Negli ultimi anni in Colombia sono stati chiusi più di 700 sportelli bancari

Negli ultimi anni in Colombia sono stati chiusi più di 700 sportelli bancari
Negli ultimi anni in Colombia sono stati chiusi più di 700 sportelli bancari

Il Banco de Bogotá è l’entità che ha chiuso più uffici negli ultimi anni.

Foto: per gentile concessione del Banco de Bogotà

È probabile che negli ultimi anni ti sia recato in una filiale bancaria “vecchio stile”, come si dice colloquialmente, e sia rimasto sorpreso che non ci sia più.

Inoltre, è anche probabile che leggendo questo articolo cercherai di ricordare e di renderti conto che più di un ufficio bancario, di diversi enti finanziari, è scomparso.

Cosa è successo a chi lavorava lì? Perché sembra che sempre più banche stiano chiudendo i loro uffici?

Leggi anche: Le banche argentine hanno fatto causa a Mercado Libre per “condotta abusiva”

Figure gestite dal Supervisione finanziaria mostrano che dal 2019 al 2023 nel Paese hanno chiuso 728 sportelli bancari, il che si traduce in una “perdita” del 12,9%. In altre parole, siamo passati da 5.616 ad averne solo 4.888.

L’elenco delle banche che hanno chiuso il maggior numero di uffici dal 2019 è guidato dal Banco de Bogotá, con 253 chiusure. Seguono Colpatria (123), Banco Popular (111), Bancolombia (108) e Bank of the West (101).

Quelli che segnalano meno chiusure sono CitiBank (6), Banco Falabella (15), Bancoomeva (17), Davivienda (20) e Banco Pichincha (22).

Contrariamente a quanto alcuni potrebbero pensare a questo punto con le cifre qui presentate, la chiusura di tutti questi negozi non risponde alla brutta situazione economica che sta attraversando il settore bancario in Colombia.

Inoltre, l’attività principale delle banche nel Paese è aumentata considerevolmente dal 2019, poiché la banca è passata da un portafoglio netto (il totale dei prestiti attivi) di 441,95 miliardi di dollari nel 2019 a uno di 604,73 miliardi di dollari nel 2013. (una variazione del 36,83%).

Ciò che spiega la maggior parte di tutte queste chiusure è un concetto che ha guadagnato popolarità negli ultimi anni, la trasformazione digitale.

Si tratta di digitalizzare il maggior numero possibile di processi tradizionalmente eseguiti (a mano) dagli esseri umani. A questo si accompagna anche l’automazione, ovvero lasciare che siano le macchine a svolgere tutti i compiti ripetitivi.

Nello specifico, si sta assistendo ad un maggiore ruolo del digital banking, ovvero tutte le procedure che prima si svolgevano dallo sportello bancario (transazioni, prelievi, richieste di credito, blocco delle carte…) ora possono essere eseguite da un cellulare telefono o computer.

La tendenza verso i servizi bancari digitali ha acquisito importanza dopo le sfide poste dalla pandemia, poiché sempre più adulti (soprattutto quelli più anziani) hanno finito per adattarsi alle dinamiche di effettuare transazioni finanziarie comodamente da casa.

Ciò, in termini operativi, si traduce in maggiori efficienze per la banca, non solo perché forniscono ai propri utenti maggiore immediatezza nelle richieste relative ai prodotti finanziari (si evitano file e procedure), ma perché si risparmiano le spese legate all’affitto degli spazi , pagamento dei servizi pubblici e degli stipendi.

Alcuni anni fa, infatti, il Banco Itaú dovette chiedere al Ministero del Lavoro l’autorizzazione per il licenziamento collettivo (per licenziare 288 lavoratori) nel pieno del suo impegno per far avanzare la trasformazione digitale.

“Questa trasformazione è supportata dalla valutazione preventiva della capacità di cui l’organizzazione ha bisogno per operare (…). Queste azioni sono allineate con una prospettiva globale e strategica, volta a rispondere a queste nuove sfide, focalizzata sul nostro obiettivo principale di soddisfare e servire le esigenze dei clienti, nonché di rafforzare l’attività di Itaú in Colombia,” spiegò allora la banca a El Spettatore. In sostanza, ciò che sostiene l’azienda è che deve rimanere competitiva in un ambiente in evoluzione.

Dai dati della Soprintendenza alle Finanze emerge che dal 2019 al 2013 la banca ha perso 5.314 dipendenti, evidenziando una riduzione del 4,86%, passando da 109.208 dipendenti nel dicembre 2019 a 103.894 nello stesso periodo del 2023.

Le banche che hanno subito i maggiori tagli di personale sono Colpatria (2.597 dipendenti), Banco Popular (2.226), Banco de Occidente (1.570), Itaú (934) e Banco de Bogotá (866).

Ci sono altri casi, come Bancolombia, che ha visto un aumento delle assunzioni di 2.034 posti, Banco Agrario (con più di 370) e Lulo Bank, con 301.

Tutto ciò si spiega anche perché di fronte alla trasformazione digitale si creano nuove esigenze di talento umano nel settore bancario, come lo sviluppo di software, l’analisi dei dati, la programmazione e lo sviluppo dell’intelligenza artificiale.

Un esempio di ciò è che mentre Itaú avanzava i suddetti licenziamenti, allo stesso tempo ci sarebbero 200 posti vacanti per talenti specializzati in big data, intelligenza artificiale, digitalizzazione, nuove tecnologie e gestione delle informazioni.

In breve, il settore bancario, così come un altro importante numero di settori, sta affrontando questa sfida posta dal 21° secolo chiamata trasformazione digitale. Il modo in cui vengono fatte le cose sta cambiando, e questo ha avuto un impatto anche su settori tradizionali come quello bancario.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Amarras inizia l’espansione della propria rete commerciale con tre aperture previste nel 2024
NEXT Scopri una reliquia nascosta: la falsa moneta da 1 peseta del 1869 che può valere più di 700 euro