non era stata completata e tanto meno la seconda e la terza”. Questo, tra gli altri inconvenienti, fa sì che i vicini debbano pagare le bollette di Edesal con importi “che in molti casi non sono pagabili, perché dobbiamo scaldarci con l’elettricità”, ha lamentato il vicino.

Inoltre, ha spiegato che “anche se i tubi del gas arrivano fino alle cinque scuole, alcuni vicini mi hanno detto che quelli che abitano nei condomini dove ci sono le scuole possono allacciarsi, ma che ora il problema è che Ecogas in questo momento non conta con contatori corrispondenti per installarli.”

Vale a dire che ora ad avere problemi sono i vicini che hanno già assunto il tecnico del gas iscritto all’albo e avviato il processo con l’azienda che deve approvare i progetti e fornirgli il contatore per poter accedere al gas naturale.

Nel marzo dello scorso anno, le autorità governative hanno incontrato gli abitanti del quartiere in una delle stanze della scuola generativa “Luis Lusquiños” e lì hanno fornito loro tutte le informazioni sui lavori che stavano per iniziare e sulle fasi amministrative. che ciascuno di essi debba poi contattare Ecogas per connettersi alla rete.

Attualmente sono circa 2.020 le abitazioni, corrispondenti a 101 isolati, che compongono questo quartiere e sono ancora in attesa di connettersi alla rete. Lorena ha inoltre precisato che da quando le nuove autorità sono entrate in carica non si sono tenute riunioni.

nion, “nessuno del governo ci ha chiamato.”

D’altra parte, ha detto che hanno portato questa e altre denunce al Centro di Assistenza di Vicinato (CAV) del quartiere Félix Bogado. “Tra le richieste che abbiamo fatto c’era quella di migliorare l’illuminazione pubblica e di realizzare una piazza per noi, perché in questo quartiere non ne abbiamo. Abbiamo chiesto anche i dossi stradali e a questo punto, visto il numero di auto circolanti, abbiamo già bisogno dei semafori sul viale. E chiediamo anche telecamere di sicurezza”.

Lorena ha detto che “tutti aspettavamo che la Giunta provinciale aderisse all’iniziativa per agevolare le procedure che Ecogas ci richiede. Perché abbiamo visto che ci sono grandi differenze tra quanto addebita l’uno o l’altro operatore del gas registrato. Ma non abbiamo mai avuto la possibilità di far rifinanziare le procedure di connessione”. E ha chiarito che “si tratta di una richiesta che abbiamo fatto tramite la Commissione di vicinato (istituita nel 2019), ma stiamo ancora aspettando una risposta”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Migliaia di persone voteranno in Venezuela con il desiderio di un cambiamento economico e di ricongiungimento familiare