I colloqui per il cessate il fuoco a Gaza si fermano al Cairo

I colloqui per il cessate il fuoco a Gaza si fermano al Cairo
I colloqui per il cessate il fuoco a Gaza si fermano al Cairo

DUBAI – I negoziatori si stavano concentrando sul Cairo in uno sforzo ad alto rischio per concludere un accordo di cessate il fuoco a Gaza e scongiurare un’offensiva israeliana contro Rafah, l’ultima roccaforte di Hamas.

DUBAI – I negoziatori si stavano concentrando sul Cairo in uno sforzo ad alto rischio per concludere un accordo di cessate il fuoco a Gaza e scongiurare un’offensiva israeliana contro Rafah, l’ultima roccaforte di Hamas.

Le delegazioni di Hamas e del Qatar sono arrivate in Egitto sabato, insieme al direttore della Central Intelligence Agency William Burns, arrivato il giorno prima, hanno detto i mediatori arabi. Venerdì il leader militare di Hamas a Gaza, Yahya Sinwar, è intervenuto per la prima volta tramite rappresentanti di Hamas sull’accordo proposto, affermando che si tratta dell’accordo più vicino fino ad ora alle richieste del gruppo ma sollevando una serie di riserve, hanno detto i mediatori arabi.

CIAO! Stai leggendo un articolo premium! Iscriviti ora per continuare a leggere.

Iscriviti ora

Già iscritto? Login

Vantaggi premium

  • 35+premio articoli ogni giorno

  • Particolarmente curato Newsletter ogni giorno

  • Accesso a 15+ edizione stampata articoli ogni giorno

  • Webinar riservato agli abbonati da giornalisti specializzati

  • E Carta, Archivi, seleziona Articoli del Wall Street Journal e dell’Economist

  • Accesso alle offerte speciali riservate agli abbonati: Infografica I Podcast

Sblocca oltre 35 ben studiati
articoli premium ogni giorno

Accesso ad approfondimenti globali con
Oltre 100 articoli esclusivi da
pubblicazioni internazionali

Ottieni l’accesso gratuito a
Oltre 3 app basate sugli investimenti

TRENDLYNE
Ottieni un piano GuruQ di un mese a Rs 1

FINOLOGIA
Abbonamento gratuito a Finology per 1 mese.

PICCOLO
Sconto del 20% su tutte le valigette

Newsletter per soli abbonati 5+
appositamente curati dagli esperti

Accesso gratuito a e-paper e
Aggiornamenti WhatsApp

Le delegazioni di Hamas e del Qatar sono arrivate in Egitto sabato, insieme al direttore della Central Intelligence Agency William Burns, arrivato il giorno prima, hanno detto i mediatori arabi. Venerdì il leader militare di Hamas a Gaza, Yahya Sinwar, è intervenuto per la prima volta tramite rappresentanti di Hamas sull’accordo proposto, affermando che si tratta dell’accordo più vicino fino ad ora alle richieste del gruppo ma sollevando una serie di riserve, hanno detto i mediatori arabi.

Si prevede che Hamas presenterà presto una controproposta, hanno detto i mediatori. L’accordo continua a essere vincolato alla richiesta di Hamas di un percorso verso la fine permanente dei combattimenti, mentre Israele insiste nel mantenere il diritto di continuare la sua campagna per distruggere militarmente il gruppo.

Il leader senior di Hamas Ghazi Hamad ha detto che il gruppo sta ancora valutando la proposta e valutando la sua risposta. Hamad ha rifiutato di commentare la risposta di Sinwar all’accordo proposto.

Hamas sta cercando garanzie internazionali affinché Israele avvii i negoziati su un percorso verso un periodo di calma sostenibile, hanno detto i mediatori arabi.

Israele non ha detto se invierà una delegazione ai colloqui. L’ufficio del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha rifiutato di commentare.

Gli Stati Uniti stanno esercitando forti pressioni su Israele e Hamas affinché interrompano un conflitto che, secondo i funzionari sanitari palestinesi, ha ucciso più di 34.000 persone a Gaza e si è riversato sulla politica interna americana, scatenando un’ondata di proteste nei campus universitari che stanno minacciando la fragile vita del presidente Biden. candidarsi per un secondo mandato.

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha visitato la regione la scorsa settimana, incontrando funzionari arabi e israeliani per promuovere un cessate il fuoco e un quadro per una più ampia risoluzione del conflitto scoppiato quando Hamas ha attaccato il sud di Israele, uccidendo circa 1.200 persone, per lo più civili. – e prendendo circa 240 ostaggi, secondo i funzionari israeliani.

Israele ha detto ai mediatori che andrà avanti con un’operazione pianificata a Rafah se un accordo non verrà raggiunto presto, hanno detto funzionari egiziani. Blinken ha detto venerdì che gli Stati Uniti non avrebbero sostenuto un’operazione militare su vasta scala a Rafah e ha accusato Hamas di aver ritardato l’accordo.

“La realtà in questo momento è che l’unica cosa che si frappone tra il popolo di Gaza e un cessate il fuoco è Hamas”, ha detto Blinken in Arizona venerdì. “Accettare il cessate il fuoco dovrebbe essere un gioco da ragazzi”.

Blinken ha definito l’ultima proposta egiziana un accordo generoso per Hamas, un gruppo terroristico designato dagli Stati Uniti.

Netanyahu deve inoltre affrontare pressioni politiche che restringono la strada verso un accordo. Il primo ministro si trova ad affrontare un basso indice di gradimento interno e fa affidamento sui membri intransigenti della coalizione che hanno minacciato di fare a pezzi il suo governo se avesse fermato la guerra prima di sradicare completamente Hamas. Netanyahu ha affermato che Israele invierà forze di terra a Rafah indipendentemente dalla firma di un accordo, definendo l’operazione fondamentale per distruggere le capacità militari di Hamas.

L’ultima proposta prevede una graduale riduzione delle tensioni accompagnata dallo scambio degli ostaggi detenuti a Gaza con prigionieri palestinesi detenuti da Israele. La fase iniziale prevede fino a 40 giorni di calma durante i quali Hamas rilascerà fino a 33 ostaggi israeliani e le parti avranno la possibilità di negoziare un cessate il fuoco a lungo termine. La fase successiva prevederebbe un cessate il fuoco di almeno sei settimane, durante le quali Israele e Hamas negozierebbero il rilascio di altri ostaggi e una pausa prolungata nei combattimenti che potrebbe durare fino a un anno.

Israele e Hamas hanno concordato una breve pausa nei combattimenti a novembre, durante la quale si sono scambiati gli ostaggi tenuti a Gaza e i prigionieri palestinesi. Diversi tentativi successivi di concludere un nuovo accordo sono falliti, poiché le parti sono rimaste separate su punti chiave, tra cui consentire ai civili sfollati di tornare nel nord di Gaza e impegnarsi su un percorso per porre fine alla guerra.

Israele e Hamas hanno sostanzialmente concordato i dettagli dello scambio di ostaggi e prigionieri previsto dalla proposta, hanno detto funzionari egiziani.

Israele afferma che le ultime formazioni combattenti intatte del gruppo si trovano a Rafah, l’unica grande città che Israele deve ancora invadere a Gaza. Funzionari egiziani hanno detto, tuttavia, che i funzionari israeliani stanno valutando in privato di rinviare indefinitamente l’invasione di Rafah se verrà raggiunto un accordo di cessate il fuoco a lungo termine.

Gli Stati Uniti hanno respinto i piani israeliani di invadere Rafah, temendo che ciò porterebbe più vittime civili e che un’operazione potrebbe esacerbare una già difficile crisi umanitaria nella Striscia di Gaza. Gli Stati Uniti credono che Israele possa raggiungere i suoi obiettivi senza una grande operazione a Rafah, e Blinken venerdì ha ribadito il punto di vista americano secondo cui i piani israeliani di evacuare i civili prima dei combattimenti sono attualmente insufficienti.

“In assenza di un piano del genere, non possiamo sostenere una grande operazione militare su Rafah, perché il danno che farebbe va oltre ciò che è accettabile”, ha detto Blinken.

Abeer Ayyoub ha contribuito a questo articolo.

Cattura tutte le notizie e gli aggiornamenti di politica su Live Mint. Scarica l’app Mint News per ricevere aggiornamenti giornalieri sul mercato e notizie commerciali in tempo reale.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Jaime Luis Castañeda Campillo è stato incoronato re del Festival Vallenato 2024
NEXT Sarà lui il rivale di Tabilo: Zverev, il tedesco che ha smesso di lavorare con Federer