Giornalisti iraniani processati per aver riportato la morte del manifestante

La procura di Teheran ha avviato un procedimento legale contro due giornalisti per aver riferito sulla morte della manifestante sedicenne Nika Shakarami.

Hadi Kasaeizadeh, redattore capo di Meydan-e Azadi Monthly, e Asal Dadashloo sono accusati di aver diffuso contenuti contro il regime.

Rapporto della BBC World ha recentemente rivelato l’esistenza di un documento “altamente confidenziale”, che suggerisce che la sedicenne Shakarami sia stata aggredita sessualmente e uccisa dalle forze di sicurezza iraniane durante la rivolta Donna, Vita, Libertà.

In risposta alle rivelazioni della BBC, la magistratura iraniana ha accusato numerosi giornalisti e attivisti dei media di diffuso l’informazioneaccusandoli di diffondere nel cyberspazio “contenuti falsi e offensivi contro il regime”.

Anche i giornalisti Marzieh Mahmoudi e Mohammad Parsi sono accusati di aver riferito della morte di Shakarami.

I giornalisti fanno parte di un gruppo più ampio di professionisti dei media presi di mira dal governo. Dalle proteste del 2022, almeno 79 giornalisti sono state arrestate, tra cui due donne che inizialmente avevano denunciato l’arresto e la morte di Mahsa Amini. I rapporti suggeriscono che il numero potrebbe arrivare fino a 100.

La morte di Shakarami, caratterizzata da ferite alla testa, ricorda l’omicidio del curdo-iraniano Mahsa Amini nel settembre 2022, che scatenò una rivolta a livello nazionale.

Arrestata dalla polizia morale per aver indossato in modo improprio l’hijab, la morte di Amini ha portato a una maggiore repressione da parte delle forze di sicurezza iraniane nel tentativo di reprimere il dissenso e i disordini, insieme all’inasprimento delle leggi sull’hijab mentre il paese continua a ribellarsi al codice di abbigliamento islamico dello stato.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La Bielorussia lancia le esercitazioni nucleari un giorno dopo l’annuncio della Russia, pensando all’Ucraina
NEXT Chi è Noelia Voigt? Miss USA 2023 spiega le difficili ragioni che l’hanno costretta a rinunciare al titolo