Un ministro di Kicillof ha affermato che la mortalità aumenterà a causa delle politiche di aggiustamento del governo

Un ministro di Kicillof ha affermato che la mortalità aumenterà a causa delle politiche di aggiustamento del governo
Un ministro di Kicillof ha affermato che la mortalità aumenterà a causa delle politiche di aggiustamento del governo

La ministra Silvina Batakis, responsabile delle politiche abitative nella provincia di Buenos Aires, ha avvertito che il tasso di mortalità nel paese aumenterà

Il Ministro dell’Habitat e dello Sviluppo Urbano della provincia di Buenos Aires, Silvina Batakisha sottolineato che “La mortalità in termini generali crescerà molto rispetto al 2023 e 2022″in seguito all’impatto del politiche di aggiustamento attuato dal governo di Javier Milei.

Batakis ha trascorso meno di un mese come ministro dell’Economia durante il governo del Alberto Fernández. In seguito divenne presidente della Banca nazionalefino a quando, nel dicembre dello scorso anno, è diventata funzionaria del governatore Axel Kicillof.

Secondo il ministro, la mancanza di accesso ai medicinali e al cibo è un problema serio dall’inizio dell’amministrazione de La Libertad Avanza (LLA). “Quando Se hai un adulto che inizia a prendere un medicinale a giorni alterni, aumenterà il tuo tasso di mortalità.“Quando ci sono malati di cancro che non possono accedere ai farmaci, la mortalità aumenta”, ha affermato in dichiarazioni a Canale 9.

“Ci sono pazienti diabetici che non possono più accedere ai farmaci che ricevevano prima e vediamo che la loro gamba deve essere amputata”.. “Questo è solo un esempio delle conseguenze delle politiche attuali”, ha aggiunto.

UN recente rapporto dell’UNICEF ha evidenziato una riduzione del 54% nel consumo di frutta e verdura e un aumento del 24% nel consumo di farina tra i bambini e gli adolescenti (NNyA). Secondo un sondaggio condotto dall’Organizzazione delle Nazioni Unite nel mese di maggio, il reddito del 48% delle famiglie argentine non è sufficiente a coprire le spese mensili correnti, con una differenza di 7 punti in più rispetto all’anno precedente, quando si attestava al 41%. 15 punti in più se il riferimento è al 2022, quando erano al 33%.

Batakis ha citato questi dati preoccupanti per sottolineare che il deterioramento economico, che riduce l’acquisto di alimenti di qualità, “colpisce quella popolazione, ma anche il futuro di tutti gli argentini, perché quei bambini e adolescenti che oggi non ricevono nutrienti sufficienti avranno difficoltà a acquisire conoscenza.”

Secondo il rapporto dell’Unicef, Il 76% degli intervistati ha dichiarato di mangiare meno carne (nel 2023 il 64% aveva risposto affermativamente); latticini (57% nel periodo di rilevazione, mentre lo scorso anno era al 44%) e frutta e verdura (Il 58% dichiara di consumare meno, rispetto al 44% dello scorso anno). Ciò significa – secondo l’UNICEF Argentina – che circa 10 milioni di ragazze e ragazzi mangiano meno di questi alimenti nutrienti.

Il capo del Ministero dell’Habitat di Buenos Aires ha anche avvertito che questo deterioramento produce “una fortissima esclusione dal sistema educativo ciò sta accadendo attraverso la perdita di qualità del cibo”.

“Quando hai un adulto che inizia a prendere un medicinale a giorni alterni, il tuo tasso di mortalità aumenterà”, ha illustrato Batakis.

“Molti ragazzi lo sono saltare un pasto al giorno e questo non riguarda solo loro direttamentema viola lo sviluppo dell’intera società argentinaha commentato Batakis.

Le critiche di Batakis non si sono limitate al settore della salute e del cibo. Ha anche collegato la precarietà economica con l’aumento della criminalità, soprattutto quella legata al traffico di droga. “Quando smetti di guadagnare o non ne hai abbastanza entro la fine del mese, lo spaccio di droga è la cosa più semplice da fare per poter portare del cibo a casa. Oggi queste denunce sono aumentate dell’80%», ha dichiarato il responsabile delle politiche abitative.

In risposta a una domanda sul se “statisticamente moriranno più persone nella provincia” da Buenos Aires, Batakis si è espressa con forza nel confermare che “è convinta” che il tasso di mortalità aumenterà.

Il tasso di mortalità è andato diminuendo negli ultimi decenni in tutto il mondo. In Argentina, secondo l’Osservatorio del Debito Sociale Argentino dell’Università Cattolica Argentina (ODSA-UCA), Il tasso di mortalità infantile (IMR) nei bambini di età inferiore a un anno ha continuato ad evolversi in modo molto positivo tra il 2005 e il 2022.passando dal 13,3 per mille nati vivi all’8,4, ma tale indicatore è rimasto stagnante dal 2018 ad oggi.

Questa evoluzione non è la stessa in tutte le province. I divari di disuguaglianza sociale sono persistenti, a seconda del grado di sviluppo economico territoriale. A Formosa, nel 2022, un IMR nei bambini di età inferiore a 1 anno era di 15,1 per 1.000 nati vivi, mentre nella Terra del Fuoco era di 3,9.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-