Cuba, un “paradiso” di miseria che comincia a spaventare i canadesi

Cuba, un “paradiso” di miseria che comincia a spaventare i canadesi
Cuba, un “paradiso” di miseria che comincia a spaventare i canadesi

Montreal (Canada)/Attratti dalle sue spiagge, dal clima caldo, dall’ospitalità della sua gente e dai prezzi competitivi, i canadesi hanno tradizionalmente considerato Cuba una destinazione turistica senza pari. Non solo un paradiso per le vacanze, ma anche un affidabile baluardo della salute. Anche i leader politici canadesi non hanno risparmiato gli elogi all’assistenza medica cubana, alimentando la fiducia nei servizi offerti.

Tuttavia, i tempi sono cambiati, molto. La percezione di Cuba da parte dei canadesi sta subendo una svolta di 180 gradi, e non esattamente verso una cartolina di palme e mojito. Questo cambiamento è dovuto a molteplici ragioni che potrebbero scoraggiare definitivamente i viaggiatori dallo scegliere l’Isola come meta delle proprie vacanze.

In primo luogo, e questo è fondamentale, le autorità governative canadesi sono passate dall’incoraggiare il flusso di turisti a Cuba all’emettere avvertimenti sui rischi connessi alla visita dell’Isola. Il governo canadese chiede fortemente ai cittadini di esercitare un “alto grado di cautela”. considerando un viaggio sull’isola. Va notato che, per molti canadesi, la cui cultura è impregnata di quella che è conosciuta come comunicazione ad alto contesto, poiché usano eufemismi ed evitano affermazioni forti, ciò equivale a un livello di massima allerta.

Cosa comunicano le autorità canadesi ai loro cittadini? Ebbene, avvertono i viaggiatori della grave carenza di cibo, medicine e carburante a Cuba. Insistono sull’aumento della violenza, delle aggressioni e delle truffe finanziarie, comprese le frodi sulle carte di credito e i rischi associati ai bancomat senza contanti.

Le autorità canadesi informano i viaggiatori che le infrastrutture sanitarie cubane sono gravemente carenti, con una marcata mancanza di farmaci

Inoltre, mettono in guardia sulla scarsa sicurezza per le donne, sulla mancanza di affidabilità delle telecomunicazioni, sulle complicazioni nelle transazioni online e sulla prevalenza di furti di borse e portafogli nei luoghi turistici, nei mercati, sugli autobus pubblici, nelle discoteche e sulle spiagge. Ricordano che i furti nelle camere d’albergo e nei veicoli sono un evento comune a Cuba e consigliano esplicitamente di tenere le finestre e le porte ben chiuse, di non opporre resistenza in caso di furto e di essere prudenti quando si utilizzano carte di debito o di credito.

E non è tutto. Le autorità canadesi informano i viaggiatori che l’infrastruttura sanitaria cubana è gravemente carente, con una marcata mancanza di farmaci, forniture e attrezzature, aggravata da pratiche igieniche insufficienti, risposte lente alle emergenze e, per finire, servizi di salute mentale inadeguati (certamente necessario in caso di crisi in una qualsiasi delle situazioni sopra descritte). Il Canada, infatti, chiede ai viaggiatori, se decidono ancora di correre il rischio di andare a Cuba, di portare con sé le proprie scorte di farmaci a causa della presenza di malattie come il virus Zika, il colera, l’epatite A, la febbre tifoide e le malattie diarroiche .

Con le ulteriori minacce rappresentate da malattie trasmesse da vettori e zoonotiche come la chikungunya, la febbre dengue, il virus del Nilo occidentale e la malaria, la preparazione sanitaria personale, suggeriscono, è fondamentale. Tutti questi rischi sono stati confermati ed esposti dal Leadership and Democracy Lab della Western University (Londra, Ontario).

A tutto questo (e soprattutto al fatto che sia annunciato da un Governo nel quale i suoi cittadini hanno un alto grado di fiducia) si aggiungono le “recensioni dei viaggiatori”. E non mi riferisco solo a quelli che lasciano sui siti web che, ovviamente, vengono consultati quando si prende una decisione, ma agli avvertimenti che questi viaggiatori hanno dato alla loro famiglia, ai vicini, agli amici, ai colleghi e, naturalmente, Se ciò non bastasse, alla stampa.

Recentemente, il sogno di una vacanza idilliaca a Cuba è stato descritto da numerosi media canadesi come un incubo.

Recentemente, il sogno di una vacanza idilliaca a Cuba è stato descritto da numerosi media canadesi come un incubo. Le lamentele vanno dalla presenza di scarafaggi e aree sporche per gli ospiti, ai bambini derubati nella propria stanza, alla mancanza di cibo e acqua in bottiglia e persino alla carenza di carta igienica per gli ospiti. La turista Deanna Lang ha intrapreso un’azione legale contro l’agenzia di viaggi Sunwing a Manitoba, cercando di recuperare 8.000 dollari canadesi (circa 5.830 dollari americani) spesi per quella che si è rivelata una vacanza disastrosa al Memories Varadero Beach Resort (un nome noto e appropriato). è garantito che non dimenticherete mai quello sfortunato soggiorno). Inoltre, Lang ha criticato la risposta inefficace del personale del resort ai suoi reclami e le difficoltà che ha dovuto affrontare nel comunicare con i rappresentanti della Sunwing durante il suo soggiorno.

Un’esperienza simile è stata vissuta all’inizio di quest’anno da una coppia dell’Ontario presso il resort Meliá Marina a Varadero. La loro sfortunata esperienza è iniziata proprio all’arrivo in albergo, le cui condizioni hanno definito “deplorevoli”. Gli ascensori erano fuori servizio, costringendo la coppia a usare le scale. Si sono poi ritrovati in corridoi bui, illuminati solo da luci lampeggianti, quindi hanno dovuto utilizzare le torce dei loro cellulari per farsi strada. La presenza di mozziconi di sigaretta, macchie sui muri e, cosa più allarmante, quelle che sembravano macchie di sangue sulle lenzuola, li hanno fatti sentire come se fossero i protagonisti di un film dell’orrore, dettagli che non hanno mancato di commentare ampiamente alla stampa. .

Le condizioni di alloggio inaccettabili, compresi i problemi con la pulizia delle camere e i servizi igienici difettosi, hanno portato la coppia a esplorare il resort in cerca di riscatto nei servizi offerti, solo per trovare ulteriori segni di abbandono, squallore e rovina. Anche quando, dopo molti sforzi, sono riusciti a essere trasferiti in un altro albergo, hanno trovato condizioni simili, tra cui la mancanza di carta igienica e di acqua corrente. La coppia, che ha speso quasi 7.000 dollari canadesi per il viaggio, è stata risarcita solo con 150 dollari.

Un’altra esperienza ampiamente riportata dalla stampa canadese è il caso di Caroline Tétrault. Caroline ha avuto la terribile fortuna di doversi sottoporre ad un intervento chirurgico d’urgenza in un ospedale cubano. Suo marito, Christian Maurais, ha raccontato a diversi media tutte le necessità vissute, dall’impossibilità di salire sull’ambulanza a causa della barella difettosa alla precarietà nel procurarsi gli antibiotici necessari. Hanno dovuto chiedere aiuto a familiari e amici per ottenere forniture mediche dal Canada. Christian ha raccontato in televisione come ha dovuto ricorrere al mercato nero per acquistare gli alimenti specifici necessari per la dieta liquida di Caroline. Quando gli è stato chiesto quale messaggio volesse trasmettere, ha messo in guardia gli altri viaggiatori sull’importanza di ricercare la qualità dei servizi medici e delle infrastrutture sanitarie prima di viaggiare all’estero. A causa di questa esperienza la coppia ha deciso di non ritornare a Cuba.

Quando gli è stato chiesto quale messaggio volesse trasmettere, ha messo in guardia gli altri viaggiatori sull’importanza di ricercare la qualità dei servizi medici e delle infrastrutture sanitarie prima di viaggiare all’estero.

Potrei continuare ad elencare le ragioni, dall’attività politica dei cubani in esilio in Canada e il lavoro di sensibilizzazione che realizzano negli spazi pubblici, alla posizione di aperta critica al governo cubano da parte di senatori e deputati del parlamento canadese che hanno più di 65 anni. anni di repressione e le sue continue violazioni dei diritti umani. La verità è che quando Cuba appare nelle notizie in Canada non è più per lodarlo come un luogo paradisiaco e caldo, ma per mostrare gli orrori affrontati dalle persone audaci che decidono di recarsi lì contro gli avvertimenti del loro governo. Orrori che possono includere il corpo di un parente deceduto inviato per errore in Russia, mentre il corpo sbagliato viene ricevuto in Canada.

Quando i canadesi sentono parlare di Cuba, si riferiscono ai suoi legami mercenari con l’Ucraina, alle sue pratiche brutali, al desiderio del popolo di liberarsi e, ciò che tocca più da vicino i canadesi, al fatto già ampiamente pubblicizzato che la miseria imposta si è metastatizzata al I cubani, e nemmeno i turisti, la punta di diamante, sono al sicuro dalla precarietà, dal caos e dalla paura.

La differenza è che mentre il popolo giace schiacciato dalla dittatura e la possibilità di liberarsi da tanta oppressione comporta dei rischi, i canadesi possono semplicemente scegliere un’altra destinazione turistica. Fortunatamente, hanno l’invidiabile fortuna di poter dire ciò che il marito di Caroline ha dichiarato a Radio-Canada: “Cuba è finita per noi”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Hanno arrestato un ex candidato sottufficiale fuggito dalla polizia con un’arma replica
NEXT Il museo dalle mille e una storia a Santiago de Cuba