Altre università canadesi si uniscono in solidarietà con la Palestina

Gli studenti prolungheranno il sit-in per tre giorni, dalle 9:00 alle 23:00, ora locale, e sperano di riunire un numero elevato di partecipanti, chiedendo allo stesso tempo la fine dei bombardamenti nella Striscia di Gaza.

Chiedono l’eliminazione di tutte le voci che avvantaggiano Israele in un elenco di varie richieste come disinvestimento, trasparenza del bilancio, cambiamenti nella politica di investimento e boicottaggio delle relazioni internazionali.

Chiedono anche una dichiarazione pubblica che esiga il rispetto dei diritti dei palestinesi, di fronte alle crescenti molestie e discriminazioni subite dagli studenti di quella origine e dai loro alleati in questo centro di istruzione superiore.

Oltre a questa istituzione accademica, anche le università canadesi di McGill, Toronto, Western e British Columbia sviluppano viaggi di campeggio con uno scopo simile e seguono così le orme dei giovani degli Stati Uniti, del Regno Unito e di altre nazioni del mondo. mondo.

La solidarietà con la Palestina in Canada è stata il motivo della marcia tenutasi ieri sera a Toronto, dove migliaia di persone hanno espresso il loro rifiuto dell’aggressione israeliana e hanno chiesto la fine dell’offensiva di terra contro la città di Rafah, a Gaza.

Secondo la rete di notizie CBC, gli attivisti si sono prima radunati davanti al consolato israeliano e poi hanno percorso altre arterie della metropoli con slogan di ripudio delle manovre di Tel Aviv.

Nel frattempo, la polizia ha riferito che intorno alle 21:00, ora locale, la protesta si è svolta all’Università di Toronto, senza arresti o scontri tra manifestanti e forze dell’ordine.

Gli organizzatori hanno indicato che si trattava di un’azione di emergenza prima dell’inizio dei bombardamenti a Rafah.

Israele ha imposto un blocco devastante all’enclave palestinese, lasciando la sua popolazione, in particolare i residenti nel nord di Gaza, sull’orlo della carestia.

La guerra ha spinto l’85% della popolazione allo sfollamento interno a causa di gravi carenze di cibo, acqua potabile e medicine, mentre la maggior parte delle infrastrutture dell’enclave sono danneggiate o distrutte, secondo le Nazioni Unite.

Il governo del primo ministro Benjamin Netanyahu deve affrontare l’accusa di genocidio davanti alla Corte internazionale di giustizia, che in una sentenza provvisoria lo scorso gennaio ha ordinato a Tel Aviv di fermarsi.

Ha anche chiesto che vengano adottate misure per garantire che venga fornita assistenza umanitaria ai civili a Gaza.

mem/anno

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Al nuovo coltellino svizzero mancherà una caratteristica fondamentale: la lama
NEXT 50 frasi stimolanti per la Festa del Lavoro da inviare ai clienti questo 1 maggio | MESCOLARE