Secondo un nuovo studio gli scienziati identificano un gene legato all’obesità

Secondo una nuova ricerca, l’obesità non è semplicemente una questione di cibo ed esercizio fisico: potrebbe essere nel tuo codice genetico.

“Le cause dell’obesità sono molto complesse e, nella maggior parte dei casi, sono una combinazione di molti fattori. In questo studio, tuttavia, abbiamo trovato un chiaro fattore genetico scatenante dell’obesità”, afferma il dottor Mattia Frontini, autore principale dello studio, ricercatore senior presso la British Heart Foundation e professore associato di Biologia cellulare presso l’Università della California, in uno studio e-mail, Università di Exeter, nel Regno Unito.

Secondo lo studio pubblicato giovedì sulla rivista accademica Med, i ricercatori hanno utilizzato i dati della UK Biobank, un ampio database biomedico e risorsa di ricerca che monitora le persone a lungo termine. I ricercatori hanno confrontato i dati di persone con due copie difettose di un gene specifico. SMIM1) con chi non aveva le due copie difettose.

Secondo lo studio, le donne con la mutazione genetica pesavano 4,6 chili in più e gli uomini con la variante pesavano 2,4 chili in più.
Copie difettose del gene SMIM1 causano una diminuzione della funzione tiroidea e un minor dispendio energetico, secondo Frontini, “il che significa che, a parità di assunzione di cibo, viene utilizzata meno energia e questo eccesso viene immagazzinato come grasso”.

Non solo la correlazione è significativa, ma questo studio identifica una mutazione genetica specifica, che non sempre si verifica nella ricerca, ha affermato il dottor Philipp Scherer, direttore del Touchstone Diabetes Center presso il Southwestern Medical Center dell’Università del Texas, che non ha partecipato nello studio.

“Questo è uno studio entusiasmante perché mette un nuovo gene sulla mappa”, ha detto Scherer. “Questo è un vero gene, e non solo un locus genomico con una mutazione da qualche parte che non comprendiamo… Crediamo che stiamo cercando un gene che possiamo continuare a studiare.”

Questa scoperta genetica è “abbastanza rara”

Questa particolare scoperta genetica non si applica a una vasta popolazione di persone affette da obesità: solo circa 1 persona su 5.000 ha questo corredo genetico, ha affermato Frontini.

“È piuttosto raro, ma se lo moltiplichi per una popolazione di 10 o 15 milioni, ci sono parecchie persone che potrebbero andare in giro con quella mutazione e forse non erano del tutto consapevoli che esiste una spiegazione genetica per la loro lotta con obesità”, ha detto Scherer.

Secondo Frontini, la disfunzione tiroidea è comune e colpisce quasi il 2% della popolazione del Regno Unito. E la disfunzione tiroidea viene regolarmente trattata con farmaci relativamente convenienti, ha detto Frontini.

Il prossimo passo della ricerca sarà scoprire se le persone con la mutazione SMIM1 sono idonee a trattare la tiroide con farmaci, ha aggiunto.

“Se è così, prevediamo di condurre uno studio clinico randomizzato per determinare se trarrebbero beneficio dal trattamento”, ha spiegato Frontini. “La speranza è che lo facciano e che noi possiamo migliorare la loro qualità di vita utilizzando un trattamento economico e sicuro”.

L’approccio migliore nel frattempo

Il peso non è solo una questione di forza di volontà o pigrizia. Secondo l’Istituto Nazionale del Diabete e delle Malattie Digestive e Renali, le dimensioni e la forma del corpo vengono certo da molti fattori, su alcuni dei quali hai il controllo e su altri no.

Questi fattori includono le abitudini di vita, la quantità di sonno, i farmaci, i problemi di salute, il luogo in cui vivi e lavori e la genetica, secondo l’Istituto.

I fattori genetici e i possibili trattamenti sono ancora in fase di studio, ma Scherer afferma che la migliore strategia attuale per il trattamento medico dell’obesità è il farmaco GLP-1.

Le diete fortemente restrittive non sono la soluzione, afferma Brooke Alpert, dietista registrata e autrice di “The Diet Detox: Why Your Diet Is Making You Fat and What to Do About It”, in un precedente articolo della CNN.

Demonizzare troppo i cibi può farti desiderare di più, e poi il senso di colpa che provi quando cedi può portare a un ciclo di oscillazione tra la restrizione e l’abbuffata, ha aggiunto.

Se vuoi apportare modifiche al tuo stile di vita, è meglio provare un approccio graduale e sostenibile mantenendo un rapporto sano con il cibo, ha affermato Emily Feig, ricercatrice post-dottorato presso il Massachusetts General Hospital, nello stesso rapporto della CNN.

Tratto dalla CNN


Visualizzazioni dei post: 262

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il blackout informatico ha un impatto sui voli in Messico e nel mondo
NEXT La più importante scoperta sui coccodrilli degli ultimi 20 anni: trovate più di 100 uova di una specie in via di estinzione