I bombardamenti israeliani provocano circa 150 morti nelle ultime 48 ore, nella peggiore spirale di morte a Gaza da settimane.

I bombardamenti israeliani provocano circa 150 morti nelle ultime 48 ore, nella peggiore spirale di morte a Gaza da settimane.
I bombardamenti israeliani provocano circa 150 morti nelle ultime 48 ore, nella peggiore spirale di morte a Gaza da settimane.

L’esercito israeliano ha provocato questo sabato un massacro nella città settentrionale di Gaza, che ha provocato almeno 48 morti in attacchi contro tre quartieri residenziali, poco dopo che il locale Ministero della Sanità aveva annunciato un centinaio di morti da ieri pomeriggio nella Striscia, il numero peggiore da settimane.

Nei video trasmessi sui social network si vedono cittadini di Gaza feriti nel campo profughi di Al Shati, nella città di Gaza, emergere dal fumo e dalla polvere con volti e abiti grigi per il crollo degli edifici, oltre a un’atmosfera di panico diffuso e di edifici in rovina .

Il fumo si alza su Shejaiya, il sobborgo orientale di Gaza City, a seguito di un bombardamento israeliano.

Foto:AFP

Ad Al Shati si stima che siano morte almeno 22 personehanno riferito le squadre di soccorso, rammaricate di non essere riuscite a raggiungere tutti i feriti ancora intrappolati nel crollo.

“Agli equipaggi delle ambulanze viene negato l’accesso alle aree bombardate; Le capacità della protezione civile non sono proporzionali all’entità della distruzione ed è difficile per noi raggiungere le vittime”, ha detto oggi in una nota il portavoce della Mezzaluna Rossa a Gaza.

Agli equipaggi delle ambulanze viene negato l’accesso alle aree bombardate; Le capacità della protezione civile non sono proporzionali all’entità della distruzione ed è difficile per noi raggiungere le vittime.

In un secondo attacco nel quartiere di Al tuffah, a est di Gaza City, Altri 19 corpi, tra cui bambini, sono stati recuperati dalle macerie e altri 7 nella zona di Zeitun. Ci sono anche 14 dispersi e 50 feriti, secondo fonti dell’ufficio stampa governativo di Hamas.

L’esercito israeliano ha annunciato oggi di aver bombardato con aerei da guerra due punti delle “infrastrutture militari di Hamas” nella capitale di Gaza, ma poche ore dopo tale dichiarazione non ha fornito ulteriori dettagli. I media locali parlano di un possibile tentativo di omicidio di un alto funzionario di Hamas, che potrebbe aver provocato gli attacchi.

Il gruppo islamico Hamas si è rammaricato oggi in un comunicato Il “feroce attacco di Israele contro civili disarmati”, che ha definito “una continuazione del genocidio durato più di otto mesi, in palese disprezzo e sfidando tutte le leggi e i regolamenti che proibiscono di attaccare i civili”.

Un gruppo di persone si fa strada tra le macerie degli edifici distrutti durante i bombardamenti israeliani.

Foto:AFP

L’UE chiede un’indagine indipendente

Ieri, in un altro attacco su cui l’esercito israeliano ha affermato di indagare, almeno 25 abitanti di Gaza sono rimasti uccisi e cinquanta feriti, secondo il Ministero della Sanità locale, quando i carri armati hanno aperto il fuoco sulle tende degli sfollati nel nord di Rafah, nella zona di Al Mawasi, dove si trovano numerosi sfollati.

“Dopo un’indagine iniziale, l’IDF (Esercito israeliano) non ha effettuato alcun attacco diretto contro una struttura della Croce Rossa. L’incidente sarà rapidamente esaminato e le sue conclusioni saranno presentate ai nostri partner internazionali”, ha ribadito sabato una dichiarazione militare.

Lo ha denunciato ieri il Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR). Il suo ufficio, “circondato da centinaia di civili sfollati che vivono in tende”, è stato danneggiato dai bombardamenti nelle vicinanze e lui ha lamentato il rischio per la vita dei civili e degli operatori umanitari.

Soccorritori e civili sulle macerie di un edificio distrutto durante un bombardamento israeliano sul campo profughi di Al Shati.

Foto:AFP

Questo sabato, l’alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Josep Borrel, ha chiesto un'”indagine indipendente” sull’attacco e ha avvertito che la Croce Rossa a Gaza deve essere in grado di svolgere le sue funzioni, secondo le Convenzioni Ginevra, compresa la protezione umanitaria e l’assistenza alle vittime.

Nella città meridionale di Rafah, Israele continua ad espandersi nelle aree settentrionali e occidentali, fuori dal suo controllo, oltre al cosiddetto corridoio Filadelfia, la striscia di 14 chilometri sulla linea di demarcazione con l’Egitto che i militari stanno svuotando dagli edifici .

L’esercito “continua con operazioni selettive basate sull’intelligence nella zona di Rafah. Durante l’ultimo giorno, le truppe hanno smantellato le infrastrutture terroristiche nella zona ed hanno eliminato diversi terroristi armati in un combattimento corpo a corpo”, ha spiegato il portavoce militare.

Dall’inizio della guerra, 260 giorni fa, più di 37.550 palestinesi sono stati uccisi e altri 85.900 feriti. secondo fonti sanitarie dipendenti da Hamas, mentre decine di famiglie palestinesi sono state completamente o parzialmente annientate.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Chi è Mazzi Dumato, il miliardario finito in povertà dopo aver donato l’intero suo patrimonio per una causa nobile