Solo il 2% delle emissioni di CO2 derivanti dal commercio sono sotto il controllo diretto del settore (Ambiente) :: Impegno CSR

Solo il 2% delle emissioni di CO2 derivanti dal commercio sono sotto il controllo diretto del settore (Ambiente) :: Impegno CSR
Solo il 2% delle emissioni di CO2 derivanti dal commercio sono sotto il controllo diretto del settore (Ambiente) :: Impegno CSR

Nonostante l’emissione di 1,6 gigatonnellate di CO2e all’anno, che equivalgono a un terzo dell’impronta di carbonio dell’Europa, solo il 2% delle emissioni derivanti dal commercio al dettaglio e all’ingrosso corrispondono a quelle classificate come “Scope 1 e 2”, come conseguenza delle operazioni dirette o dell’energia consumata . Al contrario, quelle classificate come “Scope 3” sono le emissioni indirette e il risultato delle attività di produttori e fabbricanti lungo tutta la catena del valore, nonché l’energia consumata dopo l’acquisto di un prodotto.

Lo studio, che comprende contributi di oltre 25 aziende leader e associazioni imprenditoriali ed esamina l’impronta di carbonio nelle catene di valore europee del commercio al dettaglio e all’ingrosso, evidenzia alcuni dei principali ostacoli al passaggio verso emissioni nette pari a zero e offre raccomandazioni per scenari futuri, nonché gli investimenti necessari nella mobilità sostenibile, nelle infrastrutture, nell’industria pesante, nell’agricoltura e nell’economia circolare. Si concentra principalmente su cinque sottosettori: cibo e bevande, salute e bellezza, tessile e abbigliamento, elettronica, casa e bricolage.

Sebbene alcune aziende abbiano compiuto progressi significativi nel monitoraggio e nella riduzione delle emissioni, soprattutto negli ambiti 1 e 2, lo studio evidenzia la necessità di intensificare gli sforzi a livello di settore e lungo tutta la catena del valore per raggiungere in futuro le emissioni nette pari a zero. Dimostra inoltre la necessità di continuare ad allineare una metodologia europea e settoriale per quantificare le emissioni di Scope 3 e identificare dove possono essere ridotte. Una volta raggiunto questo obiettivo, le organizzazioni saranno meglio preparate a concentrare i propri sforzi sulla riduzione dell’impronta di carbonio, indirizzando gli investimenti e unendosi per superare le sfide legate alle emissioni.

Per Christel Delberghe, CEO di EuroCommerce: “Questo studio illustra sia le opportunità che le sfide per i rivenditori e i grossisti europei nei loro sforzi per ridurre la loro impronta di carbonio. Mentre il settore collega centinaia di migliaia di fornitori locali e globali con diversi Per centinaia di milioni di Consumatori europei, solo il 2% delle emissioni di carbonio è sotto il loro controllo diretto. Ciò significa che qualsiasi cambiamento significativo alla decarbonizzazione richiederà molta più collaborazione e standard comuni lungo tutta la catena del valore per le PMI che non hanno le risorse e le capacità di cui godono le grandi aziende.

Secondo Rainer Münch, responsabile del commercio al dettaglio e dei beni di consumo presso Oliver Wyman: “L’attuale variazione negli standard di calcolo delle emissioni Scope 3 è sconcertante e richiede una maggiore standardizzazione a livello europeo. Il nostro studio evidenzia inoltre le opportunità per le aziende di evolvere il proprio modello operativo ESG e raggiungere una decarbonizzazione più efficace. Allo stesso tempo, raggiungere zero emissioni nette continuerà a dipendere dalle innovazioni tecnologiche e dall’evoluzione della domanda dei consumatori.

Lo studio delinea otto fattori di successo per accelerare il percorso verso lo zero netto: una metodologia armonizzata per il calcolo delle emissioni Scope 3; migliore accesso alla catena di fornitura e ai dati sui consumatori; un quadro normativo chiaro e affidabile; una rapida espansione delle attuali misure di decarbonizzazione; maggiori innovazioni tecnologiche e infrastrutturali; una maggiore adozione da parte dei consumatori di opzioni sostenibili; sofisticati modelli operativi delle società ESG; e una migliore collaborazione lungo tutta la catena del valore.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Banco Estado annuncia i massimali per trasferimenti e vaglia postali