La maschera COVID del testimone non ha negato il diritto dell’imputato al confronto, alla domanda

La maschera COVID del testimone non ha negato il diritto dell’imputato al confronto, alla domanda
La maschera COVID del testimone non ha negato il diritto dell’imputato al confronto, alla domanda

La Corte d’Appello del Michigan ha stabilito che a un imputato accusato di omicidio non è stato negato un giusto processo quando un testimone chiave dell’accusa indossava una maschera COVID-19 mentre testimoniava.

Anthony Lamont-Dshawn Brown voleva annullare le condanne nella contea di Eaton per omicidio di primo grado e altri reati. È stato condannato all’ergastolo.

La Corte d’Appello del Michigan ha stabilito che un testimone chiave che indossava una maschera durante il processo per omicidio di Anthony Lamont-Dshawn Brown presso la 56a corte di circoscrizione della contea di Eaton non lo ha privato di un processo equo.

Il processo si è svolto nel luglio 2021 durante la pandemia COVID. La difesa ha affermato che la maschera copriva la bocca e il naso del testimone e impediva agli avvocati, al giudice e alla giuria di vedere le espressioni facciali dell’uomo.

L’avvocato difensore Joel Kershaw ha affermato che è particolarmente importante nei casi che mettono a confronto la credibilità di un testimone con quella di un altro.

“Le espressioni facciali spesso possono farmi sapere se sembra che ci sia qualcosa che il testimone sta cercando di nascondermi, se il testimone sta cercando di essere evasivo”, ha detto alla Michigan Public Radio. “Inoltre, la giuria prenderà alcune decisioni sulla credibilità in base alle espressioni facciali effettuate.”

La corte d’appello ha stabilito che non vi era alcun “errore chiaro o evidente”. La decisione citava anche casi simili, come consentire a testimoni di persona nei processi contro la criminalità organizzata di testimoniare indossando un travestimento. In un’opinione concordante, il giudice d’appello Noah Hood ha sostenuto che c’era stata una violazione della clausola di confronto della Costituzione americana, ma l’errore non ha cambiato l’esito del processo.

Adam Strong, vice procuratore capo della contea di Eaton, ha concordato che un testimone che indossa una maschera sul banco dei testimoni non è ottimale, ma la questione è se all’imputato sia stata data un’adeguata opportunità di confrontarsi con il testimone.

“E l’uso di una maschera che copre la metà inferiore del suo viso con la giustificazione del COVID-19 non ha violato tale principio in alcun modo significativo”, ha detto.

Strong ha affermato che i tribunali devono prendere decisioni che a volte devono bilanciare gli interessi concorrenti per consentire al sistema legale di continuare a funzionare durante il COVID.

“Era qualcosa con cui tutti dovevamo confrontarci: come possiamo continuare a portare avanti i nostri casi e assicurarci che gli imputati non rimangano lì in attesa del processo per cinque anni, mantenendo allo stesso tempo la sicurezza e l’incolumità delle persone in aula?” – compreso l’imputato, i testimoni, i giurati, il giudice, gli avvocati, tutti”, ha detto.

Kershaw, l’avvocato difensore, ha detto che non è stata presa alcuna decisione in merito alla Corte Suprema del Michigan.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Euclides Torres e il suo controverso ingresso nella Casa de Nariño: l’amico del segretario di Verónica Alcocer lo avrebbe autorizzato
NEXT Il Ministro della Salute ha condotto un incontro con i residenti di Siprosa