Chi è Lorenzo Somaschini, il ragazzo argentino che fa il motociclista e ha avuto un incidente in Brasile

Chi è Lorenzo Somaschini, il ragazzo argentino che fa il motociclista e ha avuto un incidente in Brasile
Chi è Lorenzo Somaschini, il ragazzo argentino che fa il motociclista e ha avuto un incidente in Brasile

Ascoltare

Nei giorni scorsi è stato annunciato che è nato un bambino motociclista rosarino ha subito a grave incidente. Riguarda Lorenzo Somaschiniche si stava allenando per una gara in Brasile. Cosa è successo e cosa si sa delle sue condizioni.

Lorenzo Somaschini, il pilota di 9 anni caduto in Brasile.instagram

Lorenzo Somaschinisoprannominato anche “Lolo“, è un bambino di 9 anni nato il 17 luglio 2014 nella città di Rosario, Santa Fe. Fin da piccolo ha mostrato interesse per le motociclette e quest’anno ha debuttato nelle competizioni ufficiali. Ad aprile ha iniziato la sua carriera presso Coppa Argentina Juniores Superbike e così ha potuto scalare le competizioni internazionali. Secondo quanto raccontato dal giovane al giornale qualche mese fa La capitale, Il suo obiettivo principale è “arrivare in MotoGP”ecco come funziona il Campionato Mondiale di Motociclismo, la più grande competizione mondiale in questa disciplina.

Lo scorso venerdì Lolo era in una delle sessioni di allenamento per la quarta tappa della Honda Junior 160 Superbike Cup all’ippodromo di Interlagos dalla città di San Paolo, Brasile. Era il suo debutto nelle gare internazionali in uno dei più grandi campionati motociclistici del continente. La categoria in cui l’argentino ha partecipato alla Honda Junior Cup riunisce piloti dagli 8 ai 16 anni. Le motociclette utilizzate sono 160 cc adattate e preparate per la competizione, con pedali e manubrio adatti alla taglia di ogni bambino.

Fu in quel contesto che soffrì a gocciolare e ha dato un forte colpo alla testa. Secondo quanto riferito, l’incidente è avvenuto dopo a il lato superioreuna manovra in cui si verifica un eccesso di velocità dopo a curva Pinheirinho, che ha fatto perdere aderenza ai pneumatici e il bambino ha finito per scivolare. Da notare che questa curva in questione è molto particolare e rappresenta una sfida per tutti i piloti che la percorrono, trattandosi di un tornante a sinistra abbastanza stretto.

Appena avvenuto l’incidente, Lorenzo è stato prontamente soccorso sul posto dall’equipe medica e dall’ambulanza. È stato quindi trasferito e ricoverato d’urgenza al Unità di Terapia Intensiva (ICU) dell’Ospedale Generale di Pedreira, A sud della città. Lì le condizioni cliniche del pilota si sono stabilizzate ed è rimasto fino alle prime ore di sabato mattina. Poi è stato trasferito a Ospedale Albert Einsteindove è tuttora ricoverato.

Per il momento resta ricoverato con referto riservato. Domenica pomeriggio scorso è stato diffuso l’ultimo rapporto sanitario, in cui si indicava che Lolo “Resta in gravi condizioni, sotto osservazione e cure mediche intensive”. “Somaschini è sopravvissuto più di 48 ore dopo l’incidente e le sue condizioni di salute non sono peggiorate, rimanendo stabile e con parametri vitali controllati. “Siamo in attesa di notizie su una ripresa speranzosa”, precisa il documento.

Lo ha confermato anche la sua famiglia attraverso un comunicato dopo che hanno cominciato a circolare notizie false riguardo a presunta morte del giovane pilota. “Lorenzo Somaschini resta ricoverato in terapia intensiva all’ospedale Albert Einstein di San Paolo, in Brasile. Il giovane pilota di Rosario Ha trascorso la notte stabilizzato e in attesa di un miglioramento della sua situazione dopo l’incidente subito venerdì scorso. Le informazioni sulla sua presunta morte sono emerse da pubblicazioni negli stati WhatsApp e sui social network, che hanno creato confusione a causa della difficile situazione vissuta da quanto accaduto. In attesa di ulteriori notizie, attendiamo sviluppi e notizie favorevoli”, hanno precisato.

LA NAZIONE

Conosci il progetto Trust
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Attivisti animalisti protestano a Pamplona alla vigilia di San Fermín contro la “crudeltà medievale” della corrida