Artisti cubani in mostra a Madrid: “Guadagnarsi da vivere in un altro paese non può uccidere la nostra creatività”

Artisti cubani in mostra a Madrid: “Guadagnarsi da vivere in un altro paese non può uccidere la nostra creatività”
Artisti cubani in mostra a Madrid: “Guadagnarsi da vivere in un altro paese non può uccidere la nostra creatività”

Un gruppo di artisti cubani ha inaugurato sabato 8 giugno una mostra collettiva nel centro di Madrid. Sotto comprende opere di René Francisco Rodríguez, Dayana Trigo Ramos, Victor Piverno, Francisco de la Cal, Jorge Pablo Lima e lo spagnolo Miki Leal.

DIARIO DE CUBA ha parlato con alcuni di questi artisti della mostra che sarà aperta al pubblico per un mese presso la galleria Indago (Calle del Castillo 8, Chamberí). Lo spazio era un vecchio laboratorio di liuteria dove si costruivano le chitarre, e questo trova conferma nelle opere e nell’allestimento della mostra: il legno è presente nella maggior parte delle creazioni.

“Apri un armadio qui e ci sono molte parti di chitarra, molto materiale della storia del luogo”, spiega René Francisco, che ha convocato il resto dei partecipanti. “Così, con alcuni dei miei vecchi studenti, abbiamo fatto come un laboratorio e ci siamo chiesti cosa avremmo potuto fare con tutto quello. Abbiamo deciso di fare una sorta di orchestrazione e recuperare quello che era in origine; alla fine la chitarra ha anche un grande peso a Cuba”.

“Tutto è stato un po’ divertente”, dice Víctor Piverno riguardo al progetto. “Un amico mi ha detto recentemente che a Madrid ci sono molti incontri mondani, ma pochissimi incontri culturali, ed è vero. All’Avana ci siamo incontrati in una casa e abbiamo fatto una mostra, ma qui questo è impossibile. Queste cose devono essere incoraggiate come BENE. “

L’obiettivo del progetto era creare uno “spazio distratto”, qualcosa che nel bando della mostra viene definito come un luogo “dove l’esercizio artistico si rilassa e gioca con quell’area del discorso convenzionale e istituzionalizzato”.

Alla ricerca di “un’atmosfera vivace e propositiva”, la mostra è stata concepita come un lavoro a più mani. René Francisco sottolinea la collettività presente nella mostra: “Sebbene ognuno abbia messo qualcosa di personale, ciò connoterebbe l’essere come un’unica installazione. Abbiamo cercato di rompere con la paternità delle opere. Ci sono opere che hanno avuto una storia personale, ma abbiamo provato a farlo fare a qualcun altro per te. Lo vedo come un esercizio pedagogico in cui tutti impariamo; qui non c’è nessun curatore che diluisca l’ego, l’autore, il regista… cerchiamo una corrente; che ci separa dalla chitarra”.

Miki Leal ha presentato un suo acquerello conservato per più di 20 anni. Il dipinto è stato realizzato in allusione ai primi stampi delle chitarre di Paco de Lucía. “È un lavoro che ho realizzato per una mostra al Centro Andaluz de Arte Contemporáneo nel 2001 o 2002. Quando René venne e mi disse che avremmo fatto qualcosa in un vecchio scaffale per chitarra, gli dissi che aveva il pezzo perfetto. Il resto degli artisti che sono qui sono più installativi e concettuali, un’idiosincrasia molto cubana e il mio è venuto a contribuire forse con un po’ più di colore, di quella cosa più mediterranea,” spiega il famoso pittore spagnolo.

Per Leal questo tipo di iniziative aiuta gli artisti stranieri a farsi strada in Spagna: “Per loro il mondo spagnolo è molto chiuso e non lo controllano tanto, non è facile. Sono persone che vengono e ci vuole molto di lavoro per inserirli nel mondo commerciale e professionale dell’arte. Credo che questa simbiosi stia avvenendo anche a Carabanchel. [barrio madrileño donde radican varios autores de esta expo], ci genera la convivenza. “Siamo amici, ci critichiamo, ci parliamo… Alla fine succedono cose così, che sono bellissime e tutto concorre, niente è forzato”.

Il fatto di esporre in un quartiere come Chamberí è stato vantaggioso anche per gli artisti cubani che hanno partecipato a questa mostra. “Una delle cose che abbiamo pianificato è provare a lasciare Carabanchel, perché la gente ci ha preso come…, ci ha addirittura chiamato piccolo borghesi”, spiega René Francisco. “Credo che il punto sia andare all’essenza. E le essenze a volte sono molto semplici, è ciò che non si nomina. Quando a Borges fu chiesto cosa ci fosse di argentino nella sua poesia, rispose: “Quello che c’è è quello” Sono argentino, siamo creatori e la ricerca di guadagnarci da vivere in un altro paese non può ucciderci. La mia paura è sempre quella di perdere quella parte creativa che avevamo a Cuba perché dobbiamo sopravvivere in un altro modo.”

“La cosa interessante di Madrid adesso è che ci sono così tanti cubani che abbiamo una Cuba”, aggiunge René Francisco. “Possiamo salvare, come ho detto recentemente al mio compagno di classe Miguel Núñez [pianista cubano]la questione ritorna all’ISA [Universidad de las Artes, de Cuba]. Perché quando sei a scuola in uno stato di creazione assoluta non pensi se ti prenderà una galleria o un’istituzione.”

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT I paesaggi sognati da Muñoz Degraín si trovano a Valencia