Juliana Di Tullio ha chiesto di espellere dal peronismo Daniel Scioli e due senatori che hanno votato a favore della Legge Base

Juliana Di Tullio ha chiesto di espellere dal peronismo Daniel Scioli e due senatori che hanno votato a favore della Legge Base
Juliana Di Tullio ha chiesto di espellere dal peronismo Daniel Scioli e due senatori che hanno votato a favore della Legge Base

Dopo la sanzione del progetto Legge fondamentale Al Senato della Nazione, un senatore del kirchnerismo ha chiesto l’espulsione dell’attuale ministro del Turismo, Daniele Sciolie due legislatori nazionali che hanno votato a favore del progetto di riforma promosso dal presidente Javier Milei.

Questo è il legislatore nazionale di Unión por la Patria, Giuliana Di Tullioche attraverso i suoi social network ha accusato il funzionario nazionale e i suoi colleghi della Camera alta di essendosi unito ai ranghi del governo di Milei per interesse.

“Oggi, 16 giugno, il giorno in cui hanno tentato di uccidere (Juan Domingo) Perón bombardando Plaza de Mayo, Chiedo l’espulsione di Scioli, Kueider ed Espínola del partito Giustizialista in memoria delle 300 vittime di ieri e di oggi”, ha scritto sul suo account X.

Il post del deputato è in linea con la posizione di Cristina Kirchner, che dopo l’approvazione della Legge sulle Basi si è espressa sui social network raccontando un attivista del campo che condannava che Kueider e “Camau” Espínola fossero stati i candidati senatori di Entre Ríos e Corrientes, rispettivamente.

Inoltre, dopo l’approvazione della legge, gli intervenuti del PJ a Corrientes hanno diffuso un video che chiedeva l’espulsione di Espínola dal partito. Sono intervenuti María Teresa García e Máximo Rodríguez, entrambi molto vicini a Cristina e Máximo Kirchner.

“Non dobbiamo permettere che le loro decisioni spurie vengano prese in nome del peronismo. Non in nome nostro”, ha concluso Di Tullio.

Intanto Kueider viene interrogato dal kirchnerismo per la sua vicinanza all’attuale governatore di Entre Ríos Rogelio Frigerio.

L’ex ambasciatore in Brasile e attuale funzionario nazionale ha celebrato l’approvazione delle riforme promosse dall’Esecutivo, all’interno del pacchetto di articoli dell’iniziativa ufficiale.

È stato molto positivo grazie alla Legge sulle basi e ai dati sull’inflazione. Anche l’esborso del Fmi, lo swap con la Cina. Il ritorno al credito sta avendo un impatto positivo in Argentina”, ha valutato Scioli.

Il ministro del Turismo è stato fortemente contestato dall’opposizione, per la sua decisione di restare alla guida di La Libertad Avanza.

A gennaio, la sua nomina aveva suscitato critiche da diversi settori, molti dei quali avevano preso di mira lo stesso ex governatore di Buenos Aires, accusato di “mancanza di convinzione e di forza”.

Uno dei più acidi quando si trattò di incrociare Scioli fu Sebastián Galmarini, cognato di Sergio Massa, che si appellò a un messaggio pieno di ironia in cui parlava di “opportunisti, approfittatori, speculatori”.

“Questa è una grande notizia per la nostra comunità! Con fede e speranza, gli opportunisti, i profittatori, gli speculatori e gli estorsori sono gli avversari! Ma è per questo che sono stati eletti! Ahhh. No. Non so cosa dire. La fine, ” ha scritto ironicamente Galmarini sul social X.

La deputata Victoria Tolosa Paz è stata un’altra di quelle che hanno preso di mira Scioli all’inizio dell’anno: “Vediamo come alcuni uomini e donne nel nostro spazio politico partecipano alla gestione più orribile a causa dei danni che causeranno alla popolazione “, scrive X.

Ora si cerca di andare oltre le critiche con una richiesta di espulsione del PJ, alla quale si unirebbero i due senatori Kueider ed Espínola.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-