Formare medici innovativi, obiettivo della UQ Medicine Entrepreneurship Fair –

Autrice: Laura María Espinosa Estrada

Già da questa prima fiera stiamo pensando agli aspetti da migliorare per continuare ad avere questo spazio come fiore all’occhiello all’interno della facoltà.

È stata evidenziata l’importanza del lavoro clinico e il valore aggiunto che comporta la gestione dei propri progetti e delle iniziative con potenzialità di business.

Guidati dalla necessità di identificare ed evidenziare lo spirito imprenditoriale sia degli studenti, dei laureati che dei docenti del corso di Medicina, la Facoltà di Scienze della Salute, attraverso la prima Fiera dell’imprenditorialità medica, che si è tenuta ieri nel blocco corrispondente dalle 8.00 alle 12.00, ha promosso più di 23 proposte commerciali di già professionisti e futuri medici con l’obiettivo di unire e mettere in risalto non solo le loro conoscenze cliniche, ma anche la loro capacità di intraprendere e rendere la pratica medica una visione globale.

Rodrigo Ocampo Mejía, direttore medico del programma di medicina dell’Università di Quindío, ha sottolineato: “Quando eseguiamo i processi di autovalutazione per l’accreditamento, esaminiamo una serie di fattori che la CNA, il Ministero dell’Istruzione, esamina per poterli valutare fatelo e si scopre che per noi il profilo del laureato è che il medico sia un imprenditore. Quindi, per dimostrare ai colleghi, abbiamo detto “vogliamo andare oltre”, quindi abbiamo pianificato un primo spazio che fosse una discussione sull’imprenditorialità guidata dagli studenti stessi, su cosa sia l’imprenditorialità e ci siamo rivolti all’ufficio innovazione dell’università, quello che ci ha dato tutti gli elementi per approvare idee e quindi progetti. Quando abbiamo iniziato a lavorare sull’interdisciplinarietà con l’ufficio innovazione, attraverso l’advisor a noi delegato, ci siamo resi conto che abbiamo un numero di studenti con aziende di diversa tipologia, ma molto poco conosciute.”

L’impegno per l’innovazione, l’imprenditorialità come competenza e l’interdisciplinarietà sono diventati una sfida e un pilastro per rendere questo spazio accademico una finestra non solo accademica ma reale che li coinvolga direttamente con il campo che presto dovranno affrontare.

Lorena Rodríguez Nieto, nutrizionista, insegnante e organizzatrice della fiera, ha espresso: “Con questa mentalità di apprendimento e di essere imprenditori, ci siamo trasformati questo semestre in diverse azioni affinché gli studenti si considerino imprenditori in medicina”.

Leggi: Con la matematica applicata i ricercatori migliorano i processi di essiccazione del caffè

Questo è stato lo spazio appropriato per rendere visibile la diversità delle iniziative che esistono all’interno della comunità universitaria, evidenziando così, all’interno della fiera, il potenziale degli imprenditori e dei futuri medici, i progetti legati all’arte, alla musica, ai diversi servizi specializzati specifici dell’area sanitaria e quei progetti che destinano parte del proprio reddito al sostegno delle madri capofamiglia, il che dimostra l’ampiezza delle opzioni imprenditoriali che esistono anche nel campo della salute.

“I partecipanti sono stati circa 80, così come l’evento ha avuto tra i 40 e i 50 organizzatori, un gruppo che formava una base di accreditamento e quest’anno si è rafforzato, si tratta di studenti per i quali viene redatto il bando a livello generale e loro su loro iniziativa decidono di partecipare”, ha detto Rodríguez Nieto.

La curatela di questo evento ha obbedito al senso di essere un’impresa medica, ma comprendendo che l’impresa può essere o meno propria, ad alcuni enti pubblici e privati ​​è stata data l’opportunità di offrire i propri servizi in questa vetrina aziendale. “Un esempio di ciò è che i medici indipendenti hanno partecipato vendendo i loro servizi”, ha detto il nutrizionista.

L’impatto ricercato con questi impegni incorniciati all’interno dell’Accademia è che tutti gli studenti della facoltà sentano che essere un medico globale uniquindiano porta il sigillo di un imprenditore.

“Potenziamo questi spazi offrendo l’Innovation Office. In questo momento siamo alleati con loro. Questo ufficio gestisce l’imprenditorialità all’interno delle sue tre linee, offrendo diplomi, consulenza e orientamento dal momento in cui nasce l’idea fino al momento in cui viene immessa sul mercato. Rendiamo consapevoli gli studenti degli strumenti che l’università fornisce attraverso questo ufficio, ma l’idea è che ognuno si assuma la responsabilità del proprio progetto. Vogliamo anche includere alcuni argomenti nel programma accademico per promuovere ulteriormente l’imprenditorialità tra gli studenti. Adesso promuoviamo gli studenti imprenditoriali, grazie al fatto che abbiamo iniziato ad esplorare e ne abbiamo trovati tanti, così possiamo aiutarli con questa grande iniziativa”, ha concluso.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV le chiavi per ottimizzare la dieta e l’esercizio fisico
NEXT Queste sono le proprietà, i benefici e l’effetto sui reni di questa bevanda naturale