Gli investimenti in tecnologie invertono il declino dello shale oil in Texas.

Gli investimenti in tecnologie invertono il declino dello shale oil in Texas.
Gli investimenti in tecnologie invertono il declino dello shale oil in Texas.

Le società statunitensi di shale oil e gas stanno investendo in nuove tecnologie che consentiranno loro di invertire anni di calo della produttività. Sebbene la produzione complessiva sia a livelli record, secondo la società di ricerca energetica Enverus, la quantità di petrolio recuperato per piede perforato nel bacino del Permiano in Texas è diminuita del 15% dal 2020, portandola allo stesso livello di dieci anni fa.

La sfida della fratturazione idraulica

L’uso della fratturazione idraulica, la tecnica di estrazione emersa negli anni 2000, è diventata meno efficiente nell’area del Permiano a causa di decenni di perforazione di pozzi ravvicinati. Questa pratica ha influito sulla pressione sotterranea e ha reso difficile l’estrazione del petrolio. Tuttavia, le nuove innovazioni tecnologiche hanno reso la fratturazione idraulica più veloce, più economica e più produttiva.

Tra i miglioramenti implementati negli ultimi anni c’è la possibilità di raddoppiare la lunghezza dei pozzi laterali fino a tre miglia, apparecchiature in grado di fratturare simultaneamente due o tre pozzi e pompe elettriche che sostituiscono apparecchiature diesel ad alto costo e ad alta manutenzione.

La sfida dei costi e della produttività

Uno degli svantaggi della nuova tecnologia di fratturazione simultanea è che le aziende devono avere molti pozzi perforati e pronti a passare alla fase di fratturazione contemporaneamente. Ciò implica un costo iniziale elevato e un maggiore rischio finanziario per le aziende più piccole.

Nonostante i vantaggi in termini di riduzione dei costi, molte aziende non hanno installato abbastanza impianti di perforazione per realizzare appieno il potenziale delle innovazioni. Il numero di impianti di perforazione attivi negli Stati Uniti è diminuito di quasi il 18% rispetto allo scorso anno.

La tecnologia supporta la produzione discografica

Gli analisti del settore petrolifero prevedono che l’uso della nuova tecnologia di fratturazione idraulica continuerà ad aumentare. I miglioramenti nelle tecniche di fratturazione e l’uso di pozzi più lunghi stanno compensando il calo della produttività e il numero limitato di impianti di perforazione, aiutando gli Stati Uniti a raggiungere livelli record di produzione di petrolio.

Secondo l’Energy Information Administration degli Stati Uniti, le principali regioni produttrici di shale oil degli Stati Uniti dovrebbero raggiungere la loro produzione più alta in cinque mesi, con una produzione da nuovi pozzi in aumento del 28% rispetto allo scorso anno.

Leader e ritardatari del settore

Le principali compagnie petrolifere di scisto, come Exxon Mobil e Chevron, stanno adottando sempre più queste innovazioni tecnologiche. Tuttavia, le aziende di medie dimensioni, come Pioneer Natural Resources, sono state le prime ad adottare queste nuove metodologie grazie alla loro capacità di farsi carico dei costi associati. I buoni risultati ottenuti da queste società le rendono più attraenti per le grandi aziende, come Exxon, che è in attesa dell’approvazione normativa per acquistare Pioneer.

D’altro canto, le aziende più grandi hanno deciso di utilizzare i proventi petroliferi per finanziare i compensi degli azionisti piuttosto che espandere le trivellazioni. Exxon ha affermato che la sua tecnologia di fratturazione idraulica consentirà di estrarre ulteriori 700.000 barili di petrolio equivalente al giorno dalle attività di Pioneer entro il 2027. Chevron aumenterà l’uso della fratturazione simultanea e prevede di aumentare la produzione nel Permiano del 10% quest’anno per raggiungere 900.000 barili al giorno.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Scopri una reliquia nascosta: la falsa moneta da 1 peseta del 1869 che può valere più di 700 euro