L’esercito israeliano entra in nuovi quartieri di Rafah e mantiene i bombardamenti in tutta la Striscia

L’esercito israeliano entra in nuovi quartieri di Rafah e mantiene i bombardamenti in tutta la Striscia
L’esercito israeliano entra in nuovi quartieri di Rafah e mantiene i bombardamenti in tutta la Striscia

Gerusalemme, 23 maggio (EFE).- Le truppe israeliane sono avanzate ulteriormente a Rafah, all’estremità meridionale della Striscia di Gaza, e hanno ucciso diversi presunti miliziani di Hamas in un combattimento “corpo a corpo”, mentre continuavano gli attacchi aerei su quasi tutta l’enclave.

“Le truppe stanno operando sulla base delle informazioni sugli obiettivi terroristici nei quartieri di Brasile e Shabura, facendo tutto il possibile per prevenire danni ai civili e dopo che la popolazione civile nell’area è stata evacuata”, si legge in una nota militare.

L’operazione militare israeliana a Rafah, iniziata il 6 maggio, è stata molto controversa perché lì si stavano rifugiando più di 1,4 milioni di sfollati, ai quali ancora una volta è stato ordinato di evacuare senza un posto sicuro dove andare.

Secondo Israele, da allora circa 950.000 abitanti di Gaza sono fuggiti da Rafah e la maggior parte si è trasferita a Khan Younis, devastata dopo cinque mesi di combattimenti, o a Mawasi, una zona costiera dove centinaia di migliaia di persone già vivono in spiagge sovraffollate senza acqua potabile né servizi igienici.

Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jake Sullivan, ha rivelato questo mercoledì che il governo israeliano lo ha informato durante la sua recente visita a Tel Aviv dei suoi piani per ridurre la morte dei civili di Gaza a Rafah, dove fonti mediche palestinesi riferiscono quotidianamente di morti civili a causa dei bombardamenti israeliani.

“L’aviazione ha eliminato tre terroristi appartenenti ad uno squadrone di mortai, che hanno sparato colpi di mortaio contro le truppe a Rafah”, ha detto l’Esercito, che prosegue le sue operazioni militari anche a Jabalia, nel nord della Striscia, e nel centro.

Nel campo profughi di Jabalia, che Israele è sotto assedio da più di una settimana, l’esercito ha affermato di aver attaccato complessi militari e depositi di armi, oltre ad aver eliminato “terroristi”.

Nel centro dell’enclave, dove i combattimenti non si fermano da più di cinque mesi, Israele ha dichiarato di aver eliminato il capo di una squadra di Hamas che operava da un nascondiglio, due “terroristi” che hanno aperto il fuoco sulle truppe e un altro che ha partecipato all’attacco. attentato in Israele il 7 ottobre.

L’esercito ha inoltre riferito di un “raid selettivo” avvenuto ieri a Beit Hanoun, nell’estremo nord-est dell’enclave, per “eliminare” una presunta cellula di Hamas ivi identificata, nonché “infrastrutture terroristiche”.

In quell’operazione sono morti tre soldati israeliani, i cui nomi erano già stati rivelati ieri, portando a 286 il numero delle vittime tra le loro fila dall’inizio dell’invasione di terra nella Striscia.

“In collaborazione con l’Aeronautica Militare, le truppe hanno attaccato numerosi obiettivi terroristici, tra cui un sito di lancio anticarro, un complesso militare e postazioni di cecchini”, oltre a diversi combattenti, ha detto l’Esercito riferendosi all’operazione a Beit Hanoun, iniziata ieri ma continua oggi.

I morti di Gaza nella Striscia superano già i 35.700 – più del 70% donne e bambini – e i feriti superano gli 80.000, oltre ai 10.000 corpi dispersi sotto le macerie, secondo il Ministero della Sanità di Gaza, controllato da Hamas. EFE

sì/ah

(foto)(video)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il Parlamento vietnamita esamina il programma di investimenti pubblici
NEXT Le forti piogge in Ecuador hanno causato una frana che ha provocato almeno sei morti e 30 dispersi