Trump afferma falsamente che quasi tutti i nuovi posti di lavoro creati durante l’amministrazione Biden sono andati ai migranti

Trump afferma falsamente che quasi tutti i nuovi posti di lavoro creati durante l’amministrazione Biden sono andati ai migranti
Trump afferma falsamente che quasi tutti i nuovi posti di lavoro creati durante l’amministrazione Biden sono andati ai migranti

(CNN) — L’ex presidente Donald Trump, che ha promesso di effettuare deportazioni di massa se eletto per un secondo mandato a novembre, ha continuato la sua retorica piena di rabbia sull’immigrazione clandestina durante una manifestazione elettorale in Nevada all’inizio di giugno.

“Praticamente il 100% dei nuovi posti di lavoro sotto Biden sono andati anche a immigrati clandestini”, ha detto Trump.

La CNN verifica: L’affermazione di Trump secondo cui quasi tutti i nuovi posti di lavoro sotto Biden sono andati agli immigrati, indipendentemente dal fatto che siano autorizzati o meno a lavorare legalmente negli Stati Uniti, è falsa. Secondo il Bureau of Labor Statistics, il numero di lavoratori nati negli Stati Uniti è aumentato di circa il 3,5% tra maggio 2021, subito dopo l’insediamento di Biden, e il mese scorso, sebbene sia diminuito dello 0,2% nell’ultimo anno.

È vero che il numero di lavoratori nati all’estero è aumentato a un ritmo molto più rapido, del 20%, rispetto ai lavoratori nati in patria durante la presidenza di Biden, ma ciò non significa che i nati in patria non trovino lavoro.

Inoltre, molti economisti attribuiscono all’afflusso di lavoratori immigrati uno dei motivi principali per cui il mercato del lavoro statunitense è rimasto forte, e i tassi di disoccupazione sia per gli immigrati che per i lavoratori nati negli Stati Uniti rimangono bassi in termini storici.

Innanzitutto, due avvertenze: non sappiamo come Trump definisce gli immigrati clandestini, in particolare se includa persone che potrebbero essere entrate nel paese illegalmente ma che ora hanno un permesso di lavoro. Il Bureau of Labor Statistics raccoglie dati sui lavoratori nati all’estero, che definisce come persone nate al di fuori degli Stati Uniti e i cui genitori non sono cittadini statunitensi. La categoria comprende gli immigrati legalmente ammessi, compresi quelli naturalizzati, gli immigrati privi di documenti, i rifugiati e i residenti temporanei, come studenti e lavoratori temporanei, ma i dati non specificano i gruppi in cui le persone sono classificate.

Tornando all’affermazione: uno dei temi principali delle campagne presidenziali di Trump è stato che gli immigrati privi di documenti stanno distruggendo l’America.

OPINIONE | Cinque ragioni per cui gli immigrati non portano più criminalità, come sostiene Trump

Ecco cosa mostrano i dati del Bureau of Labor Statistics: circa 130,4 milioni di persone nate nel paese erano impiegate a maggio. Si tratta di un aumento di quasi 4,5 milioni da maggio 2021, poco dopo l’insediamento di Biden, anche se sono in calo di quasi 300.000 da maggio 2023. (I dati non sono destagionalizzati, quindi dobbiamo guardare lo stesso mese di ogni anno per un confronto accurato. In gennaio 2021, erano impiegate circa 123 milioni di persone nate nel Paese).

Circa 30,9 milioni di persone nate all’estero avevano un lavoro a maggio, 5,1 milioni in più rispetto a maggio 2021 e 637.000 in più rispetto a maggio 2023. (A gennaio 2021, 25,3 milioni di nati all’estero avevano un lavoro).

Non ci sono dati completi su quanti immigrati senza permesso di lavoro siano impiegati, ma gli economisti della Standard Chartered Bank hanno analizzato a maggio quanta parte della recente crescita occupazionale è avvenuta tra gli immigrati come richiedenti asilo, persone in libertà condizionata per motivi umanitari e rifugiati che hanno ricevuto l’autorizzazione a lavorare. legalmente negli Stati Uniti Sebbene nessuno di questi gruppi lavori illegalmente negli Stati Uniti, come ha affermato Trump nel suo discorso, l’analisi offre una prospettiva utile su quanti posti di lavoro questi immigrati potrebbero aver ottenuto negli ultimi anni.

Standard Chartered stima che circa la metà dei nuovi posti di lavoro nell’anno fiscale 2024, iniziato il 1° ottobre, sia andato a questi migranti. In media, secondo l’analisi di Standard Chartered, più di 170.000 di questi immigrati al mese hanno ricevuto i documenti iniziali di autorizzazione all’impiego dai servizi di cittadinanza e immigrazione degli Stati Uniti nell’anno fiscale in corso. In media, circa il 64% della popolazione nata all’estero lavora, il che si tradurrebbe in circa 109.000 richiedenti asilo, persone in libertà condizionata e rifugiati che trovano lavoro ogni mese.

Aumentano i posti di lavoro negli Stati Uniti: a maggio l’economia ha creato 272.000 posti di lavoro

L’economia ha aggiunto circa 230.000 posti di lavoro al mese in questo anno fiscale, quindi questi lavoratori immigrati rappresenterebbero poco meno della metà di tale aumento, secondo l’analisi di Steve Englander, capo della strategia macroeconomica per il Nord America, e Dan Pan, economista. dalla Standard Chartered Bank.

Secondo le stime dell’analisi, nell’anno fiscale 2023, questi immigrati probabilmente riempiranno più di 800.000 dei 3,1 milioni di posti di lavoro aggiunti, ovvero più del 25%. Secondo gli analisti, il recente aumento dell’immigrazione spiega l’aumento della percentuale di lavoratori immigrati nell’anno fiscale in corso.

Gli analisti affermano che potrebbero sottovalutare il numero di immigrati che hanno trovato lavoro perché spesso sono “altamente motivati” a lavorare poiché hanno un accesso limitato ai benefici pubblici.

Trump avrebbe potuto giustamente dire, come hanno suggerito alcuni commentatori di destra, che il numero di lavoratori nativi è diminuito nell’ultimo anno, mentre il numero di lavoratori nati all’estero è aumentato. Ma questo non è vero se si tiene conto dell’intero mandato di Biden.

Inoltre, alcuni economisti affermano che è meglio guardare alla percentuale di persone che lavorano piuttosto che al numero, perché la prima tiene conto dei cambiamenti demografici e demografici, come l’invecchiamento dei Baby Boomer.

Il 59,3% dei nati nel Paese ha lavorato il mese scorso, rispetto al 57,7% di maggio 2021, e il 64% dei nati all’estero aveva un lavoro il mese scorso, rispetto al 60,2% di maggio 2021. L’economia si stava ancora riprendendo dallo shock del la pandemia di Covid-19 all’inizio del mandato di Biden. Entrambi i gruppi avevano tassi di occupazione ancora più bassi nel gennaio 2021.

Tuttavia, la percentuale di uomini nati all’estero occupati è stata superiore alla percentuale di uomini nativi occupati da quando il Bureau of Labor Statistics ha iniziato a tenere traccia nel 2007.

“I posti di lavoro potrebbero scomparire”: quasi il 40% dell’occupazione globale potrebbe essere colpita dall’intelligenza artificiale, afferma il Fondo monetario internazionale

Nel complesso, la proporzione degli uomini che lavorano è in calo da decenni, una tendenza che ha sconcertato gli economisti del lavoro e dato origine a molte teorie sulle cause, come il declino dei posti di lavoro nelle fabbriche, l’ascesa della tecnologia e della globalizzazione e l’aumento del numero di uomini con condanne penali. Tutto ciò può rendere difficile per gli uomini, soprattutto quelli meno qualificati o meno istruiti, trovare lavoro.

“Gli uomini nati all’estero vengono in questo paese e vogliono lavorare”, afferma Wendy Edelberg, direttrice dell’Hamilton Project presso la Brookings Institution. “Sono decenni che assistiamo a un calo dei tassi di partecipazione alla forza lavoro tra gli uomini nativi”.

Il post della CNN verifica: Trump afferma falsamente che quasi tutti i nuovi posti di lavoro creati durante l’amministrazione Biden sono andati ai migranti è apparso per primo sulla CNN.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Barack Obama ritiene inoltre che Joe Biden dovrebbe abbandonare la sua candidatura
NEXT ‘Mi sentivo come se mi attraversasse la pelle’ – El Financiero