Migliaia di persone hanno marciato per la regolamentazione della cannabis e hanno chiesto che l’uso medicinale non fosse limitato

Migliaia di persone hanno marciato per la regolamentazione della cannabis e hanno chiesto che l’uso medicinale non fosse limitato
Migliaia di persone hanno marciato per la regolamentazione della cannabis e hanno chiesto che l’uso medicinale non fosse limitato

“Reprocann non si tocca”, recita il cartello tenuto da un attivista pro-cannabis davanti al Congresso Nazionale, a Buenos Aires, durante la Marcia Mondiale della Marijuana (Nicolás Stulberg)

“Né fumare rende cattivi, né leggere la Bibbia rende santi”. Una ragazza cammina per la piazza del Congresso con un cartone dipinto che smaschera l’ipocrisia di questi tempi. Mentre Germania Appena regolare uso adulto di marijuana e Stati Uniti d’America Pensa a abbassare il livello di pericolosità della cannabis sulle liste delle sostanze vietate -per avvicinarsi al paradigma del paese europeo-, il governo argentino punta nella direzione opposta e si dirige verso limitare l’uso medicinale e produttivo di questa antica pianta, come avanzato Infobae settimane fa.

Ecco perché questo sabato, nella tradizionale Marcia Mondiale della Marijuana, migliaia di persone hanno manifestato nelle città di tutto il paese per chiedere una nuova legge sulla droga, che collochi il consumatore di cannabis almeno allo stesso posto del fumatore di tabacco o dei consumatori di alcol; cioè lontano dalla criminalizzazione. Al di là delle rivendicazioni di base di tutti i cortei di quasi due decenni, la questione che è stata sottolineata è stata il rischio per la registrazione degli utenti del Programma Cannabis del Ministero della Salute, grazie al quale 170mila persone possono coltivare piante nelle loro case a scopo terapeutico. utilizzo. Ecco perché molti cartelli avvisano: “Reprocann non viene toccato”.

Migliaia di persone si sono riunite sotto la guida del Congresso per chiedere la legalizzazione della cannabis per uso adulto in Argentina

La chiamata più numerosa proveniva logicamente da Buenos Aires. Per la prima volta dopo molti anni, la marcia non ha avuto luogo a causa del timore delle organizzazioni di essere vittime del protocollo di circolazione del Ministero della Sicurezza ed è stato raggiunto un accordo con le forze di sicurezza per una marcia simbolica attorno alla Plaza del Congresso, su chi ha partecipato equipaggiosi è poi concentrato in Avenida Entre Ríos, sotto la cupola e davanti a un palco da dove una dozzina di rappresentanti hanno letto il documento degli organizzatori.

“A sette anni dall’approvazione della legge sugli usi medicinali, continuiamo a sostenerlo il Reprocann non viene toccatoe continuiamo a pretendere piena conformità per l’accesso alla sanità per tutti gli utenti. Ancora oggi continuano le difficoltà e i ritardi nella registrazione a questo programma, per questo chiediamo l’approvazione automatica dei reprocannes pendenti, degli utilizzatori medicinali, dei coltivatori solidali e delle ONG,” si legge Facundo De Luca, del Gruppo di coltivatori di cannabis del sud.

Durante la marcia c’erano tamburi e musica su un palco, dove le band suonavano e le organizzazioni della cannabis leggevano un documento

Secondo il portavoce presidenziale Manuel Adorni settimane fa, ci sono 90.000 persone in lista d’attesa per ottenere l’approvazione alla registrazione. Reprocann esiste dal 2021 e consente a qualsiasi utente che abbia un’indicazione medica di acquistare oli di marijuana nelle farmacie e coltiva fino a nove piante nella tua casa, Non importa di quale patologia soffri, fumarlo o produrre oli, tinture e creme fatte in casa.. Se il professionista sanitario ritiene che gli faccia bene e allega l’indicazione a un database sanitario nazionale, il paziente, dopo una valutazione da parte dei professionisti che lavorano presso Reprocann, ha diritto di accedere alla cannabis per un periodo di tempo pari a tre annirinnovabile e trasportare fino a 40 grammi all’interno del paese.

Tuttavia, il Ministero della Salute sta ora lavorando a un nuovo regolamento della legislazione per limitare a nove le patologie consentite. Secondo loro, solo su questi ci sono “prove scientifiche” dei benefici della pianta. Riguarda dolore oncologico, neuropatia post-erpetica, sclerosi multipla, lesione traumatica del midollo spinale, dolore del sistema neurologico centrale, epilessia refrattaria, autismo, dolore causato da incidente cerebrovascolare (CVA) e nevralgia.

Mama Cultiva Argentina ha partecipato alla Marcia

“Grazie a questa legge Migliaia di persone oggi coltivano la loro terapia legalmente, migliaia di altri crescono legalmente per tanti altri che non possono farlo, in un circolo virtuoso di comunità e solidarietà. Oggi Ci sono corsi di diploma in tutto il paese, dispositivi di accompagnamento, ricerca“C’è un sistema sanitario che si apre sempre più alle possibilità terapeutiche di questa pianta”, ha considerato. Valeria Salechpresidente di Mama Cultiva Argentina, con la preoccupazione che tutto ciò si riduca o finisca.

I gruppi legati alla cannabis hanno anche sottolineato il fallimento della guerra alla droga in tutto il mondo e la necessità di una nuova prospettiva sulla politica sulla droga che non perseguiti i consumatori. In questo senso, Emilio Ruchansy e Florencia Corbelle, del Accordo per la regolamentazione legale della cannabisuna piattaforma che comprende 50 organizzazioni di diverse aree, ha dettagliato come si è evoluta la criminalizzazione dell’autocoltivazione di cannabis negli ultimi anni in Argentina.

In Argentina l’uso medicinale della cannabis è legale ma il governo cerca di restringerne l’uso a nove patologie “con evidenza scientifica”

Basandosi sulle statistiche della Giustizia Federale, hanno spiegato che i casi sono aumentati in modo esponenziale tra il 2016 e il 2019, 58%, mentre le pratiche per detenzione a scopo di commercializzazione sono cresciute del 30% e quelle per detenzione per consumo dell’11%. “Ciò significa che con la legge sulla cannabis medica, l’autocoltivazione è stata ampliata e, contrariamente a quanto si potrebbe supporre, anche la persecuzione di coloro che coltivano è stata intensificata”, ha analizzato Corbelle, dottore in antropologia dell’Università di Buenos Aires e ricercatore presso il Coniceto.

Ruchansky ha fornito i dati dell’Osservatorio argentino sulla droga, del Sedronare ha rivelato che “Il 44,7% della popolazione è d’accordo nel regolamentare la marijuana per uso adulto o ricreativo mentre il 38,4% lo rifiuta e il 10% è indeciso”.

Il giornalista e attivista ha assicurato che “quasi il 90 per cento delle canne consumate in Argentina sono fiori coltivati ​​e raccolti nel nostro Paese, il resto è marijuana pressata”, per questo ha arringato la folla che ascoltava attenta: “Dobbiamo difendere i diritti che abbiamo raggiunto in tutti questi anni. Strumenti come Reprocann, la possibilità di registrare le sementi o il funzionamento dell’Agenzia per la cannabis medica e industriale, sono essenziali per ottenere in seguito una regolamentazione legale”.

Foto: Nicolas Stulberg

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Gli atleti di La Colonia trionfano verso le Olimpiadi nazionali
NEXT Cundinamarca: catturato a La Aguadita alias “Pulgar” accusato di furti nella regione di Sumapaz