Macron ipotizza una “coabitazione” con Le Pen e avverte del blocco

Secondo un sondaggio pubblicato da diverse reti radiofoniche e televisive, 57% dei francesi Vogliono che Emmanuel Macron si dimetta se il Raggruppamento Nazionale (AN, estrema destra), il partito di Marine Le Pen, vince le elezioni anticipate del 30 giugno e le 7 luglio.

Tra i giovani tra i 18 e i 24 anni il desiderio di dimissioni del capo dello Stato sale al 76%. Al di là della precisione o imprecisione del sondaggio, si tratta di una tendenza fondamentale, mentre altri sondaggi insistono sull’importanza dell’ondata elettorale che potrebbe dare a Le Pen la maggioranza assoluta o relativa nella prossima Assemblea Nazionale (AN), prima camera del Parlamento.

Macron ha un punto di vista diametralmente opposto. Ha confermato che non si dimetterà e che è disposto a convivere istituzionalmente con Le Pen se il suo partito dovesse vincere, ma annunciando rischi gravi, nazionali ed europei: “La Francia rischia di essere bloccata, vittima di alleanze innaturali con l’estrema destra e l’estrema sinistra.”

Richiesta sindacale

Diciotto giorni prima del primo turno elettorale, il presidente ha lanciato un appello nazionale all’unione dei politici contrari all’estremismo: «I francesi hanno votato. Devi ascoltare la loro rabbia. Ma non si governa con rabbia. È governato nel rispetto di tutte le sensibilità. Gli estremismi hanno bloccato l’Assemblea nazionale. Le alleanze innaturali con gli estremisti possono aggravare il blocco della Francia. Chiedo l’unione […] di connazionali e politici che non si riconoscono in alcun estremismo.

Nel corso di una conferenza stampa di un’ora e mezza, Macron ha commentato il rischio di una crisi globale in Francia, ma ha escluso le dimissioni se vincesse l’estrema destra: “Sarebbe assurdo dimettersi. Sono stato eletto per cinque anni nel 2022». Stabiliti questi principi, ha lanciato la sua campagna personale, da solo, contro tutti gli estremi, che considera una minaccia per la Francia e l’Europa.

Vista l’alleanza annunciata tra la dirigenza dei Repubblicani (destra storica) e il Raggruppamento Nazionale (AN, estrema destra), Macron si è espresso così: «Il generale de Gaulle resterà, nella sua tomba, a contemplare come il signor Ciotti si allea con l’estrema destra di Le Pen, cosa che tutti i suoi eredi denunciarono. Tutti i progetti di Le Pen, in materia di sicurezza, diplomazia e difesa, rappresentano una minaccia per la Francia e per l’Europa, con i suoi isolazionisti contro l’Ucraina, la NATO, l’Eurozona…

Vista l’alleanza del PS con France Insoumise (LFI, estrema sinistra), il partito di Jean-Luc Mélenchon, Macron ha dichiarato: “Léon Blum deve rivoltarsi nella tomba, stupito, per l’alleanza della sua famiglia politica con l’estrema sinistra”. antieuropeo e antisemita. Durante la campagna per le elezioni europee, Raphaël Glucksmann, capo della lista socialista, difendeva idee sensate e ragionevoli. Oggi il suo partito negozia un’unione elettorale con un’estrema sinistra che dice esattamente il contrario su questioni europee, ecologiche, energetiche e militari.

L’avvicinamento del presidente dei Republicanos al partito di Le Pen apre la divisione della destra storica

In campo diplomatico, Macron stima che l’estrema sinistra e l’estrema destra difendano posizioni contrarie agli interessi nazionali e al futuro dell’Europa, mettendo in guardia dai rischi catastrofici di un eventuale governo Le Pen: “La Francia è storicamente una potenza di equilibrio, in Ucraina, in il Medio Oriente, in Europa. La Francia è una potenza militare e diplomatica indipendente. L’estrema sinistra propone un’Europa balcanizzata, contro la NATO e contro il potere nucleare della Francia. Le Pen e il suo partito una volta avevano chiesto l’uscita dalla NATO, proponendo posizioni molto ambigue sulla Russia di Putin e sul futuro dell’indipendenza francese ed europea.

critici

In risposta alle dichiarazioni di Macron, Marine Le Pen ha semplicemente sorriso ironicamente: “Il signor Macron è diventato nervoso. Sta perdendo i nervi. “Siamo disposti a governare.”

A sinistra, Olivier Faure, primo segretario del PS, ha risposto in questi termini: “La causa del caos attuale è il Presidente della Repubblica, che non ha saputo rispondere alle legittime preoccupazioni dei nostri compatrioti”. Sandrine Rousseau, portavoce del movimento ambientalista, è stata più dura: «Di cosa sta parlando questo ragazzo? Il fascismo è alle porte del potere e lancia notizie false a tutte le ore». Mélenchon ha risposto con una certa brutalità: “Macron incarna la strategia del caos e delle guerre religiose per brutalizzare le elezioni”.

Mentre la Francia entra nel campo minato politico che Macron descrive con un certo ottimismo e cautela, il partito repubblicano si divide in modo grottesco. Martedì pomeriggio, Éric Ciotti, presidente del partito, ha annunciato a suo rischio e pericolo che LR ha raggiunto un accordo elettorale con Rassemblement National, il partito di Le Pen. La notizia cadde come una bomba puzzolente. Nicolas Sarkozy e l’intera élite conservatrice hanno reagito all’unisono. A suo avviso, Ciotti aveva commesso un tradimento infame nei confronti del patriarca fondatore, Charles de Gaulle, e di tutta la sua eredità politica, semplicemente capitale nella storia del conservatorismo francese.

Il capo dello Stato ritiene che l’estrema destra e l’estrema sinistra abbiano posizioni contrarie agli interessi nazionali

Le richieste di espulsione del presidente del partito sono piovute, in una riunione d’urgenza dell’ufficio di presidenza, composto da il presidente, il vicepresidente, il segretario e il tesoriere nazionaleaccompagnato da 80 soci storici.

Di fronte a questa minaccia, Ciotti ha ordinato al servizio di sicurezza LR di chiudere i locali e gli uffici del partito. L’ufficio di presidenza ha richiesto l’intervento di un giudice, che ha ordinato alla Polizia di aprire i locali.

Ciotti ha reagito: «È stato un incontro illegale. Sono ancora il presidente di LR. Posso presentare ricorso giurisdizionale…” La divisione del diritto storico era consumata. Il presidente espulso e un numero imprecisato di deputati verranno candidati nelle liste di estrema destra.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’FBI identifica l’autore dell’attacco contro Trump come Thomas Crook
NEXT Quanto possiamo essere “liberi” nei social network quando lavoriamo o facciamo domanda per un lavoro?