10mila libri per avvicinare i bambini di 3 anni al mondo della lettura – News Web

10mila libri per avvicinare i bambini di 3 anni al mondo della lettura – News Web
10mila libri per avvicinare i bambini di 3 anni al mondo della lettura – News Web
  • Nell’ambito del programma del Piano provinciale di lettura, materiale letterario è stato consegnato a 700 istituti di educazione prescolare e asili nido.
  • Gli insegnanti della scuola materna, Miguel Angel Zavala Ortiz, hanno sottolineato quanto sia importante ricevere materiale di lettura per l’alfabetizzazione dei bambini delle classi di tre anni.

Il Governo di Córdoba ha avviato un processo innovativo nelle politiche educative incentrato sullo sviluppo dell’istruzione dei bambini e delle bambine di tre anni. Un’iniziativa promossa dal governatore Martín Llaryora con l’intento di favorire l’alfabetizzazione fin dalla tenera età.

Per potenziare questo progresso nell’aula triennale della provincia, il Ministero dell’Istruzione ha consegnato 10.000 libri a 700 istituti di istruzione prescolare e asili nido.

In questo modo l’amministrazione provinciale mette a disposizione un’enorme quantità di libri in stanze di tre, quattro, cinque, provinciali, comunali e, per la prima volta nella storia, gestite privatamente.

Nell’ambito del Piano Provinciale di Lettura, il materiale letterario è stato rigorosamente selezionato dalle équipe tecniche del portfolio didattico. In questo senso, il Ministero applica criteri di qualità per premiare le opere migliori destinate ai bambini.

“Córdoba è pioniera nelle politiche di promozione della lettura e nel 1993 ha avviato il primo programma provinciale”ha evidenziato Luciana Trocello, coordinatrice del Piano Provinciale di Lettura di Córdoba, dipendente dal Sottosegretario al Rafforzamento Istituzionale della Direzione Generale del Benessere Educativo, del Ministero dell’Istruzione.

“Da allora fino ad oggi, direzione dopo direzione, si è deciso di sostenere e approfondire la distribuzione dei libri in un’azione fondamentale per le scuole”ha approfondito.

Allo stesso modo, il governo provinciale ha la priorità di sostenere la formazione continua degli insegnanti, motivo per cui la distribuzione è accompagnata da un’istanza di formazione, un laboratorio in cui vengono affrontati i contenuti.

“Quando la Provincia distribuisce un libro, non è distribuire mobili, è concedere un oggetto culturale complesso, che merita uno studio, un approccio didattico, una formazione affinché l’insegnante abbia gli strumenti per affrontare l’enorme sfida di formare lettori dei tre anni”– aggiunse Trocello.

Riguardo all’arrivo degli esemplari, la direttrice dell’asilo Miguel Ángel Zavala Ortiz, Paula Agote, ha espresso: “È molto vantaggioso per la scuola ricevere materiale letterario perché sono libri che non abbiamo la possibilità di acquistare. Quindi il sostegno dello Stato è sempre necessario”.

Politica pubblica educativa

Questa politica pubblica è un tassello fondamentale dello Stato in materia educativa per la vita delle ragazze e dei ragazzi che prevede l’arrivo anticipato della lettura come azione per un’istruzione di qualità.

“Si vedono molti progressi quando iniziano, a metà anno c’è una maturazione, un cambiamento e la famiglia quando non riesce a credere a tutto ciò su cui si è lavorato al livello iniziale da tre”ha commentato Paula Agote, direttrice dell’asilo Miguel Ángel Zavala Ortiz.

“Ai genitori, negli incontri, viene detto che non sono più bambini, una volta frequentata la scuola iniziano il percorso scolastico, sono già studenti”ha sottolineato l’insegnante.

Nell’ambito di questa iniziativa, il Governo di Córdoba, a partire da quest’anno, ha incluso gli Asili nido di tutta la provincia nel Piano di Lettura, con la formazione e anche con la distribuzione di libri.

A sua volta, l’insegnante Silvana Charras, di Sala de tres, ha sottolineato la presenza della scuola pubblica nella consegna dei libri, poiché in “Momenti di crisi in cui le famiglie non possono acquistare libri, a scuola possono accedervi e goderseli insieme a casa”.

Anche Agote si riferì al ruolo del giardino e lo esclamò “La scuola pubblica era l’unica istituzione rimasta in piedi per sostenere le famiglie e aveva le sue porte aperte in tempi di crisi”.

Progressi nell’alfabetizzazione

Un altro punto che i professionisti dell’educazione sottolineano è il notevole progresso nell’alfabetizzazione quando lo studente entra nella classe a tre aule.

“Notiamo molto, si vede molto nel vocabolario, nell’alfabetizzazione degli studenti”disse Agote e aggiunse: “È un vantaggio iniziare la carriera scolastica a tre anni”.

All’interno del team dei docenti del Giardino Zavala Ortiz, la docente della Sala de tres, Silvana Charras, ha sottolineato che “E’ un impegno alfabetizzarli, è importante formarli fin dai 3 anni. e i suoi vantaggi sono che attraverso la lettura della pietà aprono la loro immaginazione e possono creare le proprie storie”.

Inoltre, lo ha sottolineato “Leggere aiuta a socializzare, perché possono leggersi a vicenda e raccontarsi le storie dei libri. Quando leggono ad un altro provano emozioni ed è molto importante perché sviluppano l’oralità”indicò Charras.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il tempo fugge
NEXT Presentazione del libro “Daniel Alegre. Uno scultore dimenticato”