Piogge intense dovute al transito delle onde tropicali

Piogge intense dovute al transito delle onde tropicali
Piogge intense dovute al transito delle onde tropicali

L’Istituto di Idrologia, Meteorologia e Studi Ambientali Ideam ha reso noto che le intense piogge verificatesi venerdì notte e ieri sabato sono dovute al transito delle onde tropicali 6 e 7, ovvero maggiori precipitazioni accompagnate da attività elettrica, accompagneranno il pomeriggio e la sera questo fine settimana.

Secondo l’entità, questo fenomeno interesserà principalmente la regione dei Caraibi e la regione andina settentrionale, con sotto i riflettori dipartimenti come La Guajira, Magdalena, Atlántico, Bolívar e Córdoba, oltre alle isole di San Andrés, Providencia e Santa Catalina .

Inoltre, l’autorità climatica ha indicato che “la stagione dei cicloni di quest’anno sarà molto più intensa del solito, con una probabilità dell’85% di elevata attività”, come sostenuto dal National Office of Oceanic Administration e dalla Noaa US Atmospheric, che prevede anche una stagione più attiva del normale.

Va notato che Magdalena, inclusa Santa Marta, è tra i 24 dipartimenti in cui l’autorità climatica prevede nuvolosità abbondante e pioggia con scosse elettriche, nelle aree rurali e urbane, così come nelle aree marittime e oceaniche.

LE PIOGGE CONTINUANO

Oggi, domenica, piogge con scosse elettriche persisteranno in vaste aree della regione dell’Orinoco e dell’Amazzonia, nonché in settori specifici della regione dei Caraibi e delle Ande. Le precipitazioni più abbondanti sono previste nei settori dei dipartimenti di: La Guajira, Magdalena, Atlántico, César, Bolívar, Cauca, Nariño, Antioquia, Santander, Norte de Santander, Cundinamarca, Boyacá, Caldas, Risaralda, Quindío, Tolima, Huila, Arauca , Casanare, Vichada, Meta, Caquetá, Guainía, Guaviare, Putumayo, Vaupés e Amazonas. Per le isole di San Andrés, Providencia e Santa Catalina si stima una nuvolosità variata con piogge di diversa intensità.

MONITORAGGIO NEI FIUMI

Nell’ambito del piano d’azione, la Protezione Civile ha annunciato l’esecuzione di attività di controllo e monitoraggio a livello dei fiumi nel distretto di Santa Marta e Magdalena, come misura preventiva contro le piogge causate dal transito delle onde tropicali 6 e 7.

In un primo rapporto redatto sabato mattina, questa organizzazione umanitaria ha riferito che il livello dei principali fiumi che scendono dalla Sierra Nevada de Santa Marta, come Río Frío, Sevilla, Guachaca, Buritaca, Don Diego, Fundación e Aracataca, si è mantenuto i loro livelli rientrano nella norma, senza rappresentare alcun tipo di rischio imminente di traboccamento.

“A causa dell’onda tropicale, si può generare un aumento della portata nei fiumi che nascono nella Sierra Nevada de Santa Marta, con probabilità di piene improvvise, straripamento di alcuni fiumi e possibili inondazioni. In questo senso, la comunità deve restare allerta di fronte a queste avverse condizioni meteorologiche”, ha affermato il colonnello Omaña.

PIANO D’AZIONE OGRIC

Con un totale di 5 attrezzature della riserva di macchinari gialli, l’Ufficio per la gestione dei rischi e il cambiamento climatico intende affrontare possibili frane di colline e sedimenti sulle strade, a seguito del passaggio dell’onda tropicale.

Quanto sopra avverrà in colline vulnerabili come El Boquerón, Ziruma, La Estrella, Minca e Taganga, che sono siti inclini a questo tipo di eventualità che colpisce i quartieri della zona nord-orientale di Santa Marta.

Il dottor Alex Veklásquez, direttore dell’agenzia distrettuale, ha affermato che la macchina gialla sarà essenziale per migliorare le condizioni delle strade nei quartieri di Ondas del Caribe, El Pantano, Once de Noviembre e Timayui, facilitando l’efficace rimozione dei sedimenti che contribuirà Non solo a mantenere le strade pulite e percorribili, ma promuoverà anche un ambiente più sicuro e accessibile per i residenti di queste comunità.

AVVISI SULLE DIAPOSITIVE

Ideam consiglia di effettuare escursioni preferibilmente di giorno nelle zone minacciate da frane o smottamenti, e suggerisce inoltre che le agenzie di soccorso effettuino un monitoraggio permanente nelle giornate molto piovose, in modo che la comunità possa cercare rifugio in zone sicure. Se invece la frana si verifica su una strada, ha indicato che è necessario avvisare le autorità e gli automobilisti per metterli in allerta ed evitare così il traffico nelle zone ad alta pendenza.

RACCOMANDAZIONI

L’Ufficio distrettuale per la gestione del rischio e l’adattamento ai cambiamenti climatici raccomanda alla comunità di adottare le seguenti precauzioni.

  1. Evitare di uscire durante la pioggia battente: a meno che non sia assolutamente necessario, rimanere in casa.
  2. Controlla lo stato dei tuoi tetti: assicurati che non ci siano tegole allentate o danneggiate.
  3. Rinforzare le strutture: soprattutto quelle più vecchie o realizzate con materiali meno resistenti
  4. Segnala alberi a rischio: se noti alberi che appaiono instabili, informa le autorità locali affinché possano adottare misure preventive.
  5. Utilizzare materiali di qualità: in qualsiasi riparazione o nuova costruzione, preferire materiali resistenti e durevoli.
  6. Richiedi un aiuto professionale: se hai domande o hai bisogno di riparazioni importanti, contatta professionisti qualificati.
  7. Fai attenzione agli avvisi meteo: segui le raccomandazioni delle autorità e i bollettini meteorologici.
  8. Prepararsi alle emergenze: predisporre un piano di emergenza familiare e assicurarsi che tutti sappiano cosa fare in caso di crollo o caduta di un albero.

id: 0

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-