Il calo dei salari ha avuto ripercussioni sull’occupazione: sempre più lavoratori cercano un altro lavoro per sbarcare il lunario

Il calo dei salari ha avuto ripercussioni sull’occupazione: sempre più lavoratori cercano un altro lavoro per sbarcare il lunario
Il calo dei salari ha avuto ripercussioni sull’occupazione: sempre più lavoratori cercano un altro lavoro per sbarcare il lunario

Per il secondo trimestre, le possibilità di miglioramento basate su un livello di attività leggermente migliore rispetto a quello dei primi tre mesi dell’anno, rimangono latenti anche se lungi dall’essere assicurate.

Al di là dell’aumento di 0,8 punti rispetto allo scorso anno, uno sguardo più approfondito ai dati sulla disoccupazione espone una serie di dati che mostrano la particolare dinamica della crisi economica. In sostanza, un livello di disoccupazione cresciuto ma previsto più alto, forse a causa del cosiddetto “effetto scoraggiamento” nel trovare lavoro – quindi chi aspira a trovarlo non lo cerca, quindi non viene conteggiato “disoccupati” per le statistiche”. –, situazione che convive con quella dei lavoratori che cercano più lavoro per compensare la perdita di reddito. Entrambe cartoline di una crisi che ha colpito in maniera diversa l’occupazione registrata e quella informale.

Tra tutti gli aspetti salienti evidenziati dai diversi analisti del mercato del lavoro, tutti sono concordi nel sottolineare l’aumento del numero degli occupati in cerca di lavoro, cioè di coloro che hanno già un lavoro ma lo trovano insufficiente e cercano di lavorare più ore.

“La domanda di sottoccupazione è aumentata di 0,8 punti, come negli anni ’90. Il reddito diminuisce, le persone devono lavorare più ore per generare lo stesso reddito” (Pastrana)

“Il dato più preoccupante viene dalla pressione sul mercato del lavoro, balzata dal 26,9% al 29,5%. Ciò si spiega non solo con l’aumento della disoccupazione, ma fondamentalmente con gli occupati in cerca di lavoro che, a causa del calo dei salari, cercano più lavoro”, ha spiegato l’economista dell’Osservatorio CTA, Luis Camposche a sua volta ha evidenziato che, pur essendo importante, la variazione interannuale “non è la più alta dell’ultimo periodo” poiché si colloca al secondo posto dopo l’aumento di un punto percentuale tra il primo trimestre del 2018 e lo stesso periodo del 2019. In ogni caso, ha avvertito che il rischio maggiore risiede nella sua evoluzione futura, che ha poche prospettive di miglioramento, almeno nel trimestre in corso.

Anche il macroeconomista Federico Pastranadirettore di CP Consultores e specialista del mercato del lavoro, ha sottolineato l’impatto del calo del reddito sull’occupazione.

Il mercato del lavoro nel primo trimestre e il confronto con il 2023

“Il numero di persone che cercano di lavorare più ore è aumentato. Sono stati distrutti molti posti di lavoro non registrati, non qualificati e con un livello di istruzione inferiore. Per comprendere gli effetti della crisi bisogna guardare ai salari medi e alla disoccupazione, ma anche alla sua composizione”, spiega l’esperto che aggiunge: “La domanda di sottoccupazione è aumentata di 0,8 punti, come negli anni ’90. Il reddito diminuisce, le persone devono lavorare più ore per generare lo stesso reddito”, ha spiegato.

Allo stesso modo, i dati diffusi ieri dall’Indec segnano un altro sintomo della crisi: il lavoro informale, che solitamente registra una crescita a scapito dell’occupazione registrata nei periodi di recessione, ha avuto un comportamento diverso nei primi trimestri dell’anno. È stato il settore in cui sono stati distrutti più posti di lavoro, il che indica, secondo Pastrana, che l’informalità non funge da “rifugio” dalla minaccia della disoccupazione.

“Il dato più preoccupante viene dalla pressione sul mercato del lavoro, balzata dal 26,9% al 29,5%” (Campos)

Sulla stessa linea, l’occupazione formale qualificata è quella che denota le maggiori resistenze, data la difficoltà per le aziende di reperire questa tipologia di personale. D’altro canto, le posizioni che richiedono una qualifica inferiore sono quelle che hanno avuto l’impatto maggiore. Questa statistica è coerente con il livello di istruzione: coloro che hanno un’istruzione primaria e secondaria incompleta sono i più colpiti dalla disoccupazione.

Per il secondo trimestre, le possibilità di miglioramento basate su un livello di attività leggermente migliore rispetto a quello dei primi tre mesi dell’anno, rimangono latenti anche se lungi dall’essere assicurate.

Secondo la società di consulenza LCG, i risultati diffusi ieri “erano attesi in un contesto recessivo e hanno indubbiamente avuto il loro effetto nel moderare l’aumento dei prezzi e dei salari. Per il secondo trimestre di quest’anno, è possibile che assistiamo ad un’attenuazione del deterioramento dei dati sul mercato del lavoro a causa di un eventuale (leggero) miglioramento degli indicatori di attività”, ha affermato, pur chiarendo che sia la correzione relativa dei prezzi in vista , che potrebbe continuare a incidere negativamente sul livello di attività, come un possibile aumento del numero di persone in cerca di lavoro (popolazione economicamente attiva), potrebbe neutralizzare questo miglioramento.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Muore Shannen Doherty, star di “Charmed” e “The Feeling”.
NEXT Hiba Abouk reagisce in rete all’intervista di María José Suárez