Ediciones La Palma pubblica l’antologia ‘Madres’ con i racconti di dodici scrittori

Ediciones La Palma pubblica l’antologia ‘Madres’ con i racconti di dodici scrittori
Ediciones La Palma pubblica l’antologia ‘Madres’ con i racconti di dodici scrittori

Lo sguardo canario del figlio: Ediciones La Palma pubblica l’antologia ‘Madri’ con i racconti di dodici scrittoriIl giorno

Madri È un libro sull’amore, e l’amore non ha genere, per questo il progetto si è concentrato sulle voci di dodici scrittori canari over 60 che raccontano in queste pagine alcune delle loro esperienze con i loro genitori. Si tratta di storie sconosciute a molti, di avvenimenti che alcuni hanno voluto seppellire nel profondo della propria memoria o di fatti così belli che li hanno sempre accompagnati per tutta la vita. Si tratta, in ogni caso, di realtà uniche e irripetibili che oggi vengono raccolte in questo libro edito da Ediciones La Palma e che in poche settimane ha ottenuto un grande successo, non solo alle Isole Canarie, dove il progetto è nato, ma anche fuori dai confini nazionali. confini spagnoli.

“C’è un profumo materno che è globale”, dice l’autrice e coordinatrice di questo libro, Juan Carlos de Sancio, che parla così dell’importante impatto che sta avendo la pubblicazione, che si prepara già alla terza edizione e che sarà accompagnata da qualche sorpresa per il lettore. “Una madre catalana non mette al mondo un bambino catalano perché la maternità non è nazionalista o localista, ma la maternità è un concetto globale”, sostiene la scrittrice. E proprio per questo ora questo libro sorto in ambito insulare prende forza per uscire dall’Arcipelago. Gli autori delle Isole Canarie che firmano i testi che danno forma Madri Sono Bachir Ahmed Aomar, Antonio Arroyo Silva, Jorge Fonte, Emilio González Déniz, Noel Olivares, Bruno Mesa, Francisco Lezcano Lezcano, Félix Hormiga, Anelio Rodríguez Concepción, Ángel Sánchez, Miguel Ángel Sosa Machín e lo stesso Juan Carlos de Sancho.

inizio triste

“Un libro che ha gambe, che cammina.” Così lo definisce Juan Carlos de Sancho, che evidenzia “il tema universale” che centra questa proposta e che cominciò a prendere forma dopo la morte dello scrittore grancanario Alexis Ravelo. Fu durante la veglia funebre dello scrittore che De Sancho si incontrò la poetessa Elsa López, direttore delle Ediciones La Palma, che riteneva di aver perso un figlio con la morte improvvisa dell’autore. Dopo una conversazione, López propose a De Sancho di trovare una dozzina di autori canari uomini, affinché potessero scrivere racconti sui loro rapporti con le madri, così come sui loro ricordi più vividi e che avessero le donne come autentiche protagoniste.

Elenco degli autori e delle loro madri.

Il coordinatore della pubblicazione assicura che si è trattato di un libro complicato perché “è difficile scrivere la verità di un rapporto di questo tipo” e che De Sancho lo ha considerato una sfida, nonostante la sua lunga carriera di antologo. “Questo progetto mi ha permesso di verificare che non esiste l’archetipo della madre e che è il mestiere più difficile di tutti.” Nonostante la crudezza di alcuni racconti, questo libro sta diventando un successo oltre i confini delle Canarie perché è soprattutto un compendio di storie vere raccontate in modo letterario e dove ogni autore è stato completamente libero di narrare ciò che voleva. maggior parte.

In questo senso, Juan Carlos de Sancho assicura di non aver mai fornito ai partecipanti troppi dettagli su ciò che dovevano catturare sulla carta per evitare di ripetere gli stessi schemi in ciascuna delle storie. Nonostante il carattere personale di questi testi, “non ci concentriamo sulla vita privata di queste donne, ma piuttosto Madri “È un libro su come un ragazzo che ormai ha quasi 70 anni vedeva la donna che era sua madre”, riassume semplicemente De Sancho. «In questo senso, per me, È un libro compassionevole. e questo ci permette di condividere esperienze e metterci nei panni di qualcun altro”, riflette lo scrittore e coordinatore.

Oltre la letteratura

È una coincidenza che alcune delle storie che possono essere lette in Madri mostrano episodi di abusi contro le donne, per questo è stato deciso che il 10% del ricavato dalle vendite andrà a a centro che si prende cura delle donne vittime di abusi a Gran Canaria. “Non faremo affari con le vecchie signore”, ha addirittura detto uno degli autori, quindi tutti erano d’accordo sul fatto che questo progetto trascende i confini culturali per raggiungere anche la sfera sociale.

Dopo diverse presentazioni che hanno avuto luogo nelle Isole Canarie, Madri sarà presentato il prossimo 8 luglio presso la Berlin Hall nella capitale tedesca, uno spazio diretto da José Luis Pizzi. Inoltre, prossimamente si terranno incontri in diverse città dell’America Latina e, tra le altre iniziative previste, si stanno preparando le traduzioni in francese e arabo.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Uno dei libri di Harry Potter è stato classificato tra i 100 migliori del 21° secolo secondo il New York Times
NEXT La vicina di Lydia Davis, serie di luglio