La storia in immagini. Gli attentati di Plaza de Mayo

La storia in immagini. Gli attentati di Plaza de Mayo
La storia in immagini. Gli attentati di Plaza de Mayo
  1. Messa a fuoco rossa

Sono trascorsi 69 anni dal bombardamento di Plaza de Mayo, quando l’Aeronautica Militare e la Marina attaccarono la Casa Rosada e i suoi dintorni. Documentazione di quell’evento senza precedenti nella storia politica del paese, un’anteprima del rovesciamento di Perón tre mesi dopo da parte della cosiddetta “Rivoluzione Liberatrice”.

A mezzogiorno 16 giugno 1955, gli aerei dell’Aeronautica Militare e dell’Aviazione Navale iniziarono un bombardamento su Plaza de Mayo e sulla Casa Rosada. Questo attacco ha provocato più di 300 vittime e più di 1.000 feriti. Al momento dell’attacco, una folla stava partecipando ad una parata militare, quando circa 30 aerei dell’Aviazione Navale e dell’Aeronautica Militare, che avrebbero dovuto lanciare fiori in segno di sostegno al governo, iniziarono a sganciare bombe su un affollata Plaza de Mayo, cercando di prendere di mira anche la Casa Rosada.

Un totale di 29 bombe caddero sulla Casa Rosada e altre sulla Piramide di Maggio. Sono state sganciate 14 tonnellate di esplosivo. L’obiettivo di questo attacco era assassinare il presidente Juan Domingo Perón, sottomettere tutto il suo governo, occupare Plaza de Mayo, incoraggiando la confusione tra la popolazione, e realizzare un colpo di stato.

IL gli aeroplani avevano una “V” dipinta sulla coda E una croce, che indicava “Vittorie di Cristo”. I cappellani dell’esercito furono fondamentali nello sviluppo della cospirazione e la gerarchia della Chiesa cattolica non esitò a incoraggiare commandos civili armati contro il peronismo.

L’attacco aereo è stato effettuato in ondate successive tra le 12:40 e le 17:40. Nel primo attentato, una delle bombe colpì un filobus pieno di passeggeri, provocando un gran numero di morti, la maggior parte dei quali erano bambini delle scuole elementari.

Oltre al Palazzo del Governo, furono bombardati il ​​Ministero delle Finanze, la sede della CGT, il Dipartimento di Polizia e la residenza ufficiale di Perón a Palermo.

IL La risposta di Perón è stata quella di evitare la mobilitazione e la risposta organizzata dei lavoratori. Lo stesso giorno, parlando alla radio, ha chiesto di “non adottare misure consigliate dalla passione”, sottolineando che “la lotta deve essere tra soldati”. La CGT farebbe lo stesso.

I responsabili dell’operazione si rifugiarono a Montevideo, arrivando con gli stessi aerei con cui avevano bombardato Buenos Aires. Tre mesi dopo questo massacro, i soldati che vi parteciparono salirono al potere con un colpo di stato, la cosiddetta “Rivoluzione di Liberazione”, occupando posti importanti nel nuovo governo. Non ci furono mai arresti né qualcuno pagò per i morti.

#Argentina

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il tiro con l’arco e i tuffi cubani aggiungono quote olimpiche
NEXT L’ufficio del sindaco di Tota vuole ristabilire il processo di certificazione di Playa Blanca come destinazione turistica sostenibile