Freddo, chitarre, carte e pasta nella prima notte del campeggio per la Palestina nella Complutense di Madrid | Notizie di Madrid

Il buio cala al ritmo di chitarra e nacchere nel campo studentesco filo- allestito nella Città Universitaria. Un gruppo di 20 studenti della Facoltà di Filosofia dell’Università Complutense di Madrid (UCM) ha preparato il terreno per la prima notte di campeggio con classici della Transizione, bulerías e rock. Senza più luce di quella di una candela che si sta sciogliendo sull’erba, i ragazzi affronteranno una notte che si preannuncia lunga e di buon umore. Sulla tovaglia che adorna la scena si vedono i resti di un gnocco di tonno, un bicchiere, una raccolta di poesie di Baudelaire e una copia di La società dello spettacolo. Questo gruppo occupa un angolo, il più vivace, del rettangolo in cui circa 80 tende, con più di 200 studenti, hanno passato la notte questo martedì a sostegno del popolo palestinese, come è successo nei campus degli Stati Uniti, della Francia o altre città spagnole come Valencia, o Pamplona.

I madrileni vogliono prolungare il campeggio almeno fino a sabato, vista la minaccia del governo regionale, che ha convocato i rettori per chiedere “che la politica venga lasciata fuori dalle aule”. Da parte sua, il sindaco di Madrid, José Luis Martínez-Almeida, ha criticato i campeggiatori: “Poiché hanno tanta sensibilità per le cause umanitarie, vorrei che si esprimessero almeno con la stessa fermezza di condanna di Hamas, come quello che hanno fatto stanno facendo condannando Israele, che è uno Stato che ha esercitato il proprio diritto all’autodifesa”. A manifestare il loro sostegno è stata la ministra della Scienza, dell’Innovazione e dell’Università, Diana Morant, che ha mostrato il suo “orgoglio” per gli studenti che manifestano nelle università spagnole a favore della popolazione palestinese.

Il campo si estende sulla sponda sinistra dell’ingresso dell’edificio studentesco dell’UCM, a pochi metri dall’uscita della metropolitana. Per tutta la giornata, sotto un pioppo che non smette mai di piangere, un tavolo pieghevole, cinque sedie e tre volontari compongono uno stand informativo al quale si rivolgono persone disorientate e donatori. I volontari spiegano quali aree sono autorizzate per le tende, i protocolli di sicurezza o la programmazione.

«Quello che ci chiedono di più è cosa donare», spiega uno dei ragazzi della Complutense. Un cinquantenne sorridente si avvicina nel tardo pomeriggio e lascia cadere una manciata di monete in un bicchiere di plastica. “Oggi è tutto quello che ho, domani faccio irruzione in banca e torno”, scherza. I bambini rispondono con un sorriso e ricambiano un’altra battuta. Il luogo funge anche da punto viola per prevenire la violenza di genere.

Tre donne avvolte nelle bandiere della Palestina nel campo studentesco di Ciudad Universitaria.JUAN BARBOSA

Le facoltà più vicine al campo, Odontoiatria e Medicina, rimangono aperte fino alle ore 21:00. Successivamente, la vescica risveglia la sofferenza di alcuni o l’ingegno di altri. Per cena gli organizzatori offrono un piatto di pasta con carne, che strappa gli applausi scroscianti del cuoco, anche lui volontario, quando ore dopo si presenta con un sacco pieno di coperte, pronto per passare la notte.

Ciò che colpisce di più è ciò che accade più vicino. Per non perderti nulla, iscriviti.

sottoscrivi

Uno degli interlocutori degli studenti è un giovane di 22 anni, attivista della Assemblea studentesca dell’URJ Combativa dell’Università Rey Juan Carlos e studentessa di Filosofia a Fuenlabrada. Racconta che l’autoproclamato Blocco Interuniversitario per la Palestina, organizzatore del campo, ha cominciato a prendere piede nelle prime manifestazioni contro la guerra nella Striscia indette a Madrid. I leader preferiscono non identificarsi ai media per paura di ritorsioni.

Il portavoce descrive il gruppo come un movimento orizzontale, anche se con “un gruppo guida”, incaricato di preservare la direzione ideologica del campo e di comunicare con la stampa. Hanno un filo diretto con la direzione dell’Università, che ha delimitato le sue linee rosse su questioni basilari di convivenza come evitare i falò e il consumo di alcol e droghe. Dovranno inoltre utilizzare i bagni del parcheggio e non dovranno dipingere, anche se potranno portare striscioni. In cambio, gli studenti sperano che non vi siano tentativi di sfratto. Il portavoce chiarisce che “questo campo non vuole essere un luogo di svago, ma piuttosto una risposta attiva a un problema serio come il genocidio palestinese”.

Per quanto riguarda i finanziamenti, spiega che i fondi provengono “dai fondi di resistenza che hanno le diverse organizzazioni”, riuniti in un fondo comune. Sono stati aperti anche spazi per le donazioni, come il barattolo presso il punto informativo, affinché i cittadini possano contribuire con contanti, effetti personali o materiale da campeggio.

Uno studente suona la chitarra durante la prima notte di campeggio presso l’Università Complutense di Madrid.JUAN BARBOSA

Il campo coincide con la settimana precedente gli esami finali, quindi è stata delimitata un’area studio lontana dalle tende. Celia del Barrio, portavoce dell’Unione studentesca di Madrid, ha confessato che “c’è molta pressione” per allestire il campo alla vigilia delle prove, poiché molti studenti dipendono dai buoni voti per mantenere una borsa di studio.

La preoccupazione degli studenti non è passata inosservata ad un gruppo di insegnanti che hanno voluto sostenere il campeggio. Ángeles Diez, docente di Scienze Politiche e Sociologia, spiega: ”Volevamo vedere quali fossero le esigenze dei ragazzi del campo e uno era quello di non perdere il corso. Allora ci siamo organizzati: stiamo realizzando un Excel dove scriviamo la materia che insegniamo, per formare gruppi di tutoraggio per gli esami». Iniziano questo mercoledì e non solo con quello. “Ci hanno chiesto aiuto per fare alcuni workshop su come organizzare le conferenze stampa e per saperne di più su ciò che sta accadendo in Palestina e preparare le argomentazioni”, aggiunge Diez.

I docenti di Filologia, Arabo e Scienze Politiche stanno già preparando alcuni interventi, mentre i docenti di Giornalismo formeranno i portavoce a parlare in pubblico. Gli insegnanti che sono andati al campo questo martedì hanno salutato i loro studenti a tarda notte con la promessa di montare la tenda il giorno successivo.

Due studenti Complutense cercano uno spazio libero per la loro tenda nell'insediamento studentesco filo-palestinese di Madrid.
Due studenti Complutense cercano uno spazio libero per la loro tenda nell’insediamento studentesco filo-palestinese di Madrid.JUAN BARBOSA

L’assemblea è uno dei momenti più partecipativi della giornata. In questo incontro quotidiano, studenti e insegnanti propongono azioni complementari, danno suggerimenti o chiariscono dubbi. Martedì, un portavoce dell’Università Autonoma di Madrid (UAM) propone di formare un gruppo di ricerca sui legami degli istituti scolastici con le aziende che finanziano la guerra di Israele in Spagna. Un altro studente propone di scrivere un manifesto e un protocollo in caso di raid. E uno studente dell’Havard si offre di aprire un canale di comunicazione tra il campo di Madrid e quelli dei campus americani come Columbia e Cambridge.

Il tutto è sottoposto ad un voto che consiste nell’applauso in segno di approvazione oppure in una X, rappresentata dall’incrocio degli avambracci, altrimenti. In questa agorà è stato proposto e approvato un calendario di interventi fuori dal campo con picchetti informativi, il primo indetto mercoledì alle 8,30 all’uscita della stazione di Ciudad Universitaria o laboratori come quello organizzato mercoledì dall’assessorato all’ambiente ribellione collettiva per l’estinzione della disobbedienza civile e della resistenza pacifica.

Il risveglio degli studenti

Una delle 60 tende montate la prima notte del campeggio universitario per la Palestina a Madrid.
Una delle 60 tende montate la prima notte del campeggio universitario per la Palestina a Madrid.JUAN BARBOSA

Verso mezzanotte, quando le tende emergono dal terreno come gobbe grigie sull’orizzonte nero, la maggior parte degli studenti si divide in quattro gruppi, mentre gli altri restano nella tenda a guardare un film o a giocare a carte. Un giovane suona la chitarra La Chiesa e una ragazza improvvisa un assolo con il flauto.

Con l’arrivo dell’alba, gli studenti si rifugiano nelle tende. E, con i primi raggi di sole, prima delle 7:00, il campo comincia ad uscire dal letargo. Smunti e afflitti, gli studenti escono dalle tende come appena partoriti, avvolti in coperte che trascinano come entità. Questo mercoledì si terrà la conferenza delle 11:00 e l’assemblea delle 17:00.

Aroa, studentessa di Economia al Carlos III, è una delle prime ad alzarsi. Devi viaggiare un’ora con i mezzi pubblici fino a Getafe per presentare un’opera. Successivamente, tornerai al campo per studiare tutto il giorno. La cosa più difficile della prima notte per lei e per la maggior parte dei ragazzi è stato il vento e il freddo. “Non avevo un materassino, quindi ho messo una coperta sotto e un’altra sopra, ma, ovviamente, dormire sul pavimento è complicato”, dice mentre beve un caffè con latte da un thermos che ha accompagnato con dei biscotti. “Ho pensato ‘se mi trovo male a dormire in tenda, immaginate le persone a cui è stata fatta saltare in aria la casa’ [en Palestina] e lui mi ha detto: ‘Beh, non sono poi così male.’

I primi portavoce a svegliarsi sono usciti con gli occhi vitrei per parlare alla stampa. Il freddo e il bagno sono stati le maggiori necessità della prima notte a Ciudad Universitaria, per questo chiederanno all’università di abilitare i bagni nel parcheggio 24 ore su 24.

Iscriviti qui alla nostra newsletter su Madrid, pubblicata ogni martedì e venerdì.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Sono oltre 700 gli sfollati in Uruguay dopo le gravi inondazioni che hanno colpito cinque province del Paese
NEXT La Bolivia movimenta 62.624 tonnellate attraverso il porto peruviano di Matarani in tre mesi