I tesori di Ayrton Senna venuti alla luce: il suo primo kart, trofei, tuffatori e perfino una barca dal nome davvero speciale

I tesori di Ayrton Senna venuti alla luce: il suo primo kart, trofei, tuffatori e perfino una barca dal nome davvero speciale
I tesori di Ayrton Senna venuti alla luce: il suo primo kart, trofei, tuffatori e perfino una barca dal nome davvero speciale

I premi che Ayrton Senna ha ricevuto per i suoi tre titoli mondiali di Formula 1

Ayrton Senna È stato uno dei migliori piloti della storia e ha saputo sfruttare il suo talento grazie ad una vettura competitiva. Il ricordato brasiliano, che 30 anni fa perse la vita nell’incidente mortale di Imola, seppe capitalizzare i risultati dagli esordi nei kart fino alle monoposto della Formula 1, dove divenne campione del mondo nel 1988, 1990 e 1991 .

Nell’omaggio resogli in Autodromo José Carlos Pace Di Interlagos Nella natia San Paolo, è stata annunciata la presenza di una mostra di oggetti personali che la sua famiglia ha conservato gelosamente fino a questo mercoledì, primo maggio, ed esposti in una galleria allestita nei box del circuito di San Paolo. Infobae Ha potuto vederli tutti in dettaglio.

Alcuni di questi gioielli si trovano nell’edificio dove ha sede la fondazione che porta il nome del ricordato tre volte campione del mondo e che si occupa di aiutare i bambini nell’istruzione scolastica. Questo è un vecchio desiderio che Ayrton ha sempre avuto con l’obiettivo di assistere chi più ne ha bisogno nel suo Paese.

La fondazione è gestita dalla sorella di Ayrton, Viviane, che solitamente ha un profilo basso come la sua famiglia. Anche se può essere difficile da credere, Senna non ha un museo ufficiale in Brasile perché la sua famiglia preferisce conservare i ricordi dell’idolo e raramente mostra qualcosa in pubblico.

Il primo kart che Ayrton Senna ha guidato nella sua vita. Aveva 4 anni

Anche se in questa occasione ci è voluto più di 50 oggetti della stella ricordata e tutti sono mantenuti in condizioni impeccabili. Tra loro si potevano vedere i tuffatori anti-fiamma del loro tempo McLaren E Loto (uno nero e uno giallo), una maschera per la stessa protezione e una decina di elmetti, tra cui il primo utilizzato karting anche uno degli ultimi in cui ha usato Williams.

Anche trofei come il suo prima vittoria in F1 cosa c’era dentro Estoril, Portogallo, nel 1985, sotto un acquazzone. Quelli di Brasile 1991 e 1993, che erano molto speciali per aver vinto contro il loro popolo. Quello di Monaco 1992quando ha dovuto sopportare fino alla fine una situazione insolubile Nigel Mansell con la sua Williams. E quello di Suzuka 1993, la sua penultima vittoria in F1. C’è stato spazio anche per i suoi tre mondiali. A quel tempo non veniva assegnata una coppa e il premio consisteva in un trofeo rotondo con dettagli in stile targa.

La sua tappa nelle categorie promozionali ha avuto il suo spazio ed i suoi caschi da FormulaFordIL Formula 3 britannica e lo scettro che gli fu donato per essersi consacrato in quest’ultimo, ovvero una targa con l’allora sponsor principale della categoria, che era una rinomata marca di tabacchi.

Andando più indietro nella sua storia, c’era il trofeo per il Campionato brasiliano di kart Di 1977 e quello ottenuto nel Campionato Panamericano di Kart In 1982. Sebbene i grandi gioielli dei suoi inizi fossero il primo kart a cui è entrato quando aveva 4 anni e il casco che indossò nella sua prima competizione, che prevedeva il tradizionale colore giallo.

Tour di una serie di caschi che Ayrton Senna utilizzò in parte della sua campagna

Un altro gioiello era la barca Ayrton chiamata “Pole posizioni”, nome legato al brasiliano, che all’epoca era il re delle classifiche con i suoi 65 migliori record storicimarchialo di recente ha battuto Michael Schumacher nel 2006. Su quella barca che lui stesso guidava si godeva le estati nella casa di famiglia ad Angra dos Reis. Sua nipote era presente all’evento, Lalalli Sennachi ha detto Infobae che suo zio si divertiva come tutti gli altri ragazzi ed era molto felice ogni volta che tornava nel suo paese, dove ricaricava le batterie per la stagione successiva.

Ciascuno dei tesori esposti serve come testimonianza della campagna della stella brasiliana ed è un tour storico di ciascuna delle sue tappe. Dai suoi inizi nel kart fino ai vertici del motorsport.

Vista la quantità e la qualità delle gemme che la mostra offriva, i visitatori rimasero stupiti e ci furono lunghe file per scattare foto con uno dei subacquei e quello prescelto fu il rosso iconico del suo tempo. McLaren.

Questo mercoledì ha segnato 30 anni dalla morte di Ayrton Senna, che in un decennio in F1, oltre alle sue tre corone, ha aggiunto 41 vittorie in 161 Gran Premi, 65 pole position, 80 podi e 19 record sul giro. Per ricordarlo, a Interlagos si è tenuta la 19ª edizione del suo omaggio, dove ha vinto due volte il Máxima e i brasiliani continuano a venerarlo.

I TESORI DI SENNA:

Dal Karting Pan American del 1982

Da Monaco 1992
Da Monaco 1992
Dal Brasile 1993, seconda vittoria in casa
Dal Brasile 1993, seconda vittoria in casa
Il leggendario tuffatore rosso antifiamma dei suoi tempi alla McLaren
Il leggendario tuffatore rosso antifiamma dei suoi tempi alla McLaren
La targa per la sua corona britannica di Formula 3 nel 1983
La targa per la sua corona britannica di Formula 3 nel 1983
La barca chiamò
La barca chiamata “Pole Position”
La Suzuka del 1993, la sua penultima vittoria in F1
La Suzuka del 1993, la sua penultima vittoria in F1
Il tuffatore della Lotus gialla nel 1987
Il tuffatore della Lotus gialla nel 1987
Uno dei loro classici berretti blu
Uno dei loro classici berretti blu
Quello del Brasile 1991, il suo battesimo vincente locale
Quello del Brasile 1991, il suo battesimo vincente locale
Una cappa ignifuga
Una cappa ignifuga
Il tuo primo casco da kart
Il tuo primo casco da kart
Quello del Campionato Brasiliano del 1977
Quello del Campionato Brasiliano del 1977
Il subacqueo del Loto Nero
Il subacqueo del Loto Nero
Quella di una vittoria nella Formula Ford 2000 in Austria, nel 1982
Quella di una vittoria nella Formula Ford 2000 in Austria, nel 1982
Quella della sua prima vittoria in F1, in Portogallo 1985
Quella della sua prima vittoria in F1, in Portogallo 1985
Cinque caschi di McLaren, Lotus e Williams
Cinque caschi di McLaren, Lotus e Williams
Il casco della Formula Ford 2000
Il casco della Formula Ford 2000
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Né Kun Agüero, né Maradona, né Apolonio: un’indagine ha scoperto chi è stato il calciatore più giovane ad esordire nel calcio argentino
NEXT Il Nacional cerca Campuzano, ma il Boca mette le condizioni