“Vi apro, ma non sparate!”, le ultime parole rivolte alla Polizia dell’uomo ucciso a El Brillante

Lo hanno sentito gli abitanti della via Cardenal Portocarrero a Córdoba, dietro l’avenida Brillante presunto autore dell’accoltellamento a una donna prima che si togliesse la vita, secondo fonti della polizia: “Ti apro, ma non spararmi”, hanno detto alla ABC. Ciò è accaduto quando gli agenti sono venuti ad arrestarlo a casa sua.

Solo alcuni guanti neri in lattice utilizzati sul marciapiede e la porta d’ingresso con apertura forzata da parte degli agenti sono gli unici resti visibili ad occhio nudo nell’edificio. Casa Via Cardenal Portocarrero 5 dove è stato ritrovato il corpo senza vita di quest’uomo di origini sudamericane dopo che aveva inflitto alcuni tagli con un coltello alla persona che afferma essere la sua compagna.

La donna ne aveva alcuni si taglia sulla mano così come nell’addome e in una gamba ma piccola entità, secondo un altro dei testimoni consultati dalla ABC, sarebbe stata aiutata sulla terrazza di un ristorante della zona dove le sue ferite erano state coperte con una delle tovaglie del ristorante. “La donna ferita, con accento sudamericano, era sempre accompagnata da altre due donne che l’accompagnavano”, hanno precisato le stesse fonti.

Era la autista dell’ambulanza che in quel momento scendeva dall’ospedale Los Morales e, vedendo il furgone della polizia Si è fermata all’altezza del noto stabilimento per prestare soccorso finché pochi minuti dopo è stata trasferita in ospedale dalla squadra 061 nonostante le ferite non fossero gravi.

Ma in In questo caso ancora nulla è chiaro, tutto è confuso, dicono fonti giudiziarie alla ABC. Di fronte a questa incertezza e in attesa dei primi risultati dell’autopsia, il Tribunale 7 di Córdoba ha ordinato il segreto del riassunto.

Nemmeno i vicini di questo piccolo sviluppo di sette case Le case unifamiliari non sanno cosa sia successo né quante persone vivessero in quella casa in affitto. «Sappiamo solo che sono arrivati ​​a dicembre, [la casa estaba alquilada por un tercero que no vivía allí y que presentó una nómina] ed erano tutti stranieri. C’è sempre un flusso di gente, magari dalla Colombia per via dell’accento; Il defunto ci ha detto “buongiorno, figlia mia” e ne hanno avuti tre pitbull«dice uno di questi vicini alla ABC.

Sono stati proprio questi tre cani a impedire alla Polizia nazionale di agire più tempestivamente. Nonostante sapessero – secondo i vicini – che sarebbe stato ancora vivo, hanno dovuto aspettare i membri del Servizio di tutela degli animali. Sadeco poter accedere all’interno dell’abitazione per gli agenti. “Forse se fossero arrivati ​​prima, il vicino sarebbe stato vivo e non sarebbe morto dissanguato perché ci hanno messo molto tempo a prendere i cani”, dicono gli abitanti dell’urbanizzazione.

Le prime informazioni indicano che è arrivato quest’uomo che occupava o al quale la casa era stata subaffittata dal dicembre scorso rompere la tranquillità di questa piccola urbanizzazione. «Si sentivano litigi, c’era un bambino di un anno o due che non sappiamo se per la musica alta dell’alba, oppure perché non smetteva di piangere, lì abitavano anche diverse donne; “Tutto era molto trascurato e il movimento di gente che andava e veniva era costante”, sottolineano le stesse fonti.

Come ha appreso l’ABC, nella perquisizione effettuata ieri da Autorità giudiziaria Dopo che il corpo fu rimosso, la casa sembrava una “baracca” all’interno, con molta sporcizia e tutto molto trascurato, niente a che vedere con il resto dei residenti della zona. «Non sappiamo quanti abitassero lì, né il rapporto delle donne Che fossero familiari o no… non abbiamo avuto alcun rapporto con loro se non quello di chiedere loro di stare attenti ai pitbull che potrebbero attaccare i nostri cani di piccola taglia o i nostri bambini,” dice un altro di questi residenti dell’urbanizzazione.

#Colombia

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Le migliori serie Disney+ Cile da guardare oggi
NEXT Il capitano di Ricardo Gareca ha negato la possibilità di tornare a giocare in Cile e ha dato l’esempio ad Arturo Vidal: “Fa male vederlo spazzato via”