Attraversati dalla profonda crisi economica dei bar, si riunisce la commissione di monitoraggio

Ci sono stati alcuni colloqui informali tra le parti per delineare le grandi linee di quelle che potrebbero essere le modifiche volte ad ampliare gli orari e ad occupare lo spazio pubblico. Bar e ristoranti, a loro volta, sono in allerta per calo delle vendite, chiusure di attività e perdita di posti di lavoro.

Ordinanza n. 12852 sulle ore notturne, approvata dal Consiglio comunale di Santa Fe il 25 novembre 2022 e promulgato alla fine di marzo 2023, prevedeva all’articolo 35 la creazione di una commissione di monitoraggio la cui missione convocare i vari settori interessati per monitorare periodicamente la situazione.

PER SAPERNE DI PIÙVita notturna a Santa Fe: i ricoveri all’ospedale Cullen aumentano del 40% nei fine settimana

Di notte 2024_DSC04330_MTH_BW.jpg

Maiquel Torcatt/Aire Digital

I consiglieri che compongono la commissione, i radicali Leandro Gonzalez E Carlos Pereira più il giustizialista Jorgelina Mudallel Hanno avuto un incontro informale alla fine di maggio e ora si prevede che venga fissata la data del primo incontro. Ha partecipato anche il Segretario alla Produzione e al Lavoro del Comune, Rosario tedesco, più funzionari dalle aree di controllo, liquidazione e colpa.

“In questa commissione discuteremo se l’ordinanza debba continuare come è oggi, se gli orari debbano essere modificati, se si debbano abilitare più funzioni per i club, per i gruppi di quartiere o per i bar”, ha detto Mudallel, che a metà marzo ha chiesto all’Esecutivo di creare e convocare la Commissione.

Da parte sua, il consigliere Carlos Pereira ha confermato che si incontreranno nuovamente a breve e convocheranno le associazioni e le camere legate alla vita notturna di Santa Fe, che sono quelle che hanno promosso alcune modifiche.

PER SAPERNE DI PIÙSecondo dibattito all’AIRE, un anno dopo la notte di Santa Fe: battute d’arresto, progressi e nuove sfide

Vita notturna a Santa Fe: orari in discussione

Anche se vengono discusse tutte le questioni relative alla serata, la preoccupazione principale del settore economico e culturale è il rigido calendario stabilito dall’ordinanza. Sono divisi per stagioni, da novembre a marzo e da aprile a novembre. A turno, in base ai giorni della settimana, venivano stabiliti gli orari di chiusura.

“In questi primi 6 mesi di gestione e dove si è trattato della prima stagione di completa applicazione della normativa, abbiamo lavorato intensamente per sostenere le attività commerciali legate alla notte a Santa Fe tenendo conto della difficile situazione economica e della convivenza con i vicini, come proposta dall’ordinanza, ha spiegato Rosario tedescoSegretario della Produzione e dell’Occupazione del Comune di Santa Fe in dialogo con ARIA.

“Gli orari, la rideterminazione delle stagioni, gli eventi di qualità, la musica con orari ristretti, la zonizzazione, sono state le principali situazioni che abbiamo dovuto affrontare in questi mesi”, ha spiegato il funzionario comunale.

persone percorsi di bowling 169 gif.gif

Da parte sua, l’assessore Carlos Pereira Ha condiviso che la maggiore richiesta da parte delle Camere di bar e ristoranti si concentra sugli orari di chiusura dei negozi e delle sale da ballo. “Ci sono richieste per estendere o eliminare direttamente gli orari di occupazione dello spazio pubblico, soprattutto durante la stagione estiva”, spiega all’AIRE.

Le diverse parti consultate hanno riconosciuto che “la risposta deve essere consensuale e rapida” tenendo conto che tra qualche mese, con il cambio di stagione, gli orari verranno aggiornati.

Allo stesso tempo, hanno riconosciuto la necessità di prestare attenzione e monitorare da vicino la difficile situazione economica che attraversa il settore, con un calo della domanda e un aumento delle tasse. Molti hanno sottolineato che la complessa realtà economica dovrebbe tendere a “rendere più flessibili” alcune esigenze che ci permettono di superare questo momento.

Barre in allerta: meno consumi e più tasse

Giorni fa, in un’intervista all’AIRE, Massimiliano Chiarellipresidente della Camera degli Avvocati di Santa Feha fatto riferimento alla situazione critica che sta attraversando il settore gastronomico a causa del calo delle vendite e del notevole aumento di tasse e servizi.

“La realtà è che c’è un calo dei consumi molto significativo, in media del 40%, secondo i dati da noi raccolti.”

“L’aspetto più critico della situazione, perché comprendiamo che i consumi si stanno contraendo e che ad un certo punto ricominceranno ad attivarsi, è l’impossibilità di far fronte all’aumento sproporzionato e aggressivo delle tariffe di acqua, luce e gas in cui ci troviamo .” qualche giorno fa, con aumenti fino al 300% e al 400%”, ha affermato.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Sviluppata Art Fair per papà
NEXT Premio internazionale: due scuole pubbliche colombiane tra le migliori al mondo