L’agenzia Onu denuncia che circa 80.000 persone sono fuggite da Rafah a Gaza

L’agenzia Onu denuncia che circa 80.000 persone sono fuggite da Rafah a Gaza
L’agenzia Onu denuncia che circa 80.000 persone sono fuggite da Rafah a Gaza

ANKARA, Turchia

Circa 80.000 palestinesi sono fuggiti da Rafah dall’inizio dell’offensiva israeliana contro la città nel sud della Striscia di Gaza il 6 maggio, ha riferito giovedì 9 maggio l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (UNRWA).

“Le persone stanno affrontando un altro sfollamento forzato nella Striscia di Gaza”, ha affermato l’UNRWA in una nota.

“Il costo per queste famiglie è insopportabile. Nessun posto è sicuro. Abbiamo bisogno di un cessate il fuoco adesso”, ha aggiunto.

Martedì l’esercito israeliano ha preso il controllo del lato palestinese del valico di Rafah al confine con l’Egitto, una via vitale per gli aiuti umanitari verso il territorio assediato.

La mossa è arrivata il giorno dopo che l’esercito ha emesso l’ordine di evacuazione per i palestinesi nella parte orientale di Rafah, una mossa ampiamente vista come un preludio al temuto attacco israeliano alla città, dove hanno trovato rifugio circa 1,5 milioni di palestinesi sfollati.

Vedi anche: L’ONU avverte che le strutture mediche a Rafah potrebbero presto diventare inaccessibili o inutilizzabili

Tel Aviv ha attaccato la Striscia di Gaza come rappresaglia per un attacco transfrontaliero guidato da Hamas, che secondo Tel Aviv ha ucciso circa 1.200 persone.

Da allora, secondo le autorità sanitarie palestinesi, più di 34.800 palestinesi sono stati uccisi a Gaza, la stragrande maggioranza dei quali erano donne e bambini, e altri 78.404 sono rimasti feriti.

A quasi sette mesi dall’inizio della guerra israeliana, vaste aree di Gaza giacevano in rovina, spingendo l’85% della popolazione dell’enclave allo sfollamento interno in mezzo a un paralizzante blocco di cibo, acqua pulita e medicine, secondo le Nazioni Unite.

Israele è accusato di genocidio dalla Corte internazionale di giustizia, che in una sentenza provvisoria di gennaio ha affermato che è “plausibile” che Israele stia commettendo un genocidio a Gaza e ha ordinato a Tel Aviv di fermare tali atti e di adottare misure per garantire che venga fornita assistenza umanitaria. ai civili di Gaza.

*Aicha Sandoval Alaguna ha contribuito alla stesura di questa nota.

Il sito web dell’Agenzia Anadolu contiene solo una parte delle notizie offerte agli abbonati sull’AA News Broadcasting System (HAS) e in forma riassuntiva.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il dilemma delle università europee di fronte alle crescenti proteste su Gaza: sfrattare o dialogare | Internazionale
NEXT 50 frasi stimolanti per la Festa del Lavoro da inviare ai clienti questo 1 maggio | MESCOLARE