Si prevede di implementare un protocollo didattico della Legge Justina nelle scuole di Entre Ríos – Consiglio Generale dell’Educazione

Si prevede di implementare un protocollo didattico della Legge Justina nelle scuole di Entre Ríos – Consiglio Generale dell’Educazione
Si prevede di implementare un protocollo didattico della Legge Justina nelle scuole di Entre Ríos – Consiglio Generale dell’Educazione

Ezequiel Lo Cane, padre di Justina, fondatrice della casa che porta il suo nome e punto di riferimento nella donazione e nel trapianto di organi, ha incontrato la presidente del Consiglio Generale dell’Educazione (CGE), Alicia Fregonese, e la sua équipe, per promuovere questa collaborazione progetto chiamato #Educationx7.

Il protocollo educativo per la promozione della donazione di organi e della sensibilizzazione alla solidarietà nelle classi è stato sviluppato in collaborazione con esperti di educazione dirompente e sarà implementato in tutte le istituzioni educative della provincia, sia pubbliche che private, adattandosi ai diversi livelli e cicli educativi.

“Il progetto mira a sensibilizzare sull’importanza della donazione di organi e ad abbattere gli ostacoli affinché più persone diventino donatori. La Legge Justina, approvata nel 2018, stabilisce che è considerato donatore qualsiasi individuo che abbia compiuto 18 anni, a meno che non abbia espresso la propria opposizione in vita. Riteniamo essenziale che gli studenti di Entre Ríos siano debitamente informati e dotati di strumenti relativi a questo problema”, ha sottolineato Alicia Fregonese.

“Questo incontro segna l’inizio delle nostre azioni per attuare il protocollo questo mese, che coincide con il mese della donazione di organi a livello nazionale. Insieme al CGE stabiliremo dei riferimenti nelle scuole e forniremo formazione per la loro effettiva applicazione”, ha spiegato Ezequiel Lo Cane.

Ha riferito che l’associazione civile da lui guidata, Casa Justina, lavora a questo riguardo in collaborazione con ONG di tutto il paese e professionisti della sanità e dell’istruzione. Ha osservato che l’obiettivo è che gli studenti “diventino ambasciatori della donazione di organi e promuovano la consapevolezza nelle loro comunità. È essenziale che questo argomento venga discusso nelle scuole, poiché i bambini possono influenzare l’agenda degli adulti. Possono educare le loro famiglie ed essere agenti di cambiamento nella società”, ha concluso Lo Cane.

Justina aveva 12 anni e soffriva di una malattia cardiaca congenita quando morì nel 2017 mentre era in attesa di un trapianto. Prima della sua partenza, entrando nella lista d’attesa dell’Istituto centrale nazionale di coordinamento per l’ablazione e gli impianti (Incucai), ha esortato la sua famiglia ad avviare una campagna per sensibilizzare sull’importanza della donazione di organi. Grazie a questo sforzo congiunto tra la sua famiglia e gli Incucai, fu promossa la Legge Giustina.

Maggiori informazioni

La campagna di Justina: https://www.facebook.com/multiplicatex7

Moltiplica x 7: https://www.instagram.com/multiplicatex7


#Argentina

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Cuba aumenta i prezzi dei prodotti di medicina naturale e tradizionale
NEXT Cuba esprime solidarietà al Brasile di fronte alle inondazioni (+Post)