I ‘drag king’ guadagnano spazi dove trasformare l’espressione maschile in cabaret

Lara Malvesi |

Barcellona (EFE).- Gli spettacoli drag, in cui tradizionalmente avevano spazio solo le ‘drag queen’, stanno aprendo la porta ai ‘drag king’, donne che adottano l’espressione estetica maschile e portano in scena i codici del ‘macho’ trasformarli in satira e cabaret.

Due dei “re” più riconosciuti dei drag show LGTBI in Spagna sono Marcus Massalami, dietro il quale si nasconde Melisa Meseger, e Faraonix, l’alterego “drag” di Marta Arán, che hanno spiegato a EFE come le loro identità sul palco abbiano permesso anche farli sentire più a loro agio con il proprio “io” senza trucco.

Marcus Massalami dice che si è travestito per il teatro per tutta la vita, soprattutto nelle opere classiche di autori come William Shakespeare, anche se è stato quando ha saputo dell’esistenza della scena del ‘drag king’ in altri paesi che ” la sua mente esplose” e sentì che la sua strada era stata ritrovata.

Faraonix, l’alter ego drag di Marta Arán, uno dei due “re” più riconosciuti dei drag show LGTBI in Spagna. EFE/Marta Perez

L’ex attrice e infermiera afferma di essere a suo agio con l’etichetta di “gender queer” che le permette di “fluire” ed evitare troppe etichette.

Anche se questo non significa che il suo carattere ‘drag’ sia “molto macho”, con il suo pizzetto, le sue sopracciglia folte e il suo ciuffo blu.

Le ragazze “si esibiscono” come gli uomini

I suoi inizi sono stati “difficili” nonostante abbia vinto un concorso drag nientemeno che nel quartiere LGTBI di Chueca, a Madrid, perché il pubblico non era abituato a vedere le ragazze “esibirsi” come uomini.

Ora dice di sentirsi “accolta” dalla scena drag nei locali LGTBI e dalle stesse drag queen, anche se sottolinea che ci sono uomini eterosessuali che, vedendo le loro esibizioni, “non si sentono troppo a loro agio perché nessuno ha mai visti prima.” Avevo messo uno specchio davanti a me in quel modo.”

Inoltre, all’inizio non aveva molti “riferimenti” per costruire il suo personaggio ed “esibire” una mascolinità in cui gioca con il “maleducato” e osa interpretare un torero e persino imitare David Bisbal.

“È complesso essere un ‘drag king’ perché ha più a che fare con posture, atteggiamenti e interpretazione. Più una ‘drag queen’ usa il trucco e l’artificio, più si avvicina agli stereotipi femminili. Ma il nostro è diverso”, riflette.

“Esplorare l’intera gamma dell’ipermascolinità”

Sottolinea che per questo motivo ciò che alla fine gli interessa di più è “esplorare l’intera gamma dell’ipermascolinità. Mettilo sul palco. Prendi gli stereotipi e gioca con loro.

«Con questa esperienza mi sono reso conto di quanta lettura sociale e performativa abbiamo in un genere e nell’altro», aggiunge.
La “questione di genere” è anche qualcosa che ha perseguitato Marta Arán, drammaturga e attrice, “per tutta la vita”, diventata Faraone dopo una pandemia di COVID in cui, chiusa in casa, ha iniziato a sperimentare con trucco e acconciatura da uomo.

I ‘drag king’ guadagnano spazi dove trasformare l’espressione maschile in cabaret. EFE/ Marta Perez

“Un giorno mi sono vestita da uomo, ho bevuto un whisky e guardandomi allo specchio ho capito quanto ero bella come uomo”, spiega Faraónix ridendo.

Lei sottolinea che si era resa conto di quanto si sentisse “a suo agio” in quel modo, anche se all’inizio era proprio questo che la faceva “spaventare”.
In un workshop di drag king ha studiato come rendere mascolini i movimenti del suo corpo, che riassume come “bloccare i fianchi e le spalle”.

“Mi sono reso conto che i movimenti maschili in realtà mi sono sempre stati naturali fin dall’infanzia, ma che in qualche modo ho imparato a esibirmi da ragazza per essere accettata socialmente. Fino ad ora”, dice.

Il suo personaggio beve da Lola Flores, La Faraona, e gli piace suonare le nacchere, anche se al ritmo della techno o, come lei chiarisce, delle “tecnonacchere”.

Adesso sta vivendo una “esperienza liberatoria” e rivendica con “orgoglio” quella che lei chiama “la penna del maschiaccio”.

È d’accordo con Massalami che “interpretare il maschile” non è facile, perché è il “chilometro zero della nostra società”, qualcosa di “molto interiorizzato” che anche i bambini e gli adolescenti fanno per integrarsi.

“Molte persone per strada, in questo senso, sono drag e non lo sanno”, sottolinea.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT I fan adorano il waifu di 2.5 Dimensional Seduction – Kudasai