Gli ambientalisti insistono affinché la caccia venga sospesa a Entre Ríos

Gli ambientalisti insistono affinché la caccia venga sospesa a Entre Ríos
Gli ambientalisti insistono affinché la caccia venga sospesa a Entre Ríos

In una lettera indirizzata al ministro provinciale dello Sviluppo economico, Guillermo Bernaudo, 61 organizzazioni ambientaliste non governative hanno chiesto la sospensione della caccia delle specie autoctone – soprattutto nelle riserve – per 5 anni.

La richiesta chiede che la restrizione venga mantenuta “fino a quando non ci saranno studi affidabili e partecipativi sugli uccelli e sulla contaminazione da piombo derivante dalla caccia”.

I promotori ricordano le sentenze della Giustizia che hanno dichiarato nulle e incostituzionali le risoluzioni che autorizzano la caccia nelle ultime due stagioni e considerano “il rifiuto schiacciante della stragrande maggioranza della società di Entre Ríos” a questo tipo di pratiche.

La pernice Inambú caccia le specie autoctone.jpg

Foto: Hernan Tolosa

Caccia e inquinamento

Come registrato Era verde, il Forum Ecologista del Paraná, il Cebtri per lo Studio e la Difesa degli Uccelli Selvatici (Ceydas), Ecoguay, Animal Aid, Animal Conscience e l’Istituto di Diritto Animale dell’Ordine degli Avvocati di Entre Ríos chiedono un’audizione. Aderiscono anche istituzioni animaliste e ambientaliste di Argentina e Uruguay, tra cui la Fondazione Azara, la Fondazione Cullunche, Pumakawa, la Fondazione Habitat e Sviluppo, Coendú dell’Uruguay, Pájaros Caídos e l’Associazione per la Giustizia Ambientale.

La richiesta pubblica degli enti viene resa nota prima dell’imminente apertura della stagione di caccia a Entre Ríos.

LEGGI DI PIÙ: Promuovono una campagna per prevenire la caccia alle specie autoctone nella provincia

Nella nota presentata al Ministro Bernaudo, si sottolinea che gli studi biologici citati nelle norme che hanno consentito la caccia sono incompleti e che ciò ha portato la Giustizia a dichiarare nulle ed incostituzionali le risoluzioni della Direzione delle Risorse Naturali per “violazioni delle norme internazionali trattati.” come l’Accordo Escazú e la Convenzione sulla Diversità Biologica.

bracconaggio coty hernandez.jpg

“La caccia minaccia il patrimonio naturale di tutti gli abitanti di Entre Ríos”, affermano le organizzazioni.

Le organizzazioni chiedono che gli studi sulla popolazione e sugli studi sulla contaminazione da piombo siano realizzati da università e/o gruppi tecnici con esperienza in materia, in collaborazione con lo Stato provinciale, “e non da organizzazioni con evidenti interessi in cui la caccia è consentita come quella argentina Camera per il turismo venatorio e la conservazione (CATCyC) e altri enti venatori”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Studenti per carriere di istruzione superiore
NEXT A Jujuy la multa per alcolismo sfiora il milione di dollari