Tariffe UE “inaccettabili” – DW – 13/06/2024

Tariffe UE “inaccettabili” – DW – 13/06/2024
Tariffe UE “inaccettabili” – DW – 13/06/2024

La China Automobile Manufacturers Association ha definito “inaccettabili” le tariffe annunciate dalla Commissione europea (CE) fino al 38,1% sull’importazione di veicoli elettrici cinesi, criticando l’indagine condotta dalle autorità europee.

L’Associazione ha espresso in un comunicato pubblicato sul suo account ufficiale sul social network Wechat la sua “delusione” per quella che considera una “distorsione dei risultati dell’indagine” da parte del blocco comunitario, pur assicurando che “l’industria automobilistica cinese ha ha collaborato attivamente, fornendo tutta la documentazione richiesta dalle autorità inquirenti.”

I produttori cinesi hanno accusato la Commissione di “selezionare in modo parziale le aziende da sottoporre a campionamento” e di “abusare il proprio potere investigativo”.

Produttori cinesi: “concorrenza ragionevole e vantaggio reciproco”

“Le esportazioni cinesi di veicoli elettrici non solo hanno fornito un’eccellente esperienza ai consumatori a livello locale, ma hanno anche contribuito positivamente alla coltivazione del mercato e allo sviluppo industriale nelle regioni importatrici”, ha affermato l’istituzione.

L’Associazione ha esortato la Commissione a “non politicizzare le questioni commerciali o abusare delle misure di salvataggio commerciale” per “evitare di danneggiare la catena di fornitura globale dell’industria automobilistica”.

L’organizzazione ha assicurato che le principali aziende automobilistiche in Cina e in Europa stanno “collaborando più profondamente in settori quali l’elettrificazione e la connettività, contribuendo congiuntamente al progresso tecnologico automobilistico globale e alla trasformazione ecologica”.

Infine, l’associazione dei produttori ha espresso la speranza che l’industria automobilistica europea “pensi razionalmente, agisca positivamente e collabori per mantenere l’attuale situazione di concorrenza ragionevole e vantaggio reciproco”.

Governo cinese: “Mancanza di base fattuale e giuridica”

Il giorno prima, il Ministero del Commercio cinese aveva esortato l’esecutivo comunitario a correggere immediatamente le sue “pratiche errate”, criticando la decisione di Bruxelles per la sua “mancanza di base fattuale e giuridica”.

Nelle ultime settimane, la stampa statale cinese ha avanzato possibili ritorsioni da parte della Cina, come un aumento delle tasse sull’importazione di veicoli di grande cilindrata o indagini antidumping contro latticini o carne di maiale dall’Europa. Quest’ultimo interesserebbe soprattutto la Spagna, poiché è il principale esportatore di carne suina verso il paese asiatico.

L’iniziativa dell’UE è stata annunciata meno di un mese dopo che Washington aveva rivelato l’intenzione di quadruplicare le tariffe sui veicoli elettrici cinesi portandole al 100%.

L’industria automobilistica cinese, un mix di aziende statali e private, ha vantaggi in termini di costi rispetto ai suoi concorrenti stranieri, in parte grazie ai sussidi governativi e al dominio del paese nella raffinazione dei minerali per batterie, hanno detto gli analisti consultati dall’agenzia Reuters.

Ma l’ipercompetizione nel mercato cinese dei veicoli elettrici, il più grande del mondo, ha anche portato le aziende a innovare in modo da ridurre i costi.

Le tariffe provvisorie dell’UE entreranno in vigore il 4 luglio e l’indagine proseguirà fino al 2 novembre, quando potrebbero essere imposte tariffe definitive, generalmente per cinque anni.

I produttori europei cadono in borsa per paura di ritorsioni cinesi

Mentre le case automobilistiche europee affrontano la sfida di un afflusso di veicoli elettrici a basso costo da parte dei loro rivali cinesi, non c’è praticamente alcun sostegno alle tariffe da parte dell’industria automobilistica del continente.

Alcuni dei maggiori avversari includono le più grandi case automobilistiche europee, come BMW, Volkswagen, Stellantis e Mercedes Benz.
Le case automobilistiche tedesche, in particolare, fanno molto affidamento sulle vendite in Cina e temono ritorsioni da parte di Pechino. Le case automobilistiche europee importano anche i propri veicoli fabbricati in Cina.

Le case automobilistiche tedesche fanno molto affidamento sulle vendite in Cina e temono ritorsioni da parte di Pechino.Immagine: Fang Zhe/Xinhua/dpa/picture Alliance

Le azioni di alcune delle più grandi case automobilistiche europee, che realizzano gran parte delle loro vendite in Cina, sono crollate mercoledì a causa dei timori di ritorsioni cinesi.

Le case automobilistiche tedesche hanno guidato le perdite, con cinque su sei società che hanno perso di più: Porsche SE ha perso il 7,18%; Porsche AG, 1,79%, Volkswagen, 1,48%; BMW, 0,96%; e Mercedes-Benz, 0,9%.

Tuttavia, le azioni dei produttori cinesi di veicoli elettrici hanno per lo più ignorato la notizia, come previsto. Pertanto, le azioni BYD quotate a Hong Kong sono aumentate di oltre il 7% nelle prime negoziazioni, sulla buona strada per il più grande guadagno percentuale in un giorno da novembre 2022.

Geely Auto è cresciuta di oltre il 3%, Leap Motor è cresciuta del 3% e le azioni Great Wall Motor a Hong Kong sono scese dell’1,2%. A Shanghai, le azioni SAIC Motor sono scese del 2,3%.

rml (efe, reuters)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Inizia a Mendoza la prevendita di una delle auto più attese dell’anno
NEXT Banco Estado annuncia i massimali per trasferimenti e vaglia postali