Qual è la situazione dell’approvvigionamento idrico a Cuba? (+ Video) › Cuba › Granma

Qual è la situazione dell’approvvigionamento idrico a Cuba? (+ Video) › Cuba › Granma
Qual è la situazione dell’approvvigionamento idrico a Cuba? (+ Video) › Cuba › Granma

Nonostante l’ampio programma di investimenti che Cuba sta sviluppando per garantire l’approvvigionamento d’acqua alla popolazione, è indiscutibile l’obsolescenza di gran parte delle apparecchiature installate a tale scopo, il che provoca continue rotture e malcontento dei clienti.

Questa questione molto complessa, che riguarda la risorsa più vitale e una di quelle che ha il maggiore impatto sulla qualità della vita della popolazione, è stata al centro dell’analisi del quarto programma dello spazio Desde la Presidencia, un podcast per il dialogo , informazione e dibattito, promosso dal Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba e Presidente della Repubblica, Miguel Díaz-Canel Bermúdez.

Da un rapporto di oltre 7.100 opinioni raccolte nel primo trimestre dell’anno in tutto il paese, il Capo dello Stato ha rivelato che solo il 10% difende una visione favorevole del lavoro svolto dall’Istituto delle Risorse Idrauliche (INRH) ) e gli indirizzi comunali e provinciali di questa importante organizzazione.

Tra i problemi individuati ha elencato la stabilità del servizio, nonché la sua programmazione con orari inaccessibili; denunce di negligenza in merito a ricorrenti perdite di acqua potabile e liquami; disaccordi con le autocisterne, a causa della restrizione al riempimento dei contenitori per persona, e corruzione dovuta alla vendita di questo servizio da parte degli autisti che utilizzano le attrezzature, comportamento da lui definito riprovevole.

Dopo che Díaz-Canel si è chiesto perché, se realizziamo un programma di investimenti così dinamico, i criteri negativi non possono essere invertiti, l’ospite di questo programma, Antonio Rodríguez Rodríguez, presidente dell’INRH, ha spiegato qual è la situazione attuale nel territorio nazionale, la sua cause principali, proiezioni, volontà e impegno per superare le difficoltà che si presentano.

ACQUA CHE NON VEDIAMO CORRERE

Il capo dell’INRH ha ammesso apertamente che “gli stati d’opinione della gente coincidono con i problemi reali che abbiamo in diversi luoghi, e riguardano sia l’approvvigionamento idrico che la soluzione delle perdite o la gestione delle acque reflue”.

Attualmente, questa situazione è condizionata, in larga misura, dal guasto delle attrezzature, dalla mancanza di manutenzione, di pezzi di ricambio e di accessori, ma, soprattutto, dalla mancanza di carburante, ha precisato.

Il nostro settore, ha aggiunto, è uno dei maggiori consumatori di energia del Paese, e quando si è verificato il deficit di stanziamento, “abbiamo avuto giorni in cui il 70% della popolazione colpita, in termini di approvvigionamento idrico, era in deficit di energia elettrica”. .

Esistono sistemi di pompaggio, ha spiegato Rodríguez Rodríguez, che sono alimentati da tre circuiti diversi e, nonostante lo stretto coordinamento che esiste con la Compagnia Elettrica, non è sempre possibile proteggere tutti i circuiti, poiché non si trovano nel centro della città o in aree prioritarie, ma in luoghi remoti dei territori.

In questo senso è prioritario perfezionare e continuare a promuovere modelli più efficaci di comunicazione con le persone, affinché siano consapevoli delle azioni che si stanno realizzando e di cosa sta causando quella situazione in un determinato luogo.

L’ACQUA CHE ABBIAMO FATTO FLUSARE

Mentre decine di famiglie cubane versano in una situazione critica legata all’approvvigionamento, in diversi luoghi ogni giorno si scaricano migliaia di litri di acqua potabile a causa delle perdite. Riferendosi a questo punto, il Presidente dell’INRH ha spiegato che questa difficoltà è integrata anche dalla questione del carburante e del nastro adesivo.

“Ci criticano molto perché ogni volta che viene rilevata una perdita, ci sono volte in cui la ripariamo male, cioè non facciamo il lavoro come dobbiamo e dobbiamo tornare nello stesso posto una volta o due. due volte”, ha ricordato, al Pertanto, ha precisato che a causa della mancanza di inerti e cementi, le perdite non possono essere sigillate bene.

Il maggior numero di fughe di notizie si concentra a L’Avana, Granma e Santiago di Cuba, ha elencato.

Il Paese ha un modo per affrontare questa situazione?, ha chiesto il Primo Segretario del Comitato Centrale, al quale Rodríguez Rodríguez ha risposto che lo stato tecnico di molte squadre rende più difficile la soluzione di questo problema.

Secondo lui, sebbene tra il 2006 e il 2007 il settore delle risorse idriche sia stato uno dei più beneficiati dalla Rivoluzione Energetica, periodo in cui è stato sostituito più dell’80% delle attrezzature, negli anni successivi queste non hanno potuto essere realizzate le riparazioni necessarie.

Solo nel 2023, ha dichiarato, è stato possibile riprendere parte di queste azioni, ma i limiti finanziari impediscono di apportare tutte le modifiche necessarie, poiché la riparazione delle attrezzature è “il modo più rapido che abbiamo attualmente per risolvere questo problema”.

Esistono infrastrutture, capacità e potenzialità per produrre gli elementi fondamentali che consentirebbero queste riparazioni, ma è un processo che richiederà inevitabilmente tempo, ha assicurato.

L’ENERGIA SOLARE COME MOTORE

Il cambiamento della matrice energetica del settore, basata sull’uso di fonti energetiche rinnovabili, è stato un altro aspetto del dialogo tra Díaz-Canel e Antonio Rodríguez.

Il responsabile delle Risorse Idrauliche ha precisato che, a causa del “cambiamento della matrice energetica, abbiamo ricevuto un primo lotto di 722 attrezzature, che andranno a beneficio, insieme alle 144 già presenti nel Paese, più di 440.000 persone”.

A questo proposito, ha osservato che tutte le attrezzature attualmente installate funzionano con l’energia elettrica, e queste nuove che vengono importate funzioneranno con i pannelli solari, che danno loro autonomia, indipendenza e stabilità.

Nel dibattito è stata riaffermata l’importanza strategica dell’applicazione della scienza e dell’innovazione in tutti gli ambiti del settore.

Proprio una delle sfide fondamentali che ci attendono, ha aggiunto Rodríguez Rodríguez, è garantire che questi precetti raggiungano le aziende e, di conseguenza, la base.

Attualmente, ha spiegato, sono in fase di avvio più di una dozzina di progetti volti a risolvere i principali problemi attuali.

A lavorare con “grande sensibilità verso i problemi della popolazione, con grande rispetto per ciò che pensa la gente”, il Capo dello Stato ha invitato gli operatori del settore, ai quali il presidente dell’INRH ha assicurato che, tra loro, c’è un “grande impegno nel fare bene le cose e nel garantire la massima qualità possibile nell’importante servizio che forniscono alle persone.

Nel contesto attuale, condizionato in gran parte dall’inasprimento del blocco economico, commerciale e finanziario imposto dal governo degli Stati Uniti, il Presidente della Repubblica ha riconosciuto gli sforzi compiuti per attuare strategie che ci consentano di continuare a rafforzare gli investimenti nel settore idraulico mirato, tra le altre direzioni, a migliorare i servizi, cambiare la matrice energetica, fare maggiore uso di fonti energetiche rinnovabili, migliorare lo smaltimento dei rifiuti e superare le carenze attualmente esistenti.

Prima di concludere la trasmissione del programma, Díaz-Canel ha indagato su quando e come si potrebbero risolvere i tre problemi fondamentali che abbiamo in relazione all’acqua: perdite, approvvigionamento e fognature.

Rodríguez Rodríguez ha spiegato che esiste un programma di sviluppo globale fino al 2030, nel quale si procederà in base alla disponibilità delle risorse. «Dal 2018 al 2021 siamo riusciti a fare il 68% di quanto avevamo programmato, dal 2023 al 2024 il 75%.

“Noi aspiriamo, essendo realistici, a che, secondo i ritmi attuali, potremo avere una situazione migliore l’anno prossimo, anche se ciò non significa che risolveremo tutti i problemi di perdite, ostruzioni, approvvigionamento idrico e altri.”

Ciò che oggi possiamo migliorare, ha sottolineato, è la nostra gestione. “Continueremo a lavorare instancabilmente, ma dirvi ora una data entro la quale potremo risolvere tutti i problemi non sarebbe giusto da parte mia, poiché non è possibile saperlo esattamente”, ha detto.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La Colombia Under 20 ha pareggiato con il Messico nella Sud Ladies Cup in Francia
NEXT Atenas esulta per il secondo punto nella finale del campionato argentino contro Suardi