Il dibattito sull’accessibilità dei college statunitensi dovrebbe concentrarsi sul costo netto, non sui prezzi adesivi

Il dibattito sull’accessibilità dei college statunitensi dovrebbe concentrarsi sul costo netto, non sui prezzi adesivi
Il dibattito sull’accessibilità dei college statunitensi dovrebbe concentrarsi sul costo netto, non sui prezzi adesivi

Il costo altissimo dell’istruzione universitaria negli Stati Uniti è tornato alla ribalta. La Vanderbilt University ha fatto notizia questo mese dopo che una lettera inviata a uno studente di ingegneria appena ammesso ha mostrato che il costo totale della frequenza sarebbe stato di $ 98.426 per l’anno scolastico 2024-25.

Il prezzo a sei cifre dà il via a un nuovo ciclo di dibattiti sul valore e sull’accessibilità economica dell’istruzione superiore negli Stati Uniti. Secondo i dati del Centro nazionale per la statistica dell’istruzione (NCES), il costo totale per frequentare un corso universitario quadriennale è quasi triplicato tra il 1980 e il 2020. Questo è adeguato all’inflazione. Scuole tra cui Wellesley, University of Southern California, Boston University e University of Pennsylvania vantano tutte costi di oltre 90.000 dollari per il prossimo anno accademico. Ciò si confronta con il reddito familiare medio degli Stati Uniti di $ 74.580,

Tuttavia, concentrarsi sul prezzo adesivo potrebbe non essere il modo migliore per comprendere la crisi dell’accessibilità economica. Per cominciare, i prezzi differiscono notevolmente tra le università private e pubbliche. I residenti nello stato di New York pagano circa 7.000 dollari all’anno per frequentare un’università pubblica statale, rispetto agli oltre 67.000 dollari all’anno della Columbia University.

In secondo luogo, il prezzo principale è una cifra di costo totale. Comprende tasse scolastiche, vitto e alloggio, tasse, libri, trasporto e altre spese. Solo una piccola percentuale di studenti paga effettivamente questo importo. Grazie agli aiuti finanziari, che possono includere borse di studio per merito, sovvenzioni e programmi di studio-lavoro, la maggior parte degli studenti paga molto meno.

Una volta presi in considerazione gli aiuti finanziari, i dati del College Board mostrano che il prezzo netto pagato dagli studenti negli istituti quadriennali senza scopo di lucro sia pubblici che privati ​​è in realtà inferiore per l’anno accademico 2023-24 rispetto al 2006-7. Alla Vanderbilt, nella maggior parte dei casi, gli studenti le cui famiglie hanno un reddito pari o inferiore a 150.000 dollari non pagano le tasse scolastiche.

Il prezzo netto non è affatto una metrica perfetta. Il prezzo netto che molti studenti a basso e medio reddito devono pagare è ancora troppo alto in molte università, soprattutto se paragonato ad alcuni paesi europei, dove le università sono gratuite o quasi gratuite per tutti.

Tuttavia, è un indicatore migliore di quanto costerebbe effettivamente un’istruzione universitaria a un potenziale studente. Trovare modi migliori per segnalare e monitorare i prezzi netti sarebbe un passo avanti verso la soluzione del problema dell’accessibilità economica. Un altro è chiedere maggiore trasparenza sul modo in cui le università calcolano i loro aiuti finanziari. Per affrontare la crisi del debito studentesco, alle scuole dovrebbe essere vietato di classificare i prestiti studenteschi federali come una forma di aiuto finanziario.

L’istruzione universitaria potrebbe non essere la strada giusta per tutti. Ma la decisione di procedere dovrebbe basarsi su informazioni accurate sui prezzi.

[email protected]

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Vince McMahon risponde alla denuncia per traffico sessuale di un ex dipendente della WWE
NEXT J&K | Il BJP protesta contro l’omicidio di un membro del partito e accusa l’amministratore di aver ignorato le richieste di sicurezza