Il tema chiave della commissione d’inchiesta che inizia con una convocazione al ministro dell’Interno

Il tema chiave della commissione d’inchiesta che inizia con una convocazione al ministro dell’Interno
Il tema chiave della commissione d’inchiesta che inizia con una convocazione al ministro dell’Interno

Sono passati quasi due mesi e mezzo dal rapimento del ex tenente Ronald Ojeda dal suo appartamento nel comune di Indipendenza. Nelle prime ore del 21 febbraio è stato rapito seminudo, senza opporre molta resistenza, da criminali qualificati come funzionari della PDI. Nove giorni dopo, il suo corpo fu ritrovato sottoterra durante una sparatoria nel comune di Maipu.

Dalla sua scomparsa, il Ministero pubblico ha lavorato sotto la guida del pubblico ministero Ettore Barros con l’obiettivo di individuare i responsabili di tale evento e, soprattutto, di accertare il movente dell’omicidio.

Invia il tuo reclamo a Mega Investiga qui

Questo mercoledì, Mega investigazione rilasciato rivelando i dettagli di un audio in cui l’ex tenente Ojeda parla di a missione segreta che ha svolto in Colombia e Venezuela, un mese prima del suo rapimento. Quel viaggio avrebbe avuto l’obiettivo di destabilizzare il regime di Nicola Maduro.

Vai alla nota successiva

Per il procuratore Barros”Quel viaggio ha una certa rilevanza dal punto di vista delle teorie che possiamo costruire.”. Teorie che sono state ristrette e che oggi puntano soprattutto a un rapimento e un omicidio con motivazione politicache sarebbe stato organizzato dal Venezuela.

“Ciò che abbiamo sono le linee, e la linea politica è quella che stiamo sfruttando in questo momento, che è l’unica rimasta”, ha detto il persecutore a Mega Investiga.

Le informazioni relative al viaggio dell’ex tenente, poco prima del suo rapimento e omicidio, rafforzano l’idea che quanto gli è accaduto potrebbe rispondere ad una “ritorsione” per le sue azioni contro il regime venezuelano.

Il cancelliere Alberto Van Klaveren valutato come “pertinente” le informazioni emerse dall’audio, e hanno supportato il lavoro svolto dalla squadra del procuratore Barros. “Crediamo che spetterà ovviamente al Pubblico Ministero e alla sfera giudiziaria valutare la portata di questo nuovo dato, di questo nuovo precedente”, ha detto.

Nuove informazioni che non solo sono state inserite nel riesame del Pubblico Ministero, ma faranno anche parte dell’ Commissione d’inchiesta della Camera dei Deputati sulla criminalità organizzata e sui sistemi di intelligenceistituito dopo il rapimento di Ojeda.

“Il caso del rapimento e omicidio di Ojeda rivela non solo le fragilità del sistema di intelligence, ma anche l’incapacità dello Stato del Cile di fornire protezione a un soggetto rifugiato vittima della prigionia politica nel suo Paese di origine. origine.” , si legge nel documento di candidatura dei 68 deputati per la creazione della CEI.

“L’audio getta più luce sull’operazione politica”

Martedì 23 aprile è stata costituita la Commissione investigativa speciale che si occuperà della questione dell’ex tenente Ojeda, e il suo deputato è stato eletto all’unanimità. Miguel Angel Becker (RN) come presidente.

Detto gruppo ha concordato di incontrarsi lunedì per elaborare un rapporto completo in sede sessanta giorni che la sua operatività durerà, nel caso in cui non si opti per una proroga.

In una conversazione con Mega Investiga, il presidente dell’istanza ha assicurato che le informazioni rivelate nell’audio saranno un fattore importante da considerare nella discussione della prossima sessione della commissione, che si terrà il 6 maggio.

“Il rapporto ha fornito informazioni importanti che spero la commissione prenderà in considerazione, ed è così che lo proporremo lunedì prossimo“, ha espresso.

Il parlamentare ha inoltre spiegato che questo tipo di informazioni obbligheranno la commissione investigativa ad “andare fino in fondo alla questione”, il che implicherebbe includere – oltre alle convocazioni alle autorità governative – le testimonianze sia del pubblico ministero che dell’avvocato. dalla famiglia dell’ex tenente Ojeda.

Per il deputato liberale Alessandro Bernalesmembro della commissione, l’audio rivelato da Mega Investiga”getta maggiore luce sull’operazione politica dietro questo caso”.

“Si tratta di un precedente che, se la sua relazione con la morte di Ojeda fosse confermata, dovrà essere analizzato a fondo perché fa sorgere il sospetto che ci sia stata un’ingerenza nel nostro paese per scoprire dove si trovava questo soldato venezuelano in Cile”, ha detto Bernales.

Da parte sua, il deputato Enrico Lee (Comitato Sociale Cristiano e Indipendente), anch’egli membro dell’organo parlamentare, si esprime: “Ovviamente quanto affermato nel rapporto indirizzerà la nostra indagine.”.

Primo menzionato: Ministero dell’Interno

La prima seduta ufficiale della commissione investigativa è prevista per lunedì 6 maggio a mezzogiorno. Istanza in cui viene citato il Ministro dell’Interno, Carolina Tohail sottosegretario agli Interni, Manuele Monsalvee il Sottosegretario alla Prevenzione della Criminalità, Eduardo Vergara.

Una giornata in cui i vertici del Viminale dovrebbero spiegare lo scopo della commissione, che mira ad affrontare la situazione della criminalità organizzata nel nostro Paese e il funzionamento dei nostri sistemi di intelligence.

Il Ministro degli Interni ha fatto riferimento giovedì all’audio rivelato da Mega Investiga, dopo l’invio della nuova legge antiterrorismo dal Senato alla Camera dei Deputati.

“Era noto che l’ex tenente Ojeda fosse una persona attiva come oppositore e che facesse parte di organizzazioni dell’opposizione”, ha detto il capo di stato maggiore.

Ha poi sottolineato che il contenuto del verbale incide sul dibattito e sull’analisi del caso, ma «ciò che è significativo sono le prove, l’indagine penale (…) e l’urgenza e l’insistenza affinché le due persone presumibilmente fuggitive in Venezuela siano localizzate e detenute”.

Per il deputato Joanna Perez (Democratici), per la seduta di lunedì “è necessario sapere se le autorità nazionali, di questo Ministero e di altri, Erano consapevoli dell’ingerenza di altri paesi nel nostro Paese in relazione a questo presunto motivo politico.”.

Il deputato Becker, da parte sua, ha sottolineato che “in questo tipo di riunioni ci saranno situazioni in cui ci saranno informazioni complesse e che richiederanno, in alcuni casi, lascia che siano segreti”. E ha aggiunto che questa decisione verrà valutata caso per caso, a seconda dei contenuti forniti dagli espositori.

Oltre alle autorità governative, la commissione ha già l’elenco delle prossime convocazioni, che sarà reso noto lunedì prossimo. Il 13 maggio è prevista la presenza dell’avvocato della famiglia dell’ex tenente Ojeda, Juan Carlos Manríquez.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Le élite di Cordobazo
NEXT Indagano sulla morte di un membro di una famiglia rimasto ubriaco a Entre Ríos