Dani Carvajal, l’eroe della 15esima Champions League del Real Madrid

Dani Carvajal, l’eroe della 15esima Champions League del Real Madrid
Dani Carvajal, l’eroe della 15esima Champions League del Real Madrid

Non puoi fare nulla contro la storia. La linea vincente del Real Madrid ha prevalso sul Borussia Dortmund. La squadra del merengue ha vinto la sua quindicesima Champions League con un eroe inaspettato come figura: Dani Carvajal.

Sono il ragazzo più felice del mondo. Sognavo di giocare qui e oggi realizzo un sogno“, ha detto il difensore presentandosi al club con la maglia numero ’15’, guarda caso, lo stesso numero di Coppe dei Campioni vinte dalla squadra spagnola a Wembley.

L’esterno ha portato la squadra ispanica alla vittoria con un brillante colpo di testa. Era l’inizio della festa di Madrid. Pochi minuti prima aveva avvertito con una mossa simile, di cui i tedeschi non avevano preso atto. La formula era la stessa: Toni Kroos corner e avanza sul primo palo del difensore.

È stato un legame tra due calciatori che hanno fatto la storia. Come Carvajal, il tedesco, che ha giocato la sua ultima partita con la Casa Bianca e la sua ultima partita con i club, ha vinto la sua sesta Champions League. La differenza è che il difensore ha vinto tutti gli scudi con la squadra che ama. Entrambi, insieme a Nacho e Modric, hanno eguagliato Paco Gento come i più grandi campioni della storia della Coppa dei Campioni. Senza dubbio, pura storia dello sport.

L’esterno, sempre con un ruolo secondario dedicato a svolgere il lavoro meno appariscente, ha anticipato la rilevanza del Real Madrid nella competizione continentale: “La Champions League significa molto per noi, per i nostri tifosi, per quello che è il club. Penso che imprimiamo una paura, un terrore nei nostri rivali quando suona questo tremendo inno. Non so cosa succede, non saprei spiegartelo, ma alla fine noi ci siamo sempre, gareggiamo. Ci sono momenti in cui non la vinciamo, ma siamo molto concentrati su cosa sia la Champions League e che indossare questa maglia e indossarla in una partita come questa ci trasformi tutti”, ha detto in anteprima.

Le sue lacrime al fischio finale riflettevano il suo atteggiamento e il suo sentimento per l’istituzione. Nel 2002, anno in cui il Real Madrid vinse la precedente finale tedesco-spagnola contro il Bayer Leverkusen, Carvajal è arrivato al settore giovanile del club quando aveva solo dieci anni.

All’epoca, la sua proiezione lo portò ad essere uno dei responsabili della posa della prima pietra del futuro Real Madrid City, insieme alla leggenda del merengue e allora presidente onorario Alfredo Di Stéfano.

Tuttavia, nonostante si sia distinto in tutte le categorie, non ha esordito e nel 2012 è stato ceduto al Leverkusen. Si trattava di cinque milioni di dollari, in un’operazione in cui la squadra spagnola si riservava un’opzione di riscatto per le tre stagioni successive.

Nello stesso anno è stato scelto nell’undici ideale della Bundesliga dalla prestigiosa media Bild. La sua prestazione lo ha fatto tornare nel 2013. Oggi ha già giocato più di 400 partite con una maglia con la quale ha vinto assolutamente tutto.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Erick Delgado sostiene che Diego Penny lo abbia chiamato per scusarsi: “Ne abbiamo parlato” | GLI SPORT
NEXT Dove guardare il calcio DAL VIVO in Messico – Fox Sports