Petro e ELN: cosa emerge al tavolo di dialogo dopo l’annuncio della ripresa dei sequestri | Luis Manuel Diaz

Petro e ELN: cosa emerge al tavolo di dialogo dopo l’annuncio della ripresa dei sequestri | Luis Manuel Diaz
Petro e ELN: cosa emerge al tavolo di dialogo dopo l’annuncio della ripresa dei sequestri | Luis Manuel Diaz

I capidelegazione Pablo Beltrán (per l’ELN) e Vera Grabe (per il Governo nazionale).

Foto: Lo spettatore

Una crisi nel mezzo di un’altra crisi. Questo è lo scenario in cui si trova attualmente il processo di pace con la guerriglia dell’Esercito di Liberazione Nazionale (ELN). Senza aver superato la tensione dovuta ai dialoghi paralleli del Governo con il fronte dell’ELN a Nariño – che hanno congelato il tavolo delle trattative da febbraio – la Direzione Nazionale di quella guerriglia ha annunciato lunedì che porrà fine alla promessa di fermare i sequestri, sostenendo che l’Esecutivo non ha rispettato i suoi impegni riguardo all’implementazione di un fondo multidonatori per il processo di pace.

L’annuncio dell’ELN ha rafforzato le critiche secondo cui il processo di dialogo viene ritardato e ha rafforzato la sfiducia dei cittadini nei confronti di questo tavolo negoziale. Nonostante il tavolo sia stato istituito un anno e mezzo fa e siano stati raggiunti 26 accordi, non si sono ancora raggiunti risultati concreti né si sono concluse discussioni sostanziali, come la fine del conflitto o la smobilitazione.

“Dobbiamo comprendere la decisione dell’ELN di ritornare ai sequestri come parte di una cattiva strategia del governo, che non ha tracciato linee rosse fin dall’inizio e in cui l’Esecutivo ha utilizzato il continuo cedimento alle richieste dell’ELN come meccanismo per un rapido progresso nei negoziati, ” afferma Luis Fernando Trejos, ricercatore in questioni di conflitto e professore all’Università del Norte.

“Questo tipo di pressione è fuori luogo”

Il disagio per questo annuncio, infatti, è stato espresso anche dalla delegazione del Governo nazionale presente al tavolo dei colloqui di pace.

“Il fondo multidonatori non è stato in alcun modo creato come risarcimento per la sospensione del sequestro o per l’interruzione di altre azioni specifiche previste dal cessate il fuoco (…) Si tratta di un evidente inadempimento nei confronti del Paese e della comunità internazionale”, ha affermato il senatore Ivan Cepeda in una conferenza stampa. che fa parte della delegazione esecutiva.

Oltretutto: Di fronte alla crisi, i negoziatori dell’ELN chiedono a Petro di definire se il dialogo continuerà a Nariño

Per ora è noto che i negoziatori di Petro si riuniranno al tavolo per studiare questo annuncio e prendere decisioni.

Uno dei dubbi è se il ritorno ai sequestri sia una misura dell’ELN per fare pressione sul governo affinché ceda alla sua richiesta di porre fine ai dialoghi con il Fronte Comunitario del Sud a Nariño. Colombia+20 ha chiesto informazioni al capo della delegazione del governo, Vera Grabe, che ha rifiutato con fermezza qualsiasi tipo di ricatto.

“L’ELN deve prendere una decisione riguardo al processo di pace. È fuori luogo esercitare questo tipo di pressione. Qui è in gioco qualcosa di più grande, è in gioco la partecipazione, una questione su cui ha scommesso la delegazione dell’ELN. È una pressione inutile.”ha detto Grabe, sottolineando anche che l’Esecutivo è ancora in attesa della riunione prevista per la fine di questo mese, nella quale, secondo i piani, sarà firmato l’accordo per la partecipazione della società al processo di pace, un passo fondamentale per accelerare la negoziazione.

Leggere: L’“offensiva totale” del Petro contro l’EMC allontana ulteriormente i fronti “Mordisco” dal processo di pace

Il ritorno ai sequestri potrebbe indurre il Governo ad alzarsi dal tavolo?

L’annuncio dell’ELN solleva ancora una volta la questione della solidità della posizione del governo nei dialoghi. I negoziatori sono stati criticati da diversi settori per aver ceduto alle richieste della guerriglia. Tuttavia, la questione del rapimento è stata un punto d’onore nei dialoghi.

Non dobbiamo dimenticare che la prima grande crisi di questo processo è stata innescata dalla rapimento, nell’ottobre 2023, di Manuel Díaz, padre del calciatore del Liverpool e della nazionale colombiana Luis Díaz. Dopo la sua liberazione, il governo ha chiesto categoricamente all’ELN di abbandonare questo crimine, richiesta che si è concretizzata in febbraio, al termine del sesto ciclo di colloqui.

Leggere: Dopo una dura discussione, l’ELN sospende i sequestri per scopi economici

Infatti, nel comunicato con cui la delegazione ha risposto alla guerriglia si mantiene questa posizione. “È sempre stato chiarito all’ELN che il commercio di esseri umani non ha alcun tipo di giustificazione e la sua eliminazione non è oggetto di alcuna transazione da parte dello Stato colombiano. Ci auguriamo che l’ELN mantenga l’impegno preso nei confronti della società colombiana e della comunità internazionale e metta fine a qualsiasi forma di rapimento”, si legge nel documento.

Resta però aperta la questione se la posizione dell’Esecutivo verrà mantenuta al punto da condizionare la sua continuità al tavolo di dialogo sulla guerriglia mantenendo l’impegno a non sequestrare.

Lo stesso senatore Cepeda in conferenza stampa ha sottolineato che il prossimo passo non è ancora stato definito, ma ha annunciato che il metodo della delegazione al tavolo “non è quello di porre ultimatum, perché così la popolazione non è tutelata e non è si fanno progressi”.

In altre notizie: Falsi positivi: ritrovano l’unico figlio di madri di Soacha che risultava ancora disperso

Un’altra questione su cui dovranno discutere i negoziatori di entrambe le parti riguarda la gestione delle comunicazioni.

Per il professor Trejos, i recenti annunci mostrano “una crisi nella comunicazione del negoziato, poiché l’ELN non gestisce questa situazione attraverso i canali del tavolo ma la rende pubblica, e si verifica un cortocircuito”. L’esperto aggiunge che “sembra che i partiti facciano appello più al sostegno o alle simpatie della società civile che alla ricerca del consenso all’interno del tavolo, soprattutto quando al tavolo si verificano frequenti crisi”.

I prossimi giorni saranno cruciali perché le delegazioni stabiliscano le loro posizioni e definiscano quale sarà il futuro del negoziato. Da parte del governo si attende una decisione non solo sulla questione del rapimento, ma anche sulla continuità dei dialoghi a Nariño.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Martín Guzmán ha rivelato che fa politica per governare l’Argentina
NEXT dal percepirsi come il miglior peso massimo della storia all’essere una macchina da guadagno milionaria