Emergenza lavoro a La Araucanía

Emergenza lavoro a La Araucanía
Emergenza lavoro a La Araucanía

L’Istituto Nazionale di Statistica (INE) ha recentemente diffuso i dati sull’occupazione per il trimestre in movimento febbraio-aprile 2024, e la regione di La Araucanía non se la passa bene, uno scenario complesso in termini di lavoro e informalità mantiene la regione dietro l’incipiente decollo generale quanto osservato a livello nazionale.

Aumento della disoccupazione

Il tasso di disoccupazione si è attestato al 9,0%, registrando un aumento di 2,0 punti percentuali (pp.) rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Con questa misurazione, la regione accumula 6 aumenti annuali consecutivi del tasso di disoccupazione. Nella classifica regionale, è stato classificato come il quarto tasso di disoccupazione più alto del paese. Il numero dei disoccupati a La Araucanía in quest’ultima misurazione ha raggiunto le 42.870 persone, registrando un forte aumento del 32,2% equivalente a 10.450 persone rispetto all’anno precedente, completando così 6 trimestri consecutivi con aumenti dei disoccupati.

Debolezza nella creazione di posti di lavoro

Nell’ultimo trimestre sono stati creati 5.860 posti di lavoro rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. La capacità di generare occupazione si è indebolita notevolmente nel 2024 nella regione, all’inizio dell’anno sono stati creati più di 18mila posti di lavoro, cifra scesa nel trimestre successivo a poco più di 11mila posti e infine a 5,86mila quest’ultima misurazione . Questa perdita di velocità nella creazione di posti di lavoro riflette lo scarso dinamismo del mercato del lavoro locale, che non è in grado di generare posti di lavoro in modo sostenibile e sufficiente ad assorbire l’inserimento di più persone nella forza lavoro. Nel periodo febbraio-aprile 2024, le forze lavoro della regione sono cresciute del 3,5% in termini annuali (pari a 16.320 persone), mentre quelle occupate sono cresciute solo dell’1,4% in 12 mesi (5.860 persone), quindi, il resto, i 10.450 sono entrati a far parte del disoccupato.

Informalità: il sasso nella scarpa

Il tasso di lavoro informale (TOI) nella regione ha raggiunto il 38,9%, ancora una volta il più alto tra le 16 regioni del Paese, e superando di ampio margine la media nazionale del 28,2%. Rispetto allo stesso trimestre del 2023, l’informalità regionale ha segnato un aumento di 2,7 punti percentuali (pp.). In termini numerici, le persone occupate in modo informale nella regione sono 169.080, un dato cresciuto del 9,0% rispetto all’anno precedente, pari a 13.900 persone in più nel lavoro informale. Mentre coloro che hanno un impiego formale registrano un calo del 2,9% annuo, pari a 8.040 persone. Cioè, nell’ultimo anno nella regione sono stati distrutti 8.040 posti di lavoro formali e sono stati creati 13.900 posti informali, che in termini netti riflette l’aumento di 5.860 dipendenti, che si spiega con l’aumento dell’occupazione informale.

Negli ultimi 6 trimestri mobili, l’occupazione è stata trainata principalmente dall’occupazione informale, mentre l’occupazione formale è in calo. Questa è una brutta notizia, poiché rivela che l’economia regionale non solo genera pochi posti di lavoro, ma anche che quei pochi posti di lavoro sono informali. Ciò a sua volta riflette il fatto che le persone, non vedendo possibilità di lavoro, cercano alternative nell’informalità, il che lascia la regione in uno scenario di fragilità economica e lavorativa poiché si tratta di lavori di qualità inferiore, con redditi medi inferiori e senza protezione sanitaria o pensionistica.

Emergenza lavoro

A più di quattro anni dalla pandemia, La Araucanía non ha ancora recuperato i livelli occupazionali che aveva prima dell’emergenza sanitaria. Nel periodo pre-pandemia (trimestre dicembre-febbraio 2020), la regione registrava un tasso di occupazione del 55,6%, ovvero del totale delle persone in età lavorativa, il 55,6% era occupato. Attualmente, secondo gli ultimi dati sull’occupazione, l’occupazione è del 52,1%, ciò indica che la regione di La Araucanía ha un deficit di quasi 29mila posti di lavoro per tornare all’occupazione che esisteva prima della pandemia. Nel contesto storico, con gli attuali livelli occupazionali, La Araucanía è tornata indietro di 13 anni, tornando ai tassi di occupazione che aveva nel 2011.

Questo scenario di crescente disoccupazione, bassa creazione di posti di lavoro, elevata informalità del lavoro e deficit occupazionale rispetto alla pandemia costituisce una situazione grave che può essere classificata come emergenza lavorativa nella regione.

Il problema è che, con lo scarso dinamismo che attualmente presenta il mercato del lavoro, non c’è speranza di superare la situazione a breve termine. La regione ha bisogno di un’ulteriore spinta in termini di occupazione, l’inerzia della crescita economica da sola non sarà sufficiente, richiede politiche pubbliche focalizzate sui gruppi e sulle aree in ritardo nell’occupazione, e anche politiche locali che consentano la creazione di più posti di lavoro nel breve termine, e strategie per incoraggiare l’occupazione formale nel medio e lungo termine che aiutino a combattere questa emergenza.

Il lavoro informale è un problema nazionale, ancora più grave a La Araucanía, che supera l’occupazione informale nazionale di 10 punti percentuali (pp.). La sfida per la regione di La Araucanía è enorme in termini di occupazione e, nella misura in cui il mercato del lavoro locale non si riprenderà in modo significativo, sarà difficile aspettarsi miglioramenti sostanziali nei futuri livelli di povertà, dove la regione è stata per molti anni leader anni, questo perché uno dei principali veicoli per superare la povertà è l’occupazione.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-