Il circolo virtuoso del Revoredo in Prosegur | Attività commerciale

Il circolo virtuoso del Revoredo in Prosegur | Attività commerciale
Il circolo virtuoso del Revoredo in Prosegur | Attività commerciale

Tra avere e temere sono le chiavi di un grande business. Prosegur, che si appresta a festeggiare il suo anniversario d’oro nel settore della sicurezza privata, maneggia con disinvoltura entrambe le chiavi. Le cinque divisioni con cui l’azienda opera in 31 paesi – allarmi, sicurezza, logistica monetaria, sicurezza informatica e servizi a valore aggiunto – hanno fatturato nell’ultimo esercizio 4.310 milioni di euro. Lo hanno fatto con una redditività succosa – un profitto di 65 milioni – e un ambiente favorevole dopo la voragine della pandemia. Le prospettive sono buone. Il settore della sicurezza privata è un settore in espansione in tutto l’Occidente, nel quale sono entrate le grandi aziende tecnologiche, e la famiglia Gut Revoredo, con Helena Revoredo (77 anni) – vedova del fondatore Herberto Gut – alla guida, ha rafforzato il proprio controllo il gruppo Prosegur attraverso un’OPA parziale con la quale ha aumentato la propria partecipazione dal 59% al 73%. L’operazione ha significato per la famiglia un investimento di 132 milioni.

Nelle grandi manovre aziendali, come in tutta la meccanica, l’importante è che tutto funzioni. Se non altro per l’attenzione ai dettagli, vale la pena sapere come è nato il meccanismo. La Gut Revoredo ha presentato l’offerta pubblica di acquisto tramite l’azienda della famiglia Gubel e la sua controllata Prorevosa. Dopo l’acquisto parziale, il controllo di Gubel ammontava al 73,09%. Successivamente hanno ceduto l’8% ad una società di nuova creazione, Yirayira, SL, con una struttura di controllo uguale a quella di Gubel. Lo scopo è “diversificare la detenzione del patrimonio familiare”. E, per inciso, evitare lo scioglimento del gruppo di consolidamento fiscale Prosegur. Il consolidamento fiscale consente a diverse entità imprenditoriali di essere considerate come un unico contribuente rispetto ai loro obblighi fiscali.

L’operazione garantisce dividendi alla famiglia proprietaria. E anche al secondo azionista della società, Mirta María Giesso Cazenave (As Inversiones, 6,3%). Giesso è la vedova di Graciano Álvarez, che ha presieduto la Prosegur per sette anni dopo la morte di Herberto Gut nel 1997 e fino alla nomina di Helena Revoredo. Ma l’acquisizione ha messo l’azienda sotto i riflettori almeno per due motivi: perché riduce la liquidità del valore in borsa e perché facilita la speculazione sul mercato su possibili nuove operazioni. Tra queste, l’esclusione di Prosegur dalla Borsa o una possibile offerta di acquisto per la controllata Prosegur Cash. La controllata, dedicata al trasporto di contante, ha iniziato le contrattazioni nel mercato continuo nel 2017 a 2,06 euro e oggi lo fa a 0,5 euro. Tuttavia il prospetto per l’acquisizione parziale della società madre giustifica l’operazione esclusivamente sulla base della redditività. L’obiettivo, si legge nel documento inviato alla CNMV, risponde alla strategia di “investire in attivi quotati a reddito variabile di società che presentano un buon rendimento per l’azionista”.

Dal punto di vista della remunerazione degli azionisti, Prosegur rappresenta un investimento interessante. Lo spiegano gli analisti di Renta 4 “Siamo attratti dal suo elevato rendimento da dividendi”, dicono. “Considerando la ripresa che ci aspettiamo che i conti del gruppo continuino a presentare, stimiamo che questa elevata redditività sarà ricorrente.” È un punto vitale. Tra il 2010 e il 2023 la società ha distribuito più di 1.300 milioni di dividendi, una cifra che supera di gran lunga la capitalizzazione di mercato (957 milioni).

Il tempismo aiuta. L’attività è ripresa, i margini crescono, ci sono nuovi prodotti in vendita e, nonostante il grosso del business sia ancora nella sicurezza – 50% dei ricavi – e nel trasporto fondi – 43% -, l’area allarme se la passa a razzo. Secondo l’Osservatorio settoriale DBK di Informa (filiale di Cesce), nel 2003 il numero di collegamenti attivi con le centrali di ricezione allarmi (ARC) in Spagna ha superato i tre milioni, il 5,1% in più rispetto all’anno precedente.

Si registra un aumento sostenuto del numero di collegamenti dovuto alla ripresa dell’attività economica e del mercato immobiliare nonché alla maggiore concorrenza e allo sviluppo tecnologico. In Spagna, il boom ha mosso il settore con operazioni come l’acquisto del 50% di Prosegur Alarmas da parte di Movistar (Telefónica) quattro anni fa per 305 milioni; l’accordo commerciale tra Vodafone Spagna e Securitas Direct o l’alleanza siglata tra El Corte Inglés, attraverso la sua società di sicurezza Sicor, e MásMóvil. Prosegur Alarms ha spazio per guadagnare quote dal leader del mercato Securitas Direct, che ne controlla la metà. Complessivamente il settore degli allarmi muove circa 2.000 milioni di euro all’anno, secondo i dati dell’Associazione professionale delle imprese di servizi di sicurezza privati ​​(Aproser). Le aziende hanno saputo lavorarci sopra. La Spagna è il paese in Europa con il maggior numero di allarmi installati nonostante registri uno dei tassi di criminalità più bassi.

Il mistero dell’Argentina

Come in ogni attività, anche in Prosegur ci sono delle ombre. La società svolge la maggior parte della sua attività in America Latina —47%—; L’Europa rappresenta il 41%. E dall’America Latina provengono i rischi principali: la situazione in Argentina dopo il trionfo di Javier Milei, i rischi del cambio e il possibile impatto di una recessione sui risultati. L’azienda minimizza i possibili rischi. “I contesti inflazionistici – spiegano fonti aziendali – sono vantaggiosi per le nostre attività di vendita al dettaglio. contanti”. Per quanto riguarda il tasso di cambio, aggiungono che ciò che è rilevante non è tanto la sua evoluzione nominale ma la sua evoluzione reale. “La prospettiva è che nel 2024 il peso si apprezzerà in termini reali, quindi questo significa una maggiore generazione di risultati e liquidità misurata in euro”.

Il timone non cambia di mano anche se Helena Revoredo, nata a Rosario (Argentina), 77 anni fa, è nella fase sempre difficile di pensare a subentrare. I figli – sono quattro – hanno accresciuto il loro ruolo nelle aziende della famiglia Gubel e controllano il ponte di comando del gruppo. Il maggiore, Christian, è amministratore delegato di Prosegur e Chantal, la seconda figlia, direttore esecutivo. I quattro hanno assistito in prima fila alla costruzione di un potente edificio commerciale, che ha trasformato il patrimonio di famiglia in uno dei più grandi del paese. Perché i Gut Revoredo sono Prosegur. Ma attorno alla sua società patrimoniale Gubel ci sono molte altre società: di investimento – Romer Capital -, agricole, venatorie o immobiliari. Un percorso di investimento che ha portato Revoredo nei centri nevralgici dello Stambecco, con seggi nel Banco Popolare, Endesa o Mediaset, consigli di amministrazione in cui non partecipa più. La matriarca del clan sceglie con cura i punti in cui si intersecano discrezione, sicurezza, comodità e denaro.

Segui tutte le informazioni Economia E Attività commerciale In Facebook E Xo nel nostro notiziario settimanale

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Lacunza ha messo in guardia sui rischi di ritardi nel tasso di cambio
NEXT Il call center di Caputo per richiedere dollari | “Ho bisogno di soldi adesso”, la richiesta del ministro affinché le campagne vendano semi di soia