I ricercatori di Santa Fe hanno scoperto i benefici medicinali della cannabis nei trattamenti contro il cancro

I ricercatori di Santa Fe hanno scoperto i benefici medicinali della cannabis nei trattamenti contro il cancro
I ricercatori di Santa Fe hanno scoperto i benefici medicinali della cannabis nei trattamenti contro il cancro

Domenica 16.6.2024

/

Ultimo aggiornamento 11:22

La cannabis medica ha proprietà classificate come antitumorali contro il cancro della cervice. Lo indicano i risultati di un team di Santa Fe che da alcuni anni studia l’utilizzo della pianta per trattamenti sanitari. “Finora abbiamo riscontrato risultati positivi”, celebra Jorgelina Varayoud, direttrice del Laboratorio di Endocrinologia e Cancerogenesi dell’Istituto di Salute e Ambiente della Costa (ISAL), istituto a doppia dipendenza tra il Consiglio nazionale della ricerca scientifica e tecnica ( Conicet) e l’Università Nazionale del Litorale (UNL).

Il progetto denominato “Valutazione preclinica della cannabis medicinale ad alto contenuto di CBD: proprietà antitumorali sulle cellule tumorali cervicali umane” propone un disegno “in vitro” che consente di studiare le proprietà antitumorali della cannabis medicinale, valutando se può ridurre la crescita dei tumori. “Per le sperimentazioni abbiamo utilizzato goccioline di cannabis medicinale forniteci dal Laboratorio Industriale Farmaceutico della nostra provincia (LIF) su cellule tumorali umane di cancro della cervice, e abbiamo verificato che la cannabis rallenta la crescita di queste cellule, il che sarebbe un vantaggio per combattere questa malattia”, riassume e spiega didatticamente il ricercatore che ha ricevuto El Litoral nel laboratorio situato nella Facoltà di Biochimica e Scienze Biologiche della Città Universitaria di Santa Fe. Il lavoro è svolto in collaborazione con i ricercatori del Laboratorio di Biologia Cellulare e Molecolare Applicata dell’Istituto di Scienze Veterinarie del Litorale (ICiVet-Litoral, doppia dipendenza tra UNL e CONICET).

Maurizio Garín.

Da ogni pianta di Cannabis sativa si possono estrarre circa 150 fitocannabinoidi. Si tratta di composti biologicamente attivi presenti nelle resine secrete dai fiori. “Al momento ne stiamo studiando uno e il risultato è stato positivo, in un modello di laboratorio di cancro cervicale”, afferma Varayoud. Questi risultati coincidono con altri tipi di antecedenti simili, rilevati dagli scienziati che studiano l’uso della cannabis medicinale (valutando diversi fitocannabinoidi) per combattere altri tipi di tumori.

Il futuro

Il prossimo passo che questo gruppo di ricerca locale vuole fare è verificare cosa accadrebbe utilizzando un olio di cannabis definito “a spettro completo”, che contiene tutti i componenti estratti dalla pianta, per confrontare la risposta di queste cellule tumorali. “Avremo lo stesso risultato che avremmo ottenuto se utilizzassimo quel singolo fitocannabinoide che abbiamo verificato prima?”, Chiede Varayoud. “Quale sarà la risposta delle cellule con la combinazione di tutti loro?” continua. “Questa è una domanda a cui cerchiamo di rispondere.”

Il gruppo di ricerca composto dai Drs. lavora alla ricerca di risposte scientifiche. María Mercedes Milesi e María Paula Gastiazoro e le dottorande María Emilia Racca e Ailín Almirón sotto la direzione di Vaayoud, presso l’ISAL, istituto diretto dalla Dott.ssa Laura Kass.

I primi studi sull’uso della cannabis medicinale miravano alle cure palliative e al mitigamento dei sintomi dei pazienti affetti, ad esempio, da epilessia refrattaria, al fine di migliorare la loro qualità di vita. Successivamente cominciò ad essere utilizzato anche nelle cure palliative dei malati di cancro. Ora ciò che si cerca è di fare un ulteriore passo avanti con l’uso di questo medicinale per cercare, ad esempio, di contribuire a fermare la crescita del tumore. “Per questo, è essenziale effettuare questi studi preclinici utilizzando cellule umane in coltura e utilizzando modelli animali”, afferma Varayoud.

Sono queste le coltivazioni della pianta effettuate fino all’anno scorso nell’Inta de Ángel Gallardo, destinate alla ricerca scientifica e alla produzione di olio medicinale. Maurizio Garín.

In questo senso, da diversi anni altri scienziati hanno ottenuto risultati positivi in ​​diverse parti del mondo, che sono stati poi tradotti in pubblicazioni scientifiche, per quanto riguarda il cancro al seno, al polmone, alla prostata e al colon, tra gli altri. Sebbene in diversi paesi si conducano sempre più studi clinici con la cannabis terapeutica, non esistono praticamente studi clinici che abbiano analizzato l’attività antitumorale rilevata nei modelli preclinici. “In Spagna è in fase di sviluppo uno studio clinico su pazienti con tumori cerebrali aggressivi trattati con terapie convenzionali a cui viene aggiunta cannabis medicinale”, afferma Varayoud. Come per molti studi, il problema di tradurre in clinica ciò che viene verificato negli studi preclinici – utilizzando la cannabis medicinale come trattamento antitumorale – è complesso. Fortunatamente, per i pazienti oggi ci sono altri trattamenti che ottengono buoni risultati”.

Consumo di cannabis a Santa Fe

Sebbene negli ultimi anni ci siano stati grandi progressi nelle politiche pubbliche che promuovono la ricerca e l’uso della cannabis medicinale sia a Santa Fe che in altre province, i ricercatori ritengono che i benefici per i pazienti “dovrebbero raggiungere un numero maggiore di persone”.

-I medici indicano l’olio di cannabis per diversi trattamenti sanitari a Santa Fe?

-Attualmente non sappiamo come viene gestita la questione nella sfera pubblica, ma riteniamo che sia possibile che nella nostra provincia manchi formazione sulla medicina della cannabis – dice Varayoud.

Poi, la sua collega e compagna di ricerca, la dottoressa María Paula Gastiazoro, aggiunge che “nella sfera privata ci sono medici che, per la loro formazione e convinzione, decidono di formare e scegliere questo tipo di cure per i loro pazienti, ma è non è qualcosa di molto diffuso e non tutti i pazienti vi hanno accesso”.

L’olio di cannabis prodotto nel Laboratorio Industriale Farmaceutico di Santa Fe (LIF). Maurizio Garín.

“C’è anche la necessità di trasferire ai pazienti le conoscenze esistenti sull’uso della cannabis terapeutica, che è il passo più importante da compiere affinché la scienza di base non rimanga in un libro”, afferma Gastiazoro, ricercatore post-dottorato presso CONICET e professore di Fisiologia Umana, nella suddetta casa di studio.

Propria elaborazione

In questo contesto, alcuni pazienti o loro parenti – come i membri di Mama Cannabis (Macame) – hanno la possibilità di produrre il proprio olio di cannabis medicinale, attraverso la coltivazione artigianale della pianta e la successiva produzione dell’olio, mediante registrazione in il registro Reprocann, che gli fornisce un quadro giuridico. Inoltre, il Laboratorio Controllo Qualità Medicina della Facoltà dispone di metodologie per verificare la composizione dell’olio ottenuto, cioè la sua qualità.

Il risultato di questa ricerca sviluppata a Santa Fe è stato condiviso il mese scorso in occasione del 3° Congresso Nazionale di Cannabis e Salute, tenutosi a La Plata. I ricercatori locali si sono recati lì per presentare i loro progressi. “Durante il congresso ci siamo resi conto che nella nostra università abbiamo affrontato diversi aspetti del tema dell’uso della cannabis medicinale, quindi era molto ben rappresentato, e che negli ultimi dieci anni in Provincia sono stati fatti molti passi avanti in sviluppo e ricerca”, evidenzia Gastiazoro, nel confronto con altre case di studio e sugli sviluppi raggiunti in altre province.

Guarda anche

Guarda anche

I ricercatori di Santa Fe cercano prove scientifiche sui benefici medicinali della cannabis

Tuttavia «credo che negli ultimi tempi l’impegno in questo tipo di ricerca sia diminuito. Non è che tutto si sia fermato, ma è rimasto in stand-by”, avverte Gastiazoro, “mentre altre province, in questa situazione in cui si trova il Paese, hanno saputo gestire le proprie risorse per continuare a stimolare questo settore di ricerca”.

La scienza argentina in crisi

-Il taglio che il governo nazionale ha fatto agli investimenti destinati allo sviluppo scientifico argentino copre i tuoi progetti e il tuo lavoro?

-Sì. Il problema attuale è cercare di continuare a funzionare con ciò che resta dei finanziamenti – dice Varayoud -. In questo momento non riceviamo fondi per quei progetti che avevamo già approvato, della durata di due o tre anni. Cioè se dobbiamo acquistare un reagente da laboratorio non abbiamo fondi, perché i giochi sono finiti e quelli nuovi non sono stati ruotati. Inoltre ci sono altre inchieste approvate a fine anno e non sono ancora stati firmati i contratti per avviarne l’esecuzione. Quindi stiamo facendo il possibile per sfruttare i pochi fondi che ci restano, ma sono limitati. Parallelamente stiamo pensando alle strategie future, sia cercando finanziamenti internazionali che privati, per poter proseguire con i diversi studi. Ciò significa un cambiamento nelle dinamiche, nel pensiero e nelle strategie che non è facile, perché quando facciamo scienza di base (basata sulla generazione di conoscenza) non abbiamo questo esercizio su base quotidiana. Sono molto preoccupato per i giovani ricercatori che hanno appena iniziato la loro tesi di dottorato per intraprendere la carriera scientifica, come nel caso di Paula, – sottolinea Gastiazoro, che ha guidato come borsista fin dall’inizio.

-Qual è la tua situazione attuale? -El Litoral consulta lo stagista.

-Ho fatto la mia tesi di dottorato mentre perseguivo un dottorato binazionale tra Argentina e Germania. Durante i 5 anni della mia tesi ho potuto formarmi per 1 anno in Germania e il resto presso il nostro Istituto, e il mio desiderio è continuare la mia formazione qui. Voglio restare nel paese. Lo Stato nazionale ha investito molto nella mia formazione. In attesa che venga formalizzato il mio ingresso nella carriera di ricercatore Conicet, posso proseguire con il prolungamento di una borsa di studio post-dottorato. Il limite è riuscire a mantenersi economicamente, perché quello che faccio mi piace molto. Gli scienziati argentini sono davvero accolti a braccia aperte all’estero e questa è un’offerta allettante. Ma voglio vivere qui e fare scienza qui. Quindi stiamo pensando a trovare un modo per finanziarlo, cercando strategie. Perché se ce ne andiamo tutti distruggeremo il sistema scientifico argentino. E questa non è la soluzione.

-Il problema è quanto tempo possono resistere…

-Sì, proprio così. Soprattutto quando affitti il ​​tuo appartamento e hai spese quotidiane. A fine mese rifletti e ti metti in crisi, perché senza risorse non puoi andare avanti.

Guarda anche

Guarda anche

La provincia presenterà il suo modello di produzione pubblica di cannabis medicinale

In Argentina, la carriera di uno scienziato inizia dopo la laurea in un corso di laurea (in questo caso, Biochimica). All’inizio sono cinque anni di studio e ricerca; poi altri tre anni di attività post-dottorato; e in seguito fece domanda per diventare ricercatore Conicet. La formazione è molto rigorosa. Una volta intrapresa la carriera di scienziato argentino, sali la scala per generare progetti sempre più importanti. “Sono finito come borsista post-dottorato con l’approvazione della mia ammissione al CONICET, ma il sistema è rimasto congelato da dicembre”, si lamenta Gastiazoro.

Questi ritardi nell’ingresso nella carriera di ricercatore in Argentina non sono una novità. “Quelli di noi che sono coinvolti in questo sanno che aspettare due anni o più prima che arrivi la tua approvazione, sfortunatamente, è successo molte volte in altri tempi”, spiega Varayoud. «Quindi se non arriva la sua approvazione», dice a proposito di Gastiazoro, «rimane letteralmente senza lavoro», conclude. “A questo aggiungo che non ho una gerarchia da applicare a determinati progetti”, racconta lo stagista, “quindi devo sempre partecipare a qualche altro progetto senza poter generare la mia idea da zero. Anche questo ti limita e ti rallenta nel tuo contributo alla scienza”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-