Il vice sovrintendente e l’agente di polizia sono stati sanzionati per aver aggredito un cittadino della comunità LGBTI

Il vice sovrintendente e l’agente di polizia sono stati sanzionati per aver aggredito un cittadino della comunità LGBTI
Il vice sovrintendente e l’agente di polizia sono stati sanzionati per aver aggredito un cittadino della comunità LGBTI

Il comportamento degli agenti di polizia è stato definito dal Pubblico Ministero “grave, dovuto a frode” – credit Colprensa e EFE

L’ufficio del procuratore generale ha sanzionato due membri della polizia nazionale per aver abusato dei loro doveri. Si tratta del vicesindaco della sezione di Nariño, Daniel Alejandro Garzón Hernández, e del poliziotto, Josly Augusto Cáceres Sanabria, che avrebbero aggredito fisicamente una persona della comunità LGBTI.

Il Pubblico Ministero ha confermato che i funzionari Hanno causato forti colpi alla schiena del soggetto che era stato privato della libertà.nel bel mezzo di una perquisizione nelle stanze della stazione di polizia di Nariño.

Ora puoi seguirci sul nostro Canale WhatsApp e dentro Facebook.

Secondo l’indagine della Procura generale, la vittima è stata aggredita mentre entrava nelle celle con i fucili degli uomini in uniforme; Allo stesso modo, è stato vittima di taser in diverse occasioni perché aveva una lama di rasoio tra i suoi oggetti personali.

In una sentenza di primo grado, la Procura distrettuale ha confermato che la condotta dei sanzionati è qualificata come “grave, conseguenza di frode”.

La Colombia è uno dei paesi più violenti della regione in termini di diritti delle persone LGBTIQ+, insieme a Brasile, Messico, Perù e Honduras – credit Luis Eduardo Noriega A./EFE

Secondo la corporazione Caribe Afirmativo, l’aumento degli omicidi, la crescita dei casi di violenza da parte della polizia e la tendenza sostenuta delle minacce ai leader di questo gruppo di popolazione nel 2023, dimostrano che “non esistono condizioni di vita dignitose per le persone LGBTIQ+”.

L’organizzazione ha assicurato che le persone LGBTIQ+ vengono uccise ogni 55 ore in atti presumibilmente legati al pregiudizio nei confronti del loro orientamento sessuale, identità o espressione di genere. Inoltre, ha avvertito che ogni giorno una media di sette persone sono minacciate per aver assunto un ruolo di visibilità e di costruzione collettiva di tale popolazione.

Come aggravante, ha avvertito che le forze di sicurezza dello Stato, in particolare la polizia e l’esercito, che “sono destinate a prendersi cura della popolazione Gli attacchi contro cittadini diversi per sesso sono aumentati del 50%”.

Questi dati, secondo Caribe Afirmativo, posizionano la Colombia come uno dei paesi più violenti dell’America Latina in termini di diritti delle persone LGBTIQ+, insieme a Brasile, Messico, Perù e Honduras, “sembra che non abbiano alcuna possibilità di arrendersi”. e ridurre questo impatto sproporzionato motivato dal pregiudizio”, ha affermato la società.

L’ONU ha ricevuto 37 denunce di attacchi contro membri della polizia e delle forze militari nel 2023 – credit Colprensa

L’ultimo rapporto dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani sulla Colombia, presentato alla fine di febbraio 2024, ha mostrato che nel 2023 si è verificata “una diminuzione di alcuni indicatori di violenza”.

Tuttavia, l’ONU ha evidenziato che “la continua espansione territoriale e le strategie violente di controllo sociale e territoriale di gruppi armati non statali e organizzazioni criminali contro la popolazione civile (…) continuano a mettere a rischio la sopravvivenza fisica e culturale di diverse comunità, popoli e processi organizzativi storici”.

Tra le comunità colpite dalla violenza sul territorio nazionale figurano le persone LGBTIQ+ che sono state vittime di minacce, sfollamenti o violenze a causa del loro orientamento sessuale o della loro identità di genere.

Secondo le Nazioni Unite, la maggior parte dei casi non viene segnalata, il che dimostra la necessità di implementare strategie per un’assistenza globale e riservato alle persone LGBTIQ+ nei territori.

Nello stesso rapporto, l’Ufficio dell’Alto Commissario ha ricevuto 37 accuse di attacchi commessi da membri delle forze di polizia e militari nel 2023 e che avevano posto fine alla vita delle vittime. Di questi casi, 30 sono stati verificati e 7 sono ancora in fase di indagine.

L’agenzia ha inoltre ricevuto 36 denunce di altre presunte violazioni dei diritti umani da parte di membri della forza pubblica, di cui ha verificato 18 casi.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Assam: Guwahati assisterà a 2 partite IPL il 15 e 19 maggio
NEXT Il Governo ha servito la linea 4G tra Cúcuta e Pamplona | Infrastrutture | Economia