L’eccezionale felino uscito dalla lista delle specie a rischio di estinzione

L’eccezionale felino uscito dalla lista delle specie a rischio di estinzione
L’eccezionale felino uscito dalla lista delle specie a rischio di estinzione

Ascoltare

Secondo un rapporto dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), la lince iberica, una delle specie feline più rare al mondo, non è più in pericolo di estinzione.

Questa organizzazione, che classifica le specie in un “lista rossa” a seconda del livello di rischio che corrono, hanno rimosso la lince iberica dalla categoria “in via di estinzione” e lo inserì in “vulnerabile”, dopo aver registrato un aumento significativo del numero di animali.

La sua popolazione è cresciuta da 62 individui maturi nel 2001 a 648 nel 2022.mentre le linci giovani e mature hanno ora una popolazione stimata di oltre 2.000 esemplari, secondo quanto riportato dalla IUCN.

Come suggerisce il nome, questa specie vive nella regione iberica, cioè in Spagna e Portogallo.

Secondo i dati del Censimento della lince 2023Secondo quanto comunicato dalle autorità di entrambi i Paesi, esistono 14 “nuclei di popolazione” in cui gli animali sono stabili e si riproducono. Di questi, 13 si trovano in Spagna e uno in Portogallo.

Lince iberica, una pietra miliare per la conservazione

Il recupero di questa specie è in gran parte dovuto agli sforzi di conservazione che si sono concentrati sull’aumento dell’abbondanza della sua principale fonte di cibo: il coniglio selvatico, anch’esso in via di estinzione, noto come coniglio europeo.

Programmi per liberarne centinaia lince in cattività Anche il ripristino della boscaglia e delle foreste in cui vivono ha svolto un ruolo importante nel garantire che la lince non sia più in pericolo.

Riguarda “il più grande recupero di una specie felina mai ottenuto attraverso la conservazione“, ha affermato Francisco Javier Salcedo Ortiz, coordinatore dell’iniziativa di conservazione.

Tuttavia, Ortiz ha avvertito che c’è ancora “molto lavoro da fare” per garantire che gli animali sopravvivano e che la specie possa riprendersi.

“Guardando al futuro, si prevede di reintrodurre la lince pardina in nuove località nella Spagna centrale e settentrionale”, ha aggiunto.

La lince pardina vive in 14 località

“L’inizio è stato duro, ma non potevamo perdere tempo, c’era un sistema da cambiare e questo costa molto”, ha detto al giornale. Paese Astrid Vargas, che ha diretto il programma di riproduzione in cattività della lince iberica dal 2003 al 2010.

“Abbiamo dovuto imparare come affrontarli in cattività e preparare i cuccioli a vivere in natura”, Ricordare. Nel marzo 2005, una femmina di nome Saliega ha dato alla luce tre cuccioli, la prima cucciolata ottenuta in cattività.

Ora la specie occupa un’area molto più ampia, passando da 449 chilometri quadrati nel 2005 a 3.320 chilometri quadrati quest’anno, ha affermato la IUCN.

Tuttavia, l’agenzia per la conservazione ha avvertito che il successo non dovrebbe renderli compiacenti, poiché i progressi potrebbero essere invertiti.

Le minacce includono malattie causate da gatti domestici e il conigli selvatici di cui si nutrono le linci, oltre al bracconaggio e alle uccisioni stradali.

Istituita nel 1964, la Lista Rossa IUCN delle specie minacciate si è evoluta fino a diventare la fonte di informazioni più completa al mondo sullo stato di conservazione globale delle specie animali, fungine e vegetali.

*Di Malù Cursino

Mondo della BBC

Conosci il progetto Trust
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Chi è Mazzi Dumato, il miliardario finito in povertà dopo aver donato l’intero suo patrimonio per una causa nobile