Julian Assange, fondatore di Wikileaks, raggiunge un accordo con gli Stati Uniti per la sua liberazione | Internazionale

Julian Assange, fondatore di Wikileaks, raggiunge un accordo con gli Stati Uniti per la sua liberazione | Internazionale
Julian Assange, fondatore di Wikileaks, raggiunge un accordo con gli Stati Uniti per la sua liberazione | Internazionale

Il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, ha deciso di dichiararsi colpevole nell’ambito di un accordo con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti che gli consentirà di essere rilasciato e di tornare nella sua nativa Australia dopo aver trascorso cinque anni in una prigione britannica. Assange, 52 anni, si dichiara colpevole di aver violato l’Espionage Act per il suo ruolo nell’ottenimento e nella pubblicazione di documenti militari e diplomatici riservati nel 2010, secondo i documenti del tribunale. Con questo accordo, che dovrà essere ratificato questo mercoledì, si conclude una lunga telenovela giuridica. “Julian Assange è libero”, ha twittato Wikileaks.

Un documento depositato presso il tribunale della remota Saipan, capitale delle Isole Marianne Settentrionali, nell’Oceano Pacifico, già datato martedì 25 giugno, sostiene che Assange “ha cospirato consapevolmente e illegalmente” per “ricevere e ottenere documenti relativi alla difesa nazionale” e “comunicare” tali informazioni a persone che non avevano il diritto di riceverle”. Una lettera del Dipartimento di Giustizia registrata presso lo stesso tribunale recita: “Prevediamo che l’imputato si dichiarerà colpevole (…) di aver cospirato per ottenere e diffondere illegalmente informazioni riservate relative alla difesa nazionale degli Stati Uniti (… ) e “Sarà condannato dalla Corte per quel reato.”

La stessa lettera precisa che Assange comparirà questo mercoledì alle 9:00 ora locale (l’1:00 di notte nella Spagna continentale), davanti al giudice Ramona Villagómez Manglona, ​​che si è occupata frettolosamente del caso. Secondo il Dipartimento di Giustizia, l’imputato ha rifiutato di comparire davanti a un tribunale degli Stati Uniti continentali. Queste isole sono più vicine all’Australia, dove le autorità statunitensi si aspettano che Assange si rechi dopo il suo rilascio, secondo i documenti del tribunale.

Il crimine per il quale Assange si dichiara colpevole prevede una pena massima di 10 anni di carcere, ma si prevede che l’imputato comparirà davanti a quel tribunale e sarà condannato a cinque anni, che si completerebbero con il tempo trascorso nella prigione britannica, il che significa che sarebbe stato rilasciato.

Prima di questo accordo, il governo degli Stati Uniti aveva accusato Assange di 17 crimini contro l’Espionage Act e di uno per interferenza informatica. L’editore australiano rischiava una pena massima di 170 anni di carcere, principalmente per la fuga di oltre 250.000 documenti riservati del Dipartimento di Stato americano nel novembre 2010. EL PAÍS è stato uno dei media che ha partecipato a questo sforzo di pubblicazione concertata di questi documenti .

Cinque anni di carcere

Unisciti a EL PAÍS per seguire tutte le notizie e leggere senza limiti.

sottoscrivi

Assange si è rifugiato nell’ambasciata ecuadoriana a Londra nel 2012 e gli è stato concesso asilo politico dopo che i tribunali inglesi hanno stabilito che avrebbe dovuto essere estradato in Svezia come parte di un’indagine per stupro nel paese scandinavo. Durante la sua permanenza in ambasciata ha avuto due figli da Stella Assange, sua attuale sposa. È stato arrestato dalla polizia britannica nell’aprile 2019 dopo che il governo dell’Ecuador aveva revocato il suo status di asilo. La Svezia ha finito per ritirare le indagini sui crimini sessuali, ma ha trascorso cinque anni nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh, a sud-est di Londra, lottando contro l’estradizione negli Stati Uniti. Questo lunedì è uscito di prigione e ha iniziato il viaggio verso le Isole Marianne.

“Julian Assange è libero. Ha lasciato il carcere di massima sicurezza di Belmarsh la mattina del 24 giugno, dopo avervi trascorso 1.901 giorni. Gli è stata concessa la libertà su cauzione dall’Alta Corte di Londra ed è stato rilasciato dall’aeroporto di Stansted nel pomeriggio, dove si è imbarcato su un aereo ed è partito dal Regno Unito”, ha twittato Wikileaks. “Dopo più di cinque anni in una cella di 2 metri per 3, isolato 23 ore al giorno, presto si riunirà alla moglie Stella Assange e ai suoi figli, che hanno conosciuto solo il padre dietro le sbarre”, ha aggiunto l’organizzazione. ha indicato che Assange è salito su un aereo all’aeroporto di Stansted e ha rilasciato le immagini del momento in cui è salito.

Il processo di estradizione era fermo, in attesa dell’appello di Assange. I giudici dell’Alta Corte di Londra hanno considerato insufficienti le assicurazioni di Washington secondo cui il cofondatore di Wikileaks avrebbe ricevuto un processo equo se inviato negli Stati Uniti. Il mese scorso, Assange ha ottenuto il diritto di ricorrere in appello contro l’ordine di estradizione dopo che i suoi avvocati avevano sostenuto che il governo degli Stati Uniti aveva fornito garanzie “manifestamente inadeguate” sul fatto che l’imputato avrebbe goduto delle stesse protezioni per la libertà di espressione di un cittadino statunitense se fosse stato estradato dalla Gran Bretagna. .

Assange sosteneva che la pubblicazione dei documenti riservati era una questione di interesse pubblico e che era protetto dal Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, che tutela la libertà di espressione. “Wikileaks ha pubblicato storie rivoluzionarie sulla corruzione del governo e sulle violazioni dei diritti umani, ritenendo i potenti responsabili delle loro azioni. Come direttore, Julian ha pagato molto per questi principi e per il diritto delle persone a sapere”, ha indicato Wikileaks questo lunedì. Washington, tuttavia, sostiene che la fuga di notizie mette in pericolo le fonti, i cittadini e la sicurezza nazionale con documenti che danneggiano gli Stati Uniti e i suoi alleati e aiutano i suoi avversari.

Manning condannato

L’accusa del Dipartimento di Giustizia del 2019 accusava Assange di aver incoraggiato e aiutato l’analista dell’intelligence dell’esercito americano Chelsea Manning a rubare dispacci diplomatici e file militari pubblicati da Wikileaks nel 2010. Manning è stato condannato a 35 anni di prigione dopo essere stato riconosciuto colpevole di aver violato la legge sullo spionaggio e altri crimini per aver fatto trapelare i documenti riservati a WikiLeaks. Il presidente Barack Obama ha commutato la sua condanna nel 2017, consentendone il rilascio dopo circa sette anni dietro le sbarre.

Mentre l’amministrazione Obama si è fermata prima di sporgere denuncia contro Assange, il procuratore generale Jeff Sessions, nominato da Donald Trump, ha fatto dell’estradizione dell’australiano una priorità. Questo nonostante il fatto che Wikileaks abbia pubblicato nel 2016 email democratiche compromettenti che secondo i pubblici ministeri sono state rubate da agenti dell’intelligence russa. Non è mai stato accusato nelle indagini sulla Russia del procuratore speciale Robert Mueller, ma l’indagine ha rivelato il ruolo svolto dall’operazione di hacking nell’interferire nelle elezioni di quell’anno per conto dell’allora candidato repubblicano Donald Trump.

L’accusa contro Assange è stata criticata dai suoi sostenitori e dai difensori della libertà di stampa. I pubblici ministeri federali hanno sostenuto che la sua condotta andava ben oltre quella di un giornalista che raccoglie informazioni e equivaleva a un tentativo di sollecitare, rubare e pubblicare indiscriminatamente documenti riservati.

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha riconosciuto lo scorso aprile che gli Stati Uniti stavano valutando la possibilità di accettare la richiesta dell’Australia di porre fine al processo legale contro Julian Assange. A febbraio il primo ministro australiano Anthony Albanese ha sostenuto una mozione nella camera bassa del suo paese che chiedeva il ritorno di Assange.

Wikileaks attribuisce il risultato finale a una campagna globale che ha coinvolto organizzatori di base, sostenitori della libertà di stampa, legislatori e leader di tutto lo spettro politico, fino alle Nazioni Unite. “Ciò ha creato le condizioni per un lungo periodo di negoziati con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, che ha portato ad un accordo che non è stato ancora formalmente chiuso”, indica. “La libertà di Julian è la nostra libertà”, conclude.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-