Sigourney Weaver e una carriera segnata dal ruolo di Ellen Ripley in ‘Alien’

Sigourney Weaver e una carriera segnata dal ruolo di Ellen Ripley in ‘Alien’
Sigourney Weaver e una carriera segnata dal ruolo di Ellen Ripley in ‘Alien’

Sigourney è un nome curioso e atipico che onora e definisce quasi perfettamente il suo proprietario più famoso.. Viene dal francese, può essere usato in modo intercambiabile da uomini e donne e il suo significato più noto è “guerriero conquistatore”. Supportati da questo attributo, scopriamo che la nuova destinataria di questo nome continua ad essere per molti un grande simbolo di eroismo, coraggio e forza d’animo: Sigourney Weaver.

È forse il primo esempio di un’intera vita dedicata a sfidare chi le consigliava determinate strade per portare avanti la sua vita e scegliendo solo la direzione che il suo stesso istinto le indicava è stata quella che l’ha portata a scegliere il nome con cui è diventata celebrità.

Susan Alexander Weaver ha trovato un personaggio minore, quasi insignificante, di nome Sigourney Howard nelle pagine de “Il grande Gatsby”, e le è piaciuto così tanto che l’ha adottata per sempre come sua.

(Si legge: Fonseca lancia ‘Tropicalia’, un omaggio alle sue radici e ai generi che lo hanno segnato).

“Ho deciso di farlo Sigourney così avrebbero smesso di chiamarmi Suzy. Adesso mi chiamano anche Siggy, ma non mi interessa. Immagino che quello che volevo fosse essere qualcun altro, sentirmi diverso. Ma alla fine, nessuno può sfuggire al proprio destino”, ha detto l’attrice al quotidiano spagnolo qualche anno fa. Paese.

Quel destino lo trovò non appena lasciò la scuola di teatro, mentre il suo nome compariva spesso nelle opere rappresentate nel circuito newyorkese denominato ‘off-Broadway’ e contemporaneamente iniziava la sua carriera nel cinema.

Trovò quel destino non appena lasciò la scuola di teatro, mentre il suo nome appariva spesso in spettacoli rappresentati nel circuito newyorkese noto come fuori Broadway e contemporaneamente inizia la sua carriera nel cinema. Non era una ragazzina, aveva quasi 30 anni quando si unì al cast di Alien, l’ottavo passeggerodiretto nel 1979 da Ridley Scott, e lanciò la storia di “Ellen Ripley”, un personaggio da cui sarebbero configurate fino ad oggi quasi tutte le eroine del grande schermo.

“’Ripley’ non era certamente quello che avevo in mente quando ho pensato di dedicarmi al cinema. Ho sempre immaginato che mi sarei fatto strada attraverso piccoli ruoli e avrei interpretato molti di quei personaggi. Diventare un’eroina? Non lo avrei mai immaginato», spiegherà molto tempo dopo essere diventato definitivamente una star.

In un primo momento, Weaver rifiutò l’idea di entrare dalla porta principale del cinema attraverso la fantascienza: “Ero un totale snob, a quel tempo volevo fare opere di Mike Nichols, Shakespeare e Woody Allen. La fantascienza non ha attirato la mia attenzione. Alla fine ho accettato e ho deciso di interpretare ‘Ripley’ come se fossi Enrico V su Marte.”

Dal suo posto in una delle storie cinematografiche di fantascienza più continuate degli ultimi decenni, non ha smesso di crescere. Dopo Alien, l’ottavo passeggeroarrivare Alieni, il ritorno (1986), uno dei capolavori di James Cameron, per il quale ottenne la prima delle sue tre nomination agli Oscar. Questa seconda apparizione è ancora più ricca e complessa per un personaggio che, come ha sottolineato il critico Angelo Faretta sulla defunta rivista ferroaccetta “al di là del fisico la sua essenza femminile e, quindi, la maternità”.

(Anche: Gonzalo Rubalcaba e Ivan Lins: la riunione di due leggende al Teatro Colsubsidio).

Il posto dell’eroina nel cinema troverebbe da lì una nuova dimensione, anche se Weaver non ha personificato ‘Ripley’ con la consapevolezza di quella prospettiva. “Non l’ho interpretato in questo modo. Non era mia intenzione. “Avevo un’idea diversa di tutto ciò che sarebbe successo al mio personaggio in futuro”, ha giustificato.

Col tempo, Weaver ha finito per accettare il suo posto. Il fatto che il destino nel suo caso fosse stato scritto fin dall’inizio cominciò ad assumere i contorni di una verità indiscutibile. E ha iniziato a sentirsi così a suo agio con il personaggio che ha accettato di ritornarci altre due volte. primo Alieno 3 (1992), di David Fincher, e infine in Alieno, resurrezione (1997), di Jean-Pierre Jeunet.

Un’influenza potente

L’influenza del personaggio che ha definito la carriera cinematografica di Sigourney Weaver rimase visibile nei decenni successivi davanti a specchi altrettanto potenti I giochi della fame, Malavita E Mad Maxtre titoli che a immagine e somiglianza di Alieno Sono diventate formule cinematografiche di successo con diversi film al loro attivo.

Questa è la principale motivazione con cui l’Accademia del Cinema Spagnolo ha assegnato quest’anno a Sigourney Weaver il Goya internazionale alla carriera. Il premio, riconosciuto in tutto il mondo come l’Oscar del cinema di lingua spagnola, gli è stato consegnato il 10 febbraio “per averci ispirato personaggi indipendenti, complessi e forti”.

Jennifer Lawrence ha detto che Katniss Evergreen, il personaggio centrale dei primi film di “Hunger Games”, ha preso “Riple’y come riferimento diretto e modello per la sua personificazione. Kate Beckinsale, figura centrale dei film Malavitasi fa chiamare anche “Sigourney Beaver” in segno di ammirazione per il lavoro della Weaver come eroina, e Charlize Theron, protagonista dell’ultima fase di Mad Maxha detto che sarebbe “molto negligente” ignorare tutto ciò che Weaver ha fatto per costruire l’immagine attuale che abbiamo di un’eroina cinematografica a tutti gli effetti.

Jennifer Lawrence ha detto che Katniss Evergreen, il personaggio centrale dei primi film di “Hunger Games”, ha preso Ripley come riferimento diretto e modello per la sua personificazione.

Angelina Jolie (Lara Croft: Tomb Raider), Emily Blunt (Ai margini del domani), Amy Adams (l’arrivo), ancora Lawrence (Passeggeri), Jessica Chastain (missione di salvataggio) e Sandra Bullock (Gravità) hanno rappresentato nel tempo diverse varianti dello stesso tipo di personaggio femminile centrale con tratti eroici in storie fantastiche, futuristiche o di fantascienza. Ognuno di loro, a modo suo, riflette l’eredità che Weaver ha inaugurato interpretando Ripley.

(Potrebbe interessarti: Robert Downey Jr. ruba applausi per le sue molteplici interpretazioni in “The Sympathizer”).

Mi sento molto lusingata quando le mie colleghe attrici parlano di “Ripley”“, ha osservato Weaver nel 2017, esprimendo il desiderio di tornare a incarnare il suo personaggio storico sullo schermo se le condizioni per farlo fossero state soddisfatte. “Ma devo soprattutto riconoscere il lavoro degli autori. “Quando abbiamo realizzato il seguito di ‘Alien’ ho visto quanto fosse difficile scrivere di una donna in modo così diretto, autentico, eroico e non sentimentale”, ha aggiunto.

Due anni prima di ‘Alien’l’ottavo passeggero’, Weaver aveva un’apparizione quasi impercettibile (appena sei secondi davanti alla telecamera). Due strani amanti (1977), di Woody Allen. Ma nella memoria della maggior parte del pubblico non c’era nulla nella sua carriera prima di Ripley. Raramente un’attrice riesce a far sì che il suo primo personaggio cinematografico diventi allo stesso tempo quasi quello definitivo.

Ma molto è venuto dopo. Weaver ha riempito la sua carriera con apparizioni rilevanti che hanno decorato ripetutamente una carriera esemplare.. Ha mostrato, ad esempio, altre varianti (ma molto più terrene) dell’eroismo femminile: L’anno in cui abbiamo vissuto in pericolo, Gorilla nella nebbia, Copycat-L’imitatore. E ad esse si aggiungono altre indimenticabili apparizioni, tipiche di un’attrice dalle infinite risorse, in Gli acchiappafantasmi, Segretario Esecutivo, Presidente per un giorno, La morte e la fanciulla O Un mostro è venuto a trovarmiE. La sintesi di tutte le sfaccettature di una carriera eccezionale è il carattere che Cameron gli ha regalato Avatar.

Weaver, 74 anni, vive tra New York (sua città natale) e Santa Barbara, California, con l’autore e regista teatrale Jim Sampson., che sposerà nel 1984. L’unico desiderio di Sigourney Weaver è invecchiare con grazia senza lasciare che qualche strano artificio alteri la naturalezza del suo viso e del suo corpo. E si sente felice di aver dato un contributo fondamentale affinché le donne (soprattutto le eroine) siano viste nel cinema in modo diverso.

AUTORE: Marcelo Stiletano
LA NACION (Argentina) – GDA

Altre novità su EL TIEMPO

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Giancarlo Esposito realizza i sogni dei fan e si unisce al MCU
NEXT 5 anteprime essenziali da vedere questo fine settimana