Imparare le arti ‘Jedi’ o possedere una spada laser in Messico: il sogno diventato realtà di ogni fan di ‘Star Wars’

Imparare le arti ‘Jedi’ o possedere una spada laser in Messico: il sogno diventato realtà di ogni fan di ‘Star Wars’
Imparare le arti ‘Jedi’ o possedere una spada laser in Messico: il sogno diventato realtà di ogni fan di ‘Star Wars’

Nel 1977, George Lucas creò un universo dove convivono alieni, un contadino con il sogno di diventare pilota, astronavi, androidi spiritosi, una principessa coraggiosa, un contrabbandiere ribelle dal cuore d’oro, antichi guerrieri guardiani della pace, un impero galattico universo con un cattivo spaventoso, così come un potere metafisico e onnipresente chiamato La forza, con il suo lato chiaro e quello oscuro. Il suo autore non immaginava che quest’opera spaziale, conosciuta come Guerre stellari, sarebbe diventato un fenomeno culturale e una saga capace di trascendere e riverberarsi nel tempo e su diverse generazioni in tutto il mondo. Dal 2011, il 4 maggio è stato celebrato come la giornata internazionale per commemorare la saga popolare, a causa della somiglianza fonetica in inglese con la frase emblematica di questo universo, “Che la Forza sia con te” (Che la forza sia con tein inglese), ha con “May the 4th of May be with you” (Che il Quarto sia con te).

Tra gli edifici del complesso urbano di Nonoalco Tlatelolco, nella delegazione di Cuauhtémoc – a Città del Messico – “in una galassia lontana lontana” da dove si svolgono gli eventi immaginari della saga., Ricardo Jocksan Mejía Malvárez ha creato la Quetzal Combat Academy, una scuola multidisciplinare di sport e combattimento scenico con la spada laser, dove potrai apprendere le arti dei guerrieri Jedi O sith che può essere visto nelle diverse trilogie. Il sogno del maestro Jocksan, come lo chiamano i suoi apprendisti, è nato otto anni fa, come lui stesso dice, dall’idea di “un ballo di nerd” ad una convention di Guerre stellari.

I membri della Quetzal Combat Academy.Anna Chirino

Jocksan, 33 anni, indossa un outfit caratteristico del lato oscuro, ispirato al personaggio di Kylo Ren. Non è quello con cui si allena abitualmente, ma si concentra sulla pratica della coreografia da mettere in scena durante un concerto sinfonico che si terrà nella capitale il giorno di San Valentino. Guerre stellari. Contagiato dall’amore del padre per il lavoro di George Lucas e dalla passione per le arti marziali fin dall’età di otto anni, ha plasmato l’insegnamento sportivo e ricreativo della spada laser.

“Ho iniziato con il tae kwon do, poi karate, ninjutsu, kenjutsu, hema e scherma olimpica. Queste sono le basi di tutto ciò che vediamo Guerre stellari. Diamo un esempio. Il primo modo noto come Shii Cho [del combate jedi]si basa su una spada a due mani, sia essa una katana, una sciabola coreana, a ninjatoe una spada di hema a due mani. Quindi abbiamo le basi marziali per applicarle al modo in cui viene usata la spada nei film”, afferma Mejía.

Come nelle arti marziali, anche nel Quetzal gli studenti conseguono gradi padroneggiando le forme di combattimento con la spada, oltre a tecniche complementari di tai chi, kung fu, acrobatica, un po’ di ginnastica e teatro, per passare da apprendista a gran maestro. jedi, un processo che può richiedere dai quattro ai cinque anni circa. Nelle sue quattro sedi nella capitale Chilanga, l’Accademia Mejía conta in totale circa 37 studenti, di cui due già in possesso del diploma di insegnante e collaborano all’insegnamento dei nuovi studenti. padawancome sono conosciuti gli apprendisti di questi guerrieri.

Il maestro Jocksan lo ritiene Guerre stellari e gli insegnamenti sulla cultura jedi, raffigurati nei film come guardiani dell’ordine e della pace nella galassia, possono essere considerati una filosofia di vita. “L’equilibrio tra mente e corpo rientra nei nostri precetti dell’Accademia. Sottolineiamo l’equilibrio emotivo. Molte volte puoi arrivare stressato, stanco e questo è un modo per liberarti, venire a giocare con le spade, ma con le tecniche e anche in una fratellanza che ti abbraccia”, dice Mejía.

Lilia Villalobos, vestita da Rey, e Ricardo Jocksan, vestito da Kylo Ren, in un duello.Anna Chirino

A pochi metri da Jocksan, Isadora Molina, 33 anni, insegna i tagli base a una collega che comincia a muovere i primi passi in questa disciplina. È una grafica di professione e ricopre il grado di cavaliere. jedi nel Quetzal. Lei, insieme alla figlia di otto anni, costituisce le 10 donne che fanno parte dell’accademia. In circa due anni aspira a raggiungere il grado di Gran Maestro.

Apprezza che si tratti di uno sport che non fa distinzioni tra i sessi e che è inclusivo, caratteristiche che ritiene siano state presenti nella franchigia di Guerre stellari fin dalla sua nascita, anche se, ammette, non è molto comune vedere un pubblico femminile coinvolto al 100%. Molina, che indossa un abito lucido che emula il beskar – un caratteristico metallo che contraddistingue il personaggio della serie Il mandaloriano–, dice di essere sopravvissuto ad abusi psicologici. Nell’ambito della terapia a cui si è sottoposto gli hanno consigliato di svolgere qualche tipo di attività che potesse aiutarlo ulteriormente. È così che è arrivato a Quetzal. “Qui non è consentita alcuna forma di violenza. Ho avuto il vantaggio che Jocksan è sempre stato molto amichevole e collaborativo. Anche quando mi hanno dimesso dal mio processo psicologico, lo sono sempre stati [sus compañeros] incoraggiandomi, in attesa. Non importa se sei un uomo o una donna, l’importante è che ti incoraggi a partecipare, che cresca e raggiunga un livello più alto”, dice Molina.

Una spada laser con la robustezza dello scudo di un granatiere

Mejía specifica che le lame utilizzate per le spade laser sono realizzate in policarbonato di grado balistico. Sono progettati per un “uso gravoso”. “Gli scudi dei granatieri sono fatti di quel materiale. Li hai visti lanciargli pietre, prenderli a calci, colpirli. E quello dei poliziotti è un po’ più scarno. Sono circa 2,5 millimetri. I tubi della sciabola sono 3 millimetri. Sono progettati per i duelli pesanti, hanno abbastanza frange per avere quella flessibilità”, spiega l’insegnante di Quetzal.

Chi fornisce loro il proprio strumento formativo è anche membro dell’accademia. Tanit Sáenz, 47 anni, ha iniziato quattro anni fa a diventare uno dei principali fornitori di spade laser in Messico. Quando iniziò a praticare, gli prestarono la spada, ma quando cercò di acquistarne una sua, si trovò di fronte ad un prezzo “piuttosto alto”, a tempi di consegna irragionevoli e ad una qualità dei materiali che lo lasciavano con un “Ha un sapore davvero sgradevole in bocca.” “Sono arrivato a un punto in cui ho detto, se lo pratico e mi piace. Sono un fan della saga da quando ho memoria, perché non apro un negozio, perché non li vendo io stesso”, ricorda.

Così è nata KTSR Sabres, abbreviazione del nome di suo figlio (Keelan Tariq Sáenz Ríos), azienda di progettazione e marketing di spade laser. Il tuo laboratorio e showroom —dove puoi portare una sciabola da riparare o scegliere diversi modelli al momento—, situato nello Stato del Messico, è dove Tanit Sáenz e Fernanda Ríos, sua moglie e responsabile dell’intera area di pubbliche relazioni di l’azienda, porta la magia della fantascienza in realtà. “Abbiamo iniziato con poche sciabole, dalle 6 alle 12. In questo momento si parla già di avere uno stock di oltre 150 in pronta consegna. Non giochiamo con i tuoi soldi. Non voglio ritrasmettere quella brutta esperienza che ho avuto”, dice Sáenz.

Tanit Saenz e Fernanda Ríos, fondatori di KTSR Sabres.Anna Chirino

Le sciabole vendute da KTSR vanno da quelle più basilari, tra 1.700 pesos, fino alla linea Elite, che sono repliche cinematografiche che resistono a combattimenti intensi e, a seconda della configurazione e dei dettagli che portano, possono arrivare fino a 15.000 e 20.000 pesos. Sáenz, che ha quasi 60 spade laser che decorano la sua parete – tra i suoi disegni e repliche – come un fabbro di katana dell’antico Giappone, si dice soddisfatto di ciò che ha realizzato fino ad oggi: più di 3.000 sciabole vendute.

Alcune delle sciabole esposte nello showroom KTSR Sabres.Anna Chirino

Sáenz, che di professione fa il grafico, preferisce essere onesto e ammette che le sciabole non sono prodotte in Messico e questo per un semplice motivo: qualità e costo. “Li ho progettati e ho il planimetria [planos] di tutti i modelli, ma sono fabbricati in Asia perché non sono riuscito a trovare nessuno in Messico che me li fabbricasse ad un prezzo ragionevole e con un’alta qualità, cosa alla quale siamo abituati,” chiarisce.

Tuttavia, nella progettazione dei diversi modelli disponibili, si impegnano a curare ogni dettaglio della produzione. Hanno addirittura fatto parte del team di sviluppatori di una scheda che controlla tutte le funzioni elettroniche delle spade.

Dice che la sua soddisfazione per il suo lavoro come progettista di spade laser è simile a quando vedeva un cartellone pubblicitario da lui creato esposto in una strada. Il suo laboratorio, pieno di spade pronte per la vendita, altre in riparazione, circuiti, carte e bottoni, dimostrano il suo impegno per la causa della Guerre stellari e il sogno di molti che sono cresciuti ammirando il franchise. “Quando vedo che le persone cominciano a riconoscere il marchio, che cominciano a consigliarlo, è una cosa che mi piace molto, perché so che stiamo facendo bene le cose”, conclude.

Iscriviti alla newsletter di EL PAÍS Messico e a canale whatsapp e ricevere tutte le informazioni chiave sugli eventi attuali in questo paese.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Quale personaggio di STAR WARS sei in base alla tua data di nascita?
NEXT Che il colore sia con te